il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

ILVA

ILVA

(4 Agosto 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Il saccheggio del territorio)

Amantea (CS) 24 ottobre 2009 Manifestazione Nazionale ambiente

“Quando l’ultimo albero sarà stato abbattuto, l’ultimo fiume avvelenato, l’ultimo pesce pescato, solo allora vi accorgerete che non si potrà mangiare il denaro”

(25 Ottobre 2009)

Vicende, per anni taciute e soffocate, solo negli ultimi tempi sembrano aver acquistato rilevanza nell’opinione pubblica calabrese e nazionale. In realtà, Cetraro , la valle del fiume Oliva, Crotone, Praia a mare, etc. sono solo gli esempi a noi più noti del quotidiano degrado in cui versa la nostra regione, sub-colonia strumentale alla conservazione degli interessi dei poteri economici e politici nazionali ed internazionali.

Noi compagni e compagne del Laboratorio Politico Aula P2 Occupata e del Collettivo Politico Militanz, non rappresentati dalla classe “dirigente” locale e nazionale, ci opponiamo a che il corteo odierno diventi la consueta e vile passerella del carosello politico istituzionale, pronto a ergersi da complice qual è dell’attuale scempio ambientale a brigante difensore della terra nostra. Invitiamo la popolazione a maturare coscienza critica ed a riprendersi il ruolo che gli spetta, vale a dire protagonista attivo nella gestione del governo e del territorio.

Purtroppo ancora oggi il sud e le sue popolazioni continuano ad essere serbatoio da cui attingere forza-lavoro sfruttata e sottopagata; il suo territorio continua ad essere depredato di risorse e materie prime divenendo discarica in cui insabbiare qualsiasi tipo di rifiuto usufruendo di connivenze tra una casta politica autoreferenziale e settori della malavita organizzata. Malavita che non rappresenta l’antistato, ma è un’organizzazione complementare e strettamente intrecciata con parti decisive degli apparati statali, funzionale al mantenimento degli attuali equilibri di potere.

Il sotterraneo incremento del tasso di mortalità e di incidenza tumorale, finora sapientemente insabbiato, gli operai morti nella fabbrica della Marlane, l’utilizzo di materiale tossico nella costruzione di opere pubbliche a Crotone, etc. rende sempre più evidente, qualora ce ne fosse bisogno, che le vite di migliaia di uomini, donne e bambini, possono essere e sono quotidianamente sacrificate sull’altare del profitto in nome degli interessi del capitale.

È riduttivo analizzare la questione ambientale slegata dalle dinamiche del più ampio contesto; quello dell’attuale sistema di produzione, basato sullo sfruttamento dell’uomo sull’uomo, sul dominio del denaro su tutto. Solo operando in quest’ottica si può portare avanti una lotta che superi le istanze delle singole realtà locali e crei le radici per intendere il territorio come un bene inviolabile.
Affinché l’evento di oggi non resti fine a se stesso, è necessario lavorare insieme per la creazione di spazi e momenti di riflessione e di lotta,fino alla vittoria!!!

AULA P2 OCCUPATA CUBO 40/C UNICAL
http://p2occupata.noblogs.org
p2occupata@inventati.org

CPM - COLLETTIVO POLITICO MILITANZ
http://militanz-cpm.blogspot.com
militanz.cpm@gmail.com

3749