">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

PRIMA PAGINA

  • Stampa comunista: inutili i personalismi, serve un gioco di squadra
    Oggi, benché il Partito Comunista Italiano si sia sciolto nel 1991, lasciando il posto a un mosaico di piccoli partiti che si ispirano all’ideologia comunista, il bisogno di un’informazione critica e impegnata permane.
    (28 Febbraio 2024)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Chi non occupa preoccupa)

    Massima solidarieta’ ai compagni e alle compagne del cpo Experia!

    (31 Ottobre 2009)

    All’alba di questa mattina, venerdì 30 ottobre, è stato sgomberato il centro popolare occupato Experia di Catania, esperienza di autogestione politica e proletaria che resisteva da 17 anni in uno spazio occupato.

    Lo sgombero è avvenuto con l’irruzione degli sbirri all’interno del centro con cariche e pestaggi dopo una mezz’ora di resistenza attiva da parte di un centinaio di persone, tra compagni e solidali, che avevano barricato il centro popolare. A presidiare il centro c’erano anche insegnanti e precari che con i compagni dell’Experia da mesi portano avanti la lotta contro la controriforma della scuola. In queste ore nei pressi dell’Experia circa 200 persone stanno protestando con presidi e blocchi stradali.

    L’appuntamento lanciato dai compagni è alle 14 davanti al centro per un presidio permanente e un’ assemblea pubblica. Non ci sono fermi ma alcune persone sono rimaste ferite a causa delle cariche della polizia.

    L’intenzione è di chiudere e reprimere un punto di riferimento popolare, radicato e riconosciuto da anni a Catania, dimostrato anche dalla numerosa presenza a difesa dello centro popolare. I padroni sanno bene che di fronte alle nefandezze che producono: sfruttamento, precarietà, guerre imperialiste e massacri in giro per il mondo, morti sul lavoro e distruzione, esperienze di reale antagonismo sociale e di autorganizzazione esterne alle logiche del consumo del mercato, possono rappresentare un esempio di lotta per tanti proletari e sfruttati e per questo devono essere zittiti e bastonati.

    Possiamo immaginare il clima a Catania in questo momento, non deve essere tanto diverso dal clima che ha portato allo sgombero del Cpo Gramigna nel luglio 2007. Conosciamo bene la violenza degli sbirri, l’opera di mistificazione dei mass media e la rabbia per queste pratiche fasciste! I compagni di Catania erano al nostro fianco a manifestare a Padova dopo lo sgombero del Gramigna, basterebbe questo per stringerci a loro!

    Forza compagni, la lotta non si sgombera!
    La solidarietà è la nostra arma, usarla è necessario!


    Padova 30-10-2009

    Collettivo politico Gramigna
    www.cpogramigna.org

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Notizie sullo stesso argomento

    Ultime notizie del dossier «Chi non occupa preoccupa»

    Ultime notizie dell'autore «CPO Gramigna - Padova»

    9383