il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Mani bianche

Mani bianche

(23 Dicembre 2010) Enzo Apicella
Manifestazioni in tutte le città contro il decreto Gelmini

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Flessibili, precari, esternalizzati)

Cenni sull'Azienda Pollo del Campo-Gruppo Amadori

(7 Novembre 2009)

A Forlì c'è un' azienda che conta più di 1000 dipendenti;
Il 70% di questi sono assunti a tempo determinato, i cosiddetti 151nisti, di cui circa un centinaio assunti nel 2009.


Quest'anno, con l'accordo di CGIL-CISL e UIL ,100-150 di questi supereranno le 179 giornate, limite massimo stabilito oltre il quale, senza accordo, i contratti a tempo determinato si trasformerebbero in tempo indeterminato.
Di seguito, quindi, una serie di riflessioni:

1) un' azienda che occupa 100-150 operai per più di 180 giorni l'anno e per più anni consecutivi quanti di questi ne dovrebbe assumere a tempo indeterminato? Crediamo che il 15% non sarebbe una richiesta scandalosa!
...ma l'azienda concede 3 al massimo 4 passaggi e questi pochi nemmeno scelti nella lista dei casi sociali proposti dai sindacati (abbiamo ragazze madri, famiglie con 4-5 figli che lavorano in questa condizione anche da 15 anni).
2) un' azienda che tiene 700 operai per il collo, facendoli lavorare a chiamata, senza mai nessuna sicurezza!
Senza essere in grado di strutturare un calendario lavorativo! Che decide di fatto quando e quanto deve mangiare un operaio.
3) un' azienda ancora definita agricola ma che lavora tutto l'anno secondo l'andamento del mercato europeo e non certo seguendo le stagioni.
4) un' azienda che HA CHIUSO il 2008 con elevati di utili costringendo i suoi dipendenti turnisti a fare 1 ora di "pausa" non retribuita anzichè i nostri sacrosanti 25 minuti pagati.
5) un'azienda che con un organico di 1000 dipendenti non mette a disposizione spazi adeguati al consumo dei pasti ma li fa mangiare in corridoio o negli spogliatoi tra odore di scarpe e gabinetti.
6) un'azienda che ha eliminato la sala fumatori confinandoli fuori dal perimetro aziendale, nel parcheggio, senza un riparo a fumare come dei ragazzini che si fanno le canne seduti sullo scalino del marciapiede anche quando piove o nevica.

Cosa dire a quest'azienda?
Cosa dire a Francesco AMADORI?


04/11/2009

Proletaria Emilia Romagna

14840