il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Primo Maggio

Primo Maggio

(1 Maggio 2009) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Diritti sindacali)

Le Cooperative

Lo sfruttamento mascherato da socio-lavoratore

(8 Novembre 2009)

Non si parla mai della situazione dei lavoratori soci e non delle cooperative. Ti senti ripetere, dopo aver pagato 2/3 mila euro che sei diventato un socio-lavoratore, per poi sentirti ricattato se non voti ciò che pensa il cda...ect ect

Sapevate che gli Statuti interni delle cooperative sia Lega-coop che Conf-cooperative sanciscono regole particolari che riducono i diritti stabiliti dal contratto nazionale? Parliamo per esempi concreti:
sia gli educatori professionali che gli operatori socio-sanitari quando effettuano uno straordinario non sono pagati ma vanno a credito di ore.
Se io in una settimana accumulo 6 ore di straordinario non vengo pagata ma accumulo ore che posso poi richiedere come riposo. Mi direte che bello non è malaccio. Peccato che in realtà il credito di ore, nel mese dopo, viene smaltito secondo regole dettate dal tuo coordinatore. In più dove esiste il bagde se fai ritardo per tre volte pagherai una piccola multa in moneta sonante. Il ritardo viene calcolato partendo dai 6 minuti! Quindi se ritardi 6 minuti paghi, se però fai straordinario non vieni pagato!

Vi ricordo che data la natura del nostro lavoro e cioè a contatto con le persone con i più disparati problemi e difficoltà...fare straordinario è quasi all'ordine del giorno!

Altra bella notiziola: molti di noi lavorano su tre turni (mattino, pomeriggio, notte) quando lavori di notte dovresti avere un riposo adeguato e una maggiorazione adeguata? Invece non succede quasi mai. Se io oggi, domenica, svolgo il turno di notte e smonto su lunedì dovrei riposare martedì ma invece cosa succede? Che martedì lavoro e come. Quanto mi pagano in più per avere svolto il turno della notte? 15 euro circa! Wow! In più vi chiederete se faccio il turno di notte della domenica dovrei avrei una ulteriore maggiorazione? Beh non c'è vengo pagata come un giorno qualsiasi anche se fosse il 25 di dicembre! Forse dal prossimo anno dovrebbero pagarci sia le domeniche, sia le notti nei festivi, ect..il condizionale è d'obbligo.

Potrei continuare all'infinito ma ciò che ora mi preme dichiarare e che non sono una persona che vota a destra ma ha sempre votato a sinistra e non ho mai votato PD. Però non ho mai sentito fare una critica, una sola critica alla gestione delle cooperative. Penserete che certe deroghe ai diritti servano a mantenere in vita la cooperativa che altrimenti non riuscirebbe a mantenersi? Anzi questa frase la ripeteno spesso i presidenti e dirigenti delle cooperative..beh rispondo che ai diritti non possono essere applicati delle deroghe per non parlare dei bei soldoni che giungono alle coop e degli sgravi fiscali di cui usufruiscono!

Spesso ti viene detto: "Ah ma che bel lavoro, sei proprio una persona speciale!". Certo è un bel lavoro occuparsi di chi sta peggio, di chi ha problemi mentali, di salute, di dipendenza, con gli anziani ect ect...ma non è una missione. E' un lavoro da svolgere con coscienza e con grande deontologia professionale.

Ma sapete quanto siamo pagati per un lavoro così importante e usurante? Un educatore mille euro e si sente fortunato. Un operatore socio-sanitario viene pagato 900 euro, una vergogna!!! Calcolando notti, festivi e il peso emotivo che questo lavoro implica.

All'estero la figura simile all'educatore viene riconosciuta con una paga di almeno duemila euro per non parlare dei nostri operatori socio-sanitari che in alcuni paesi arrivano a tremila euro!!!!!!

Ringrazio la grande famiglia della cooperativa...tutti uguali, tutti soci, tutti con gli stessi diritti/doveri solo con funzioni diverse ...una bella bufala

Silvia Galluzzo

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Diritti sindacali»

Commenti (2)

alla faccia

spesso viene riproposta,sopratutto in questa crisi, l'idea di creare cooperative che rilevino le aziende in crisi. Questo articolo è una delle argomentazioni possibili del "perchè NO". La cooperazione nel mercato capitalistico nella migliore delle ipotesi diventa autosfruttamento, altrimenti sfruttamento da parte dei dirigenti di chi svolge materialmente il lavoro.

(9 Novembre 2009)

un lettore di OPERAI CONTRO

giurema@libero.it

Chiedersi il perchè

mettere nella casella "trova tag" che si trova in fondo a sinistra del blog http://mujeres_libres.blog.tiscali.it/ ,
la parola cooperazione sociale e fare invio.
Nel frattempo chiedersi "il perchè".
Buona lettura

(9 Novembre 2009)

mujeres libres

i.dematteis@tiscali.it

7593