">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Taranto

Taranto

(14 Agosto 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • Stampa comunista: inutili i personalismi, serve un gioco di squadra
    Oggi, benché il Partito Comunista Italiano si sia sciolto nel 1991, lasciando il posto a un mosaico di piccoli partiti che si ispirano all’ideologia comunista, il bisogno di un’informazione critica e impegnata permane.
    (28 Febbraio 2024)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    I lavoratori della Marcegaglia Buildtech di Milano hanno rotto gli indugi e sono scesi in sciopero.

    (21 Dicembre 2009)

    Il 16 dicembre 2009 su richiesta delle RSU è avvenuto un incontro con la proprietà del gruppo Marcegaglia nella persona di Antonio Marcegaglia.

    Come una doccia fredda il sig. Marcegaglia ci ha comunicato l'intenzione di dismettere un reparto produttivo e 70 probabili esuberi, che in questa fase iniziale sono circa 50.

    Poi questa dichiarazione è stata abbellita dalla presunta volontà dell'azienda di non licenziare nessuno.

    Nelle assemblee è stato chiaro ai lavoratori, alle RSU e alle organizzazioni sindacali FIOM-CGIL e FLMU-CUB è che l'azienda vuole tagliare l'occupazione qui nello stabilimento di Milano.

    La RSU ha proclamato 2 ore di sciopero per oggi.

    Tutta la produzione si è fermata e siamo andati a presidiare il viale ex breda bloccando tutte le merci in entrata e in uscita. L'intasamento di camion e automobili ha provocato l'interruzione del traffico del viale Sarca.

    Durante il presidio abbiamo deciso di prolungare lo sciopero di un ulteriore mezz'ora, e per un ora circa si sono uniti a noi i lavoratori della Mangiarotti Nuclear che avevano appena decisione di cominciare un presidio permanente contro la chiusura del loro stabilimento che sorge proprio di fronte allo stabilimento Marcegaglia.

    È evidente che le ristrutturazioni in corso nell'area sono legate a piani di speculazione degli industriali che attualmente vi producono.

    Emma Marcegaglia dice che il peggio è passato, ma è evidente che è passato per i padroni che ricominciano ad accumulare profitti, mentre vogliono far pagare tutti i costi della crisi a noi lavoratori.

    Le Nostre richieste sono molto semplici e chiare:
    · Ritiro immediato del progetto di riduzione del personale
    · Serio piano di investimenti per riconvertire il reparto in difficoltà
    · Garanzie degli attuali assetti occupazionali
    Da gennaio dovremo insieme a tutte le altre aziende in lotta costruire iniziative comuni per rendere ancora più forti le nostre rivendicazioni.

    Milano 21.12.2009

    La RSU Marcegaglia Buildtech di Milano

    9310