il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Primavera

Primavera

(8 Febbraio 2011) Enzo Apicella
4 bambini Rom muoiono nell'incendio della loro roulotte causato forse da una stufetta

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(La tolleranza zero)

Razzismo democratico

La persecuzione degli stranieri in Europa (a cura di Salvatore Palidda)

(8 Gennaio 2010)

Razzismo democratico

La persecuzione del nemico di turno è un fatto politico totale: assicura consensi e business, è il crime deal del XXI secolo.

A trent’anni dall’inizio della rivoluzione liberista riemergono pratiche e discorsi analoghi a quelli adottati nei secoli scorsi nei confronti dei popoli colonizzati e dei lavoratori che osavano cercare di emanciparsi. Come negli Stati Uniti, anche nei paesi europei il crime deal è ormai una realtà le cui ricadute sociali sembrano ancora sconosciute.
I testi qui raccolti, realizzati dai ricercatori europei del progetto Crimprev, studiano il processo di criminalizzazione su migranti, zingari e marginali autoctoni, la “tolleranza zero” e l’esasperazione delle paure e delle insicurezze. Attraverso un’analisi critica dei dati statistici, tutto ciò è interpretato come un’efficace risorsa politica ed economica del potere neoconservatore.

Contributi: Marcelo F. Aebi, Hans-Joerg Albrecht, Edoardo Bazzaco, Mary Bosworth, José Ángel Brandariz García, Alessandro De Giorgi, Nathalie Delgrande, Cristina Fernández Bessa, Mhairi Guild, Bernard E. Harcourt, Yasha Maccanico, Marcello Maneri, Laurent Mucchielli, Sophie Nevanen, Salvatore Palidda, Gabriella Petti, Nando Sigona, Jérôme Valluy, Fulvio Vassallo Paleologo, Tommaso Vitale.
Progetto Crimprev: Assessing Deviance, Crime and Prevention in Europe

Salvatore Palidda insegna sociologia presso l’Università di Genova. Fra le sue principali pubblicazioni: Mobilità umane (Cortina, 2008), Polizia postmoderna (Feltrinelli, 2000).

Commenti (1)

razzismo

torno a scrivervi dopo diverso tempo, non perché non avessi nulla da dire, ma perché sono stanca, mi sono imposta di non ascoltare più niente che non fosse quel poco la cui fonte mi sembrava quanto meno attendibile e vicina alle mie idee..però oggi sono nauseata, ma possibile che non ci accorgiamo che escludere, ghettizzare, perseguitare, discriminare forma quello che sarà inevitabilmente il nemico. Io non voglio vivere di propaganda sull'amore, e poi assistere a persecuzioni razziali, io sono stanca e quanti saremo ormai che la pensano così? Basta con le leggi razziali.

(8 Gennaio 2010)

teresa

solitaria1958@libero.it

6194