il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Cantiere Italia

Cantiere Italia

(17 Novembre 2010) Enzo Apicella
Presentato il report Inail: gli omicidi sul lavoro nel 2009 sono stati 1021

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Di lavoro si muore)

Omicidio bianco all’arsenale di Taranto

Rdb P.I. accusa la difesa (spa) e sostiene la mobilitazione dei lavoratori

(26 Gennaio 2010)

E’ di ieri pomeriggio il primo omicidio bianco nel Ministero della Difesa dall’istituzione della “Difesa Servizi SpA”, avvenuta il 1° gennaio con una norma contenuta nella legge Finanziaria. All’Arsenale di Taranto è morto il collega Giovanni De Cuia, ai cui familiari vanno le più profonde condoglianze e la vicinanza della RdB Pubblico Impiego.

“In una situazione come quella dell’Arsenale di Taranto, disastrata e devastata da una ristrutturazione selvaggia e dalla privatizzazione delle lavorazioni in atto da oltre dieci anni, solo l’alta professionalità e l’attenzione delle maestranze ha impedito ci fossero episodi luttuosi come quello verificatosi ieri”, denuncia Giuliano Greggi della Direzione Nazionale RdB Pubblico Impiego.

“Una situazione, quella dell’Arsenale e più in generale della Difesa, trascurata dai media e dalla politica – prosegue Greggi - per cui è passato sotto silenzio prima lo smantellamento dell’Area Industriale Difesa, poi la ristrutturazione del Ministero con la soppressione di Enti, Arsenali e siti produttivi, e ora la creazione della Società per Azioni, che privatizzerà quello che resta del Ministero rispondendo solo all’azionista di riferimento, il Governo, e non più al Parlamento e al Paese”.

Incalza il dirigente RdB P.I.: “Si è creata una situazione di insicurezza non solo rispetto al futuro lavorativo di decine di migliaia di lavoratori ma anche rispetto alla loro incolumità e a quella dei lavoratori delle ditte appaltatrici che vivono una condizione di latente illegalità. Una situazione che RdB da anni denuncia e contrasta da sola contro un’amministrazione miope e una pletora di sindacati collaborazionisti e con l’assordante silenzio della politica”.

Aggiunge Greggi: “Si cercheranno ora le responsabilità di quello che è accaduto e magari si troveranno in qualche malcapitato capo squadra di qualche ditta che aveva avuto un qualche appalto, non volendo cercare e trovare le vere responsabilità che sono di coloro che hanno destrutturato, e continuano con accanimento a farlo, uno dei settori pubblici veramente produttivi, a discapito degli interessi collettivi perseguendo specifici interessi di profitto. Di fronte a questa situazione – conclude Greggi - la RdB P.I. sostiene i lavoratori della Difesa nella mobilitazione perché il diritto alla sicurezza sui luoghi di lavoro e il diritto al lavoro non sia una merce da sacrificare sull’altare del profitto”.

Roma, 26 gennaio 2010

Rappresentanze Sindacali di Base Pubblico Impiego

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Di lavoro si muore»

Ultime notizie dell'autore «RdB CUB - Rappresentanze Sindacali di Base Confederazione Unitaria di Base»

5074