il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Salvate la Sanità

Salvate la Sanità

(28 Novembre 2012) Enzo Apicella
Secondo Monti il sistema sanitario nazionale è a rischio se non si trovano nuove risorse

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Sanità Lazio: odiosi e ingiusti i ticket in pronto soccorso

(29 Gennaio 2010)

“La scelta di Guzzanti di introdurre il ticket in Pronto Soccorso, se confermata, oltre che odiosa è particolarmente ingiusta e penalizzante”, commenta Licia Pera della RdB Sanità Lazio. “Infatti i cittadini del Lazio sono già costretti a pagare IRPEF e IRAP oltre i livelli massimi, grazie ad un piano di rientro che non ha migliorato le prestazioni sanitarie né, tantomeno, ridotto le liste d’attesa. Ha invece soppresso ben 3 ospedali solo a Roma, tagliando complessivamente circa 5.000 posti letto e, come evidenziato dalla Corte dei Conti nella sua relazione, continua a produrre costantemente altro debito”.

Precisa la rappresentante RdB: “Una mera operazione di cassa che, oltre a non intervenire strutturalmente sulle cause che provocano l’affollamento dei Pronto Soccorsi, finirà per colpire le fasce più deboli della popolazione, che non sapranno più a quale santo votarsi mentre chi può permetterselo bypasserà le lunghe liste d’attesa ambulatoriali. Assurdo e contradditorio poi che a tale provvedimento si affianchi la conferma del blocco del turn over del personale, ridotto già all’osso da un decennale blocco delle assunzioni e che solo negli ultimi 3 anni ha visto una diminuzione di circa 4.000 unità. Chi si occuperà del triage e delle pratiche amministrative per il pagamento del ticket, se il personale non è sufficiente nemmeno a garantire soccorso ai codici rossi e gialli?”.

“La RdB, infine, trova patetico e in malafede questo modo di considerare la salute e la sanità come un bancomat per qualsiasi Governatore o Commissario, quando ormai le cause degli sprechi sono evidenti a tutti: appalti, esternalizzazioni, proliferazione di manager e consulenti, assenza di controlli sul privato accreditato, ovvero tutto ciò a cui chiunque si sia succeduto alla guida del Lazio si è ben guardato di mettere mano“, conclude Licia Pera.

Roma, 28 gennaio 2010

Rappresentanze Sindacali di Base Pubblico Impiego

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Sanità pubblica: rottamare per privatizzare»

Ultime notizie dell'autore «RdB CUB - Rappresentanze Sindacali di Base Confederazione Unitaria di Base»

5449