il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Grazie Londra

Grazie Londra

(27 Marzo 2011) Enzo Apicella
Londra. In 500.000 contro il governo Cameron. Assaltati negozi, banche e anche Fortnum & Mason, l'esclusivo negozio di tè a Piccadilly

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Lotte operaie nella crisi)

"Diritto al lavoro" o libertà dal lavoro salariato?

Venezia. Conferenza pubblica su crisi, disoccupazione, precarietà

(3 Febbraio 2010)

Chiunque non sia intossicato dall'ideologia capitalistica capisce benissimo che la liberazione di lavoro umano operata dalle macchine, dalla scienza e dall'organizzazione potrebbe essere un vantaggio per tutta l'umanità, la quale non sarebbe certo schifata se potesse dedicarsi ad attività vitali o anche semplicemente belle e divertenti invece di essere schiavizzata dalla necessità di accumulare sempre più Capitale.

Sembra immensamente lontano il tempo in cui gli operai scendevano in piazza organizzando manifestazioni contro il lavoro, quando cioè pretendevano una forte riduzione dell'orario e un salario decente per i disoccupati; quando avevano il coraggio di sfidare l'avversario sul suo terreno, quello preparato dallo sviluppo generale della produttività. Lo sviluppo sociale e produttivo ci libera dal lavoro, e quindi la nostra parola d'ordine umana e non capitalista dovrebbe essere ancora la stessa: "La liberazione dal tempo di lavoro è tempo di vita guadagnato. Se il capitalismo sfrutta sempre di più un numero sempre minore di lavoratori, gettando gli altri nella disoccupazione, ebbene, liberiamoci del capitalismo".

Governanti, capitalisti e sindacalisti di ogni specie hanno un bel gridare a gran voce che il lavoro è sacro, che è un diritto sancito dalla Costituzione, che nobilita l'uomo. Quando il lavoro viene eliminato dal moderno sistema di produzione esso non è né sacro né maledetto, è semplicemente superfluo. Di fronte all'operaio che si chiude nel capannone fatiscente, o che si ammazza per dodici ore al giorno con salario tagliato per salvare la "sua" fabbrica dalla concorrenza, c'è un mondo di milioni di persone che non lavorano più.

Gli industriali vogliono che si lasci libera azione al mercato affinché riduca il prezzo della forza lavoro; i sindacati la vogliono a basso prezzo e a disponibilità illimitata per l'azione di decreti governativi concordati con le cosiddette parti sociali. Firmano senza battere ciglio decreti sullo sfruttamento intensivo ed estensivo del lavoro. Si sa, le esigenze dei mercati debbono essere soddisfatte.

Parlano e agiscono così solo a causa della tronfia sicurezza offerta loro da una classe proletaria che, pur se provvisoriamente corrotta con false sicurezze e ideologie del nulla, conserva intatto il suo potenziale di lotta.

Eccoli perciò organizzare processioni e innalzare preghiere al dio lavoro, facendosi preti di una religione che lo stesso capitalismo si incarica di distruggere nei fatti.

Venerdì 12 febbraio, ore 21.00.
TEATRO DEI FRARI
(calle Drio l'Archivio, San Polo 2464/Q, Venezia)

"Diritto al lavoro" o libertà dal lavoro salariato?
Conferenza pubblica su crisi, disoccupazione, precarietà


la redazione della rivista "n+1"
www.quinterna.org

la redazione della rivista "n+1"

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Lotte operaie nella crisi»

Ultime notizie dell'autore «n+1 Rivista sul "movimento reale che abolisce lo stato di cose presente"»

4883