il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

All'estero abbiamo già votato

estero

(27 Maggio 2011) Enzo Apicella
4 milioni di italiani residenti all'estero hanno già ricevuto le schede dei referendum e hanno già iniziato a votare.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Nucleare? No grazie!)

Nucleare. La Lega è “schiava di Roma”

(1 Marzo 2010)

Il Comitato Antinucleare ha incontrato gli esponenti dell’autonomismo Veneto.
Contradditoria la Lega; nettamente contrario il PNV di Panto; per un referendum regionale Silvano Polo. Prime crepe fra l’elettorato leghista.

Nei giorni scorsi il Comitato Antinucleare ha incontrato in due diverse occasioni esponenti dei principali soggetti politici dell’autonomismo veneto: la Lega Nord in un incontro pubblico a Legnago il 25/2; il PNV di Gianluca Panto e Il Partito dei Veneti di Silvano Polo nel corso dell’incontro-dibattito pubblico coi candidati presidente il 20/2, ma disertato invece da Luca Zaia.

Differenti le posizioni sul nucleare espresse dai diversi partiti. Netto il no di Gianluca Panto: - “il veneto è autosufficiente per l’energia elettrica, il nucleare non serve, bisogna pensare a come cambierà l’economia nei prossimi decenni perché sarà meno energivora”; per Silvano Polo invece: - siamo contro il nucleare, ma devono essere i Veneti a decidere con un referendum perché non può essere che la decisione di un referendum abrogativo come quello dell’87 possa essere arbitrariamente ribaltata dal Governo romano”.

La Lega Nord invece ha confermato ai nostri inviati una grande contraddittorietà: è favorevole a Roma, sia in Parlamento che al Governo dove siede Luca Zaia; non contraria e quindi agli effetti pratici favorevole, è a Venezia; mentre invece il candidato di Lega e PDL, in campagna elettorale ha detto di essere favorevole al nucleare in sé ma contrario nel Veneto (come se gli effetti di una centrale ad Ostiglia, a Viadana, a Caorso o a Monfalcone, rispettassero i confini regionali).

Messi di fronte a queste contraddizioni evidenziate dai nostri inviati, gli esponenti della Lega, presente fra gli altri anche Cenci, non hanno trovato di meglio che riversare su di loro una raffica menzogne e di insulti inconcludenti.

Grande confusione, insomma, utile per rassicurare il proprio popolo; ma in realtà con queste decisioni la Lega più che “ancella del dio Po” sembra invece essere “schiava di Roma”.

Lino Pironato

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Nucleare? No grazie!»

4678