">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Detroit bankrupt city

Detroit bankrupt city

(19 Luglio 2013) Enzo Apicella
Detroit è fallita, rischio di migliaia di licenziamenti e di tagli alle pensioni municipali

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Firmato il contratto della gomma plastica: anche qui passa la controriforma del sistema contrattuale

(23 Marzo 2010)

E’ stato firmato il contratto dei lavoratori della gomma plastica e come al solito tutti i dirigenti sindacali, compresi quelli della Filctem-Cgil, considerano questo risultato come il massimo e il meglio possibile.

In realtà anche qui, come negli altri contratti firmati unitariamente:

- Passa la nuova struttura contrattuale con il contratto nazionale che dura tre anni con i 7 mesi di blocco per gli scioperi tra un contratto e l’altro, con la totale variabilità del salario aziendale.

- Si riducono i diritti e gli spazi di contrattazione, sia collettivi che individuali. Infatti la contrattazione aziendale viene bloccata per 12-18 mesi, a seconda delle scadenze, mentre il leggero incremento dei salari superiore all’Ipca è, come spiegano la Cisl e le imprese, pagato integralmente dalla maggiore flessibilità del lavoro.

- Si conclude il contratto senza una vera consultazione dei lavoratori, basata sul referendum, ma con il solito sistema della raccolta dei voti e dei pareri nelle assemblee.

In particolare nel contratto della gomma plastica si introduce un principio profondamente negativo per i lavoratori del settore ma anche per tutti gli altri: le riduzioni di orario di lavoro, frutto di tanti anni di lotte e conquiste, vengono legate alla presenza in fabbrica. In questo modo la riduzione dell’orario diventa una sorta di premio di presenza.

Si capisce perché la Confindustria consideri molto positivamente questo risultato.

Ancora una volta si dimostra che i contratti svolti con il nuovo sistema contrattuale, frutto dell’accordo separato del 22 gennaio 2009, producono una riduzione del salario e dei diritti. I 100 euro di aumento sui minimi in tre anni, largamente scaglionati, sono proporzionalmente meno di quanto la gomma plastica ottenne nei contratti precedenti che duravano due.

A questo punto solo i metalmeccanici restano con un contratto separato, mentre tutte le altre categorie hanno un contratto unitario all’interno del nuovo sistema. La Confindustria ha più volte espresso la propria soddisfazione per questo risultato, anche perché è ottenuto in gran parte senza nemmeno un minuto di sciopero.

La Rete28Aprile considera sbagliata la scelta di rientrare dalla finestra in un sistema contrattuale che, oramai è chiaro, impone accordi dove è più quello che si restituisce che quello che si ottiene. Bisogna andare avanti sul no al sistema contrattuale del 22 gennaio, così come hanno fatto i metalmeccanici della Fiom, altrimenti, un po’ alla volta, il contratto nazionale di lavoro verrà sostituito dalla totale flessibilità e dalla precarietà del salario, delle condizioni di lavoro, dei diritti.

La Rete28Aprile nella Cgil dice no al contratto della gomma plastica

Roma, 22 marzo 2010

Rete 28 Aprile nella Cgil per l’indipendenza e la democrazia sindacale

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Difendiamo il contratto nazionale di lavoro»

Ultime notizie dell'autore «Rete del 28 aprile per l'indipendenza e la democrazia sindacale»

Commenti (1)

permessi L.104

Perchè l'anticipazione delle richieste per l'utilizzo dei tre giorni della L.104; di tre mesi da presentare per coloro che le usano per accudire i familiari, è sensata??
Ho sentito alcuni dottori; concordano che è un abuso di potere, a mio avviso ben camuffato per addossare eventuali disagi e discordia verso i sindacati, ancora una volta per nascondersi dietro qualcuno e attribuire le proprie responsabilità ad altri. Come si fa a pensare che chi ha problemi di salute possa dare un preavviso di tre mesi o di tre giorni come per le urgenze e/o cercare e portare il certificato del medico curante. E se non c'è? quando lo troviamo, un modo per far saltare i nervi anche a loro: come dire "mal comune mezzo gaudio" (se da fastidio al padrone dover permettere tre giornate di permesso senza autorizzarli, che stiano male anche i dottori e che si facciano loro i certificati) e comunque adesso si dovranno sempre fare tutte e tre le giornate.
Anche chi ha un attaccamento al proprio senso del dovere dovrà farsele sempre tutte e tre. Il tutto con la perdita sulle ROL che adesso andranno ricalcolate con ullteriori giornate perse al vero riposo del lavoratore già pesantemente decurtato per coloro che si ritrovano le ferie schematizzate.
A questo punto è più gisto chiedere per TUTTI coloro che sono turnisti nelle aziende certificate l'elevazione della propria categoria con l'adeguamento del gruppo; chi ad esempio chi ha il gruppo 3 riconoscere il gruppo 2.
Considerando il cumulo di masioni,
le turnazioni che non sono considerate usuranti grazie soprattutto all'utilizzo delle ferie individuali schematizzate, l'elevazione delle aziende dove si lavora (non dimentichiamo che sono certificate) sarebbe quantomeno "ETICO" far riconoscere il giusto, e con il riconoscimento del gruppo,
almeno così si compenserebbero molte carenze e tagli imposti sui CCNL negli ultimi anni e con un lieve recupero sul potere d'acquisto.
Cordialmente,

(24 Marzo 2010)

Garibaldi

ottobreazzurro@yahoo.it

13512