il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

F35

F35

(30 Gennaio 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(No basi, no guerre)

Praga 2010: la primavera nucleare

(8 Aprile 2010)

La grancassa mediatica è impegnata da settimane a descrivere il “gran passo” che Barak Obama farà nella capitale della Repubblica Ceca, dove insieme al collega russo firmerà il nuovo Trattato Start, all’insegna di una cosiddetta “lotta alla proliferazione nucleare”.
Se solo volessimo commentare i numeri della riduzione proposta non ci sarebbe certo da stare tranquilli: le “residue” scorte di bombe e missili in dotazione ai due Stati potrebbero distruggere alcune decine di volte il nostro pianeta. 1.550 testate nucleari strategiche a testa!
Entrando poi nel merito del nuovo trattato l’impressione netta è quella di un’ennesima operazione di maquillage dell’Amministrazione statunitense.
L’era Obama, più che da quest’accordo, sarà probabilmente ricordata come quella della simulazione e degli ossimori. Nobel per la pace docet.

L’arsenale nucleare della guerra fredda non si tocca.
Le centinaia di bombe nucleari presenti in Italia, Germania, Belgio, Olanda e Turchia non saranno oggetto di discussione. La vicenda andrà discussa nell’ambito della NATO, che notoriamente non è un organismo propriamente democratico, a causa del predominio del Pentagono in ogni suo ambito decisionale.

Lo scudo antimissilistico in Europa centro meridionale procede, nonostante il “niet” russo.
Il Ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha imposto l’inserimento di una clausola di ritiro unilaterale della Russia dal Trattato di Praga nell’eventualità del rafforzamento missilistico USA in Europa centro meridionale. Solo a febbraio scorso le diplomazie bulgare e rumene dichiaravano di essere in contatto con Washington per dispiegare entro il 2015 rampe antimissile dell’esercito statunitense.

Si salvano solo cyber terroristi e….Israele
Abolita la ridicola minaccia dell’amministrazione Bush di bombardare entità territoriali dalle quali potrebbero partire attacchi di feroci haker, tutto il resto del mondo è passibile d’attacco nucleare preventivo, in primis i famosi “paesi canaglia”: Iran e Corea del Nord.
Degli alleati di Obama non si parla, tantomeno si toccano. Eclatante il caso di Israele, paese il quale, pur non avendo mai sottoscritto un solo Trattato di non proliferazione, possiede centinaia di testate nucleari.

S’investe su qualità e conservazione del rimanente magazzino di morte.
Nel trattato praghese non si parla di limiti al potenziamento qualitativo delle forze nucleari, per il quale il vice di Obama, Joseph Biden ha promesso ai responsabili dei laboratori nucleari del Pentagono un prossimo investimento di ben 5 miliardi di dollari.

Le primavere di Praga continuano a lasciare l’amaro in bocca.
Quella del 1968 auspicava una libertà senza aggettivi, sostanziatasi poi nella libertà dello sfruttamento dell’uomo sull’uomo.
Quella del 2010 auspica un falso disarmo ad uso e consumo di una potenza in declino, al probabile scopo di scaricare le responsabilità del suo fallimento sull’avversario di sempre, la Russia.

Superata l’ennesima ubriacatura elettorale - durante la quale neppure nelle Regioni interessate dalla presenza di basi militari USA/NATO i programmi dei partiti parlavano di lotta contro la guerra - ci auspichiamo che l’agenda politica dei movimenti si riempia di nuovo di parole d’ordine ed obiettivi antimilitaristi.

In una fase di crisi economica gravissima si distolgono sfacciatamente fondi pubblici dalle spese sociali per coprire le occupazioni militari e foraggiare le industrie di armi.
Per rendere aderente alla realtà la parola d’ordine “Noi la crisi non la paghiamo” occorre abbinarla a “Noi la guerra non la paghiamo”!

La Rete nazionale Disarmiamoli

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «No basi, no guerre»

Ultime notizie dell'autore «Rete nazionale Disarmiamoli!»

4886