il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

Taranto

Taranto

(29 Luglio 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Il saccheggio del territorio)

L’eolico e il solare agli speculatori

(2 Maggio 2010)

Se l’economia, anche quella giustamente sovvenzionata come quella dell’energia eolica e solare, non viene minuziosamente regolata da regioni e comuni, ecco verificarsi ciò che denuncia l’ultimo numero de L’Espresso, intitolato “vento di mafia”, che ci parla di faccendieri, mafiosi, speculatori, che mettono le mani sugli incentivi per la costruzione di impianti verdi, creando i soliti disastri tipici della gestione “liberista” della economia.
Quindi abbiamo immediatamente in opera tutti i meccanismi tipici del “liberismo”, con concentrazioni, accaparramento di terreni agricoli, incuria per il paesaggio, riciclaggio di capitali, e quanto di meglio c’è nel nostro quotidiano Far West.
Ciò viene fatto con la complicità del legislatore che sa benissimo chi sono gli “utilizzatori finali” degli incentivi, e non certo per incapacità o ignoranza.

Taglio corto e vi invito a pensare perché uno come Vendola, in Puglia, non abbia formulato, pur avendone il potere le seguenti NECESSARIE REGOLE:
-ogni regione deve avere un proprio piano energetico regionale, la regione e solo essa eroga gli incentivi, lo fa solo a favore di cittadini residenti nella propria regione da più di 5 anni, non dà autorizzazioni alla costruzione di impianti su terreni agricoli, allo scopo di tamponare l’abbandono delle campagne promuove la indipendenza energetica di ogni casa contadina, promuove la indipendenza energetica di ogni capannone industriale o artigianale, e alla fine, se rimangono fondi, nelle zone industriali si può accettare la costruzione di parchi eolici e solari a fini speculativi.

Se non si mettono queste regole, quando ci sono gli incentivi pubblici, va a finire, prevedibilmente, come denuncia “L’Espresso” e bisogna domandarsi il perché.
Infatti se i cittadini di una regione vengono esclusi dagli incentivi per darli agli speculatori e ai mafiosi che vengono da fuori (anche dal Nord), la ricchezza e il benessere non si diffondono, aumentano nelle persone fatalismo, odio per i politici, rassegnazione, passività, astensione elettorale.
Tutte le responsabilità sono della politica se non si fanno regole chiare, Se non le fanno i papponi della destra capiamo il perchè. Da Vendola pretendiamo che la Puglia sia portata fino alla totale indipendenza energetica, diffondendo questo benessere e questa sicurezza, orizzontalmente e diffusamente a tutti i suoi cittadini e realtà produttive.

Il “liberismo” ha distrutto l’Italia, facendone una fogna a cielo aperto, senza un piano per i rifiuti, con le discariche in mano alla mafia, con i piani regolatori decisi non dai geologi ma dalle mazzette dei palazzinari, dove le emergenze idrogeologiche sono enormi e ogni disastro è un affare, si progettano fabbriche di morte come gli inceneritori perché non si vuole organizzare la raccolta differenziata con riciclo,si affondano navi con rifiuti tossici davanti alle coste senza che nessuno se ne accorga, si progettano centrali atomiche e non si riescono a smantellare quelle chiuse e a mettere in sicurezza le scorie radioattive sparse per mezza Italia.
E’ ora di fare una alleanza tra buoni amministratori e cittadini e dettare nuove regole.
Cominciamo dalla Puglia!

Paolo De Gregorio

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il saccheggio del territorio»

Ultime notizie dell'autore «Paolo De Gregorio»

3608