il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Dove volano i salami

Dove volano i salami

(2 Maggio 2010) Enzo Apicella
Arrestati undici 'Falchi' della polizia di Napoli, per aver "ripulito" il carico di un tir rapinato

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

Non ci lasciano stare, non li lasciamo stare!

ancora perquisizioni ed intimidazioni in tutta Italia...

(12 Luglio 2003)

Questa mattina, 11 luglio, su ordinanza del sostituto procuratore di Bologna Giovagnoli, sono state effettuate 56 perquisizioni ad altrettanti compagni e compagne con l'ormai usuale accusa di "associazione sovversiva con finalità di terrorismo" (art. 270 bis). Le città coinvolte sono Bologna, Milano, Parma, Firenze, Torino, Rovereto, Roma, Padova, Modena, Venezia e Trieste. Nelle perquisizioni sono stati coinvolti amici e parenti dei compagni e delle compagne indagate, finanche persone, anche straniere, che si trovavano casualmente ospitati in alcune case. Sono stati sequestrati computers, materiale cartaceo ed addirittura effetti personali o riguardanti il lavoro. L'inchiesta riguarda formalmente la sigla, non più esistente da tempo, del CRAC (centro di Ricerca per l'Azione Comunista), ma ha coinvolto una vasta area del movimento, compresi alcuni nostri compagni. Le indagini dirette dal solerte Giovagnoli riguardano esclusivamente iniziative e documenti di carattere pubblico. Non vengono imputati fatti concreti, ma si contesta agli indagati di essere "comunisti internazionalisti" (pagina 2 del decreto), di considerare che il capitalismo "ha ormai esteso il suo dominio su tutto il pianeta [...] e che con l'aggravarsi delle condizioni sociali di sopravvivenza anche i focolai di scontro si diffondono e si intensificano" (pagina 7). In sostanza, si imputa ai compagni e alle compagne di denunciare il carattere disumano di questo modello economico, sociale e politico e di partecipare al vasto movimento che si oppone e resiste nella prospettiva di una società diversa e libera dallo sfruttamento.

Da Genova 2001 è ormai uno stillicidio continuo di denunce, pedinamenti, perquisizioni, provvedimenti restrittivi, cariche e pestaggi, sevizie e omicidi perpetrati ai danni di chi non piega la testa ai diktat dei poteri forti capitalistici e cerca di individuare una strada radicalmente alternativa per risolvere una crisi economica ormai endemica che produce guerre, miseria, sfruttamento, morti per lavoro su tutto il pianeta.

Contrastiamo questa ennesima intimidazione rafforzando la ricomposizione sociale e politica di classe ed esprimiamo solidarietà attiva nei confronti di tutti i compagni e le compagne indagati, perseguitati o arrestati. Procedendo separati siamo tutti/e più deboli e facilmente reprimibili. Differentemente, radicandoci nei posti di lavoro, sul territorio e nelle scuole, e riuscendo a sviluppare lotte e mobilitazioni unitarie, saremo non solo capaci di affrontare l'inevitabile repressione che colpisce chi si mobilita contro il capitalismo, ma ciò ci aiuterà anche ad individuare e praticare meglio un percorso di reale liberazione dal sistema del mercato.

SOLIDARIETA' AI COMPAGNI E ALLE COMPAGNE INDAGATI E PERQUISITI!
CONTRO IL CAPITALISMO E LA SUA REPRESSIONE LOTTIAMO UNITI!
ORE E SEMPRE RESISTENZA!

Fonte

  • Assemblea Nazionale Anticapitalista

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Storie di ordinaria repressione»

4147