il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Deja vue, vue, vue

Deja vue

(14 Aprile 2010) Enzo Apicella
I leader di 47 Paesi negli Stati Uniti per una conferenza sulla non proliferazione atomica, anzi sulla non proliferazione... in mano a regimi ostili

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • PICCOLA RUMINAZIONE IN LODE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI CHE IN QUESTI GIORNI...
    (UN DISCORSO FATTO A VITERBO NELL'ANNIVERSARIO DELLA NASCITA DI ALFIO PANNEGA)
    (21 Settembre 2019)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Imperialismo e guerra)

    Nuovo ordine mondiale e processo costituente europeo

    Documento di Batasuna sulla Costituzione europea

    (13 Luglio 2003)

    Le dichiarazioni uscite dal recente vertice G8 dei grandi di questo mondo ed il consenso maggioritario ottenuto fra i grandi dell’Unione Europea nell’ambito della Convention diretta da Giscard d’Estaing ci mostrano chiaramente che le contraddizioni emerse fra gli stati circa l’invasione dell’Iraq non sono antagoniste fra loro, benché siano l’espressione di un processo interno complicato e multilaterale, mondiale ed europeo, molto profondo e che ha come obiettivo il nuovo ordine mondiale globalizzatore e neoliberista. Queste contraddizioni, sebbene siano importanti, non sono in nessun caso incompatibili, dato che i blocchi contrapposti durante l’invasione dell’Iraq, anche nell’ambito del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, sostengono, in fondo, lo stesso modello economico, politico e culturale capitalista, in modo, questo sì, più o meno “civilizzato”, a seconda dei casi. L’unica differenza importante risiede nel modello e nel modo di gestione che propongono per il futuro del pianeta.

    I primi propongono un capitalismo unipolare egemonizzato dagli Stati Uniti d’America e gestito soprattutto da istituzioni finanziarie affini e gli altri un capitalismo multipolare gestito politicamente, in teoria, dalle nazioni Unite con la partecipazione delle loro istituzioni finanziarie e multinazionali.

    Dietro a tutto questo, si nasconde, fra l’altro, la battaglia sotterranea sulla moneta di scambio e di riferimento internazionale, come anche quella sulle transazioni finanziarie multinazionali. Vale a dire, la vera guerra fra il Dollaro e l’Euro, strumenti di dominazione ovunque si trovino. Non a caso le iniziative belliche degli Stati Uniti, coperte dal mantello della lotta antiterrorista, si accelerano proprio quando i petrodollari cominciano ad essere in realtà petroeuro e quando le nuove tecnologie che trasformano il mondo del lavoro e della produzione iniziano ad essere sempre più europee e meno nordamericane o quando gli investimenti in America Latina, in parte dell’ex Unione Sovietica e in parte dell’Asia si realizzano sempre più in Euro.

    Per tutto questo, ciò che è realmente in gioco con l’invasione e dominazione dell’Iraq è molto più del controllo delle riserve strategiche di petrolio o acqua. Ciò che è in campo è tutta una strategia per la riorganizzazione del pianeta dal punto di vista della squadra di Bush. Per gli Stati Uniti d’America che, oggi, dispongono soprattutto dell’egemonia militare, è indispensabile recuperare e rafforzare la loro egemonia economica mondiale, ma non lo possono più fare dall’ambito del risanamento della loro economia nazionale, attualmente in cattivo stato, e per questo hanno bisogno di ricorrere all’invasione ed all’occupazione militare, politica ed economica di nuove regioni nel mondo. Invasione e controllo che, inoltre, tolgono autonomia ad altri possibili futuri competitori in ambito internazionale.

    Dobbiamo, quindi, ritenere che questo scontro interno al mondo capitalista si protrarrà durante i prossimi anni e rafforzerà, inoltre e soprattutto, i settori economici, politici e militari più conservatori del mondo. Con tutto questo, vogliamo sottolineare che il riassetto che si sta verificando nel mondo risponde prima di tutto ad una situazione di crisi interna allo stesso modello neoliberista e globalizzato del capitalismo, incapace di trovare una via d’uscita valida e sostenibile per il pianeta e per i suoi abitanti. Le vere vittime di questa crisi capitalista e del modello di integrazione che il capitalismo propugna sono, prima di tutto, i milioni di persone che vivono nella povertà, specialmente i bambini, le bambine e le donne, i milioni di lavoratori e lavoratrici che vedono peggiorate le loro condizioni di lavoro e la qualità della loro vita; per non parlare della situazione dei/delle sempre più numerosi/e migranti, senza documenti, senza domicilio, senza nulla, dei servizi pubblici di ogni tipo, che si privatizzano sistematicamente, della natura, che si vede saccheggiata da un modello di sviluppo assolutamente insostenibile, dei popoli e delle nazioni senza Stato, che si vedono sottoposti ad un forte processo di acculturazione ed assimilazione linguistica e, anche, di certi settori responsabili delle tradizionali economie nazionali, che si vedono sempre più impoveriti. In poche parole, regressione in tutti gli ambiti dei diritti umani e collettivi… Regressione democratica ed aumento del totalitarismo, in nome della sicurezza.

    EUROPA, LA STESSA STORIA

    In questo panorama mondiale, i settori economici egemoni in Europa, si muovono, da anni, per fare sì che questa regione del mondo sia in futuro un polo di riferimento e competitivo distinto da quello degli Stati Uniti d’America. L’adozione dell’Euro come moneta unica è l’esempio più chiaro di quanto diciamo ed il vero motore di questo processo. La trasformazione delle attuali istituzioni europee, l’allargamento ad est dell’Unione -con l’ingresso di dieci nuovi stati-, la carta sociale europea, lo spazio giudiziario e poliziesco europeo, la politica estera e di difesa europee, la Costituzione europea sono, fra gli altri, i dibattiti che si svolgono nell’ambito della Convenzione e che hanno l’obiettivo di tentare di evitare l’unilateralismo politico e l’egemonia economica e militare assoluta degli Stati Uniti d’America in tutto il mondo. Forse così si comprendono meglio le diverse contraddizioni politiche sull’invasione dell’Iraq dove, certamente, gli interessi europei erano ormai più radicati di quelli degli Stati Uniti d’America.

    È vero, e c’è chi lo affermerà, che la futura Unione Europea è ben lungi dal poter competere in politica internazionale con gli Stai Uniti d’America; sul piano militare e della politica estera, oggi, ciò è più che evidente. La considerazione sarebbe molto più relativa e meno definitiva in campo economico, ma è solo questione di tempo; l’Euro fa sì che questo processo di costruzione di un referente proprio dell’Unione Europea in tutti gli aspetti politici ed economici sia inevitabile ed inarrestabile. Il problema sta nel fatto che i settori economici che vogliono che la futura Unione Europea sia competitiva a livello internazionale, con la coda dell’occhio, guardano agli Stati Uniti d’America: privatizzazione dei servizi pubblici, sociali ed energetici, iniziativa privata nell’economia strategica, smantellamento delle conquiste sociali, precarizzazione del mondo del lavoro, uniformità del modello culturale, controllo politico, poliziesco e sociale interno da parte degli stati, speculazione finanziaria internazionale, politica estera colonizzatrice…

    UN ALTRO MONDO NON SOLO È POSSIBILE, È NECESSARIO

    Nonostante ciò, un altro mondo, un’altra Europa ed un’altra Euskal Herria (Paese Basco, N.d.T.) non solo sono possibili, ma sono anche necessari, indispensabili; se prima abbiamo detto che non esistono contraddizioni antagoniste fra l’Unione Europea che si sta costruendo nella Convenzione ed il modello che propugnano gli Stati Uniti d’America attraverso il G8, la Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale o la stessa Organizzazione Mondiale del Commercio, non accade lo stesso fra noi che sosteniamo un altro modello, quello socialista; questo è totalmente antagonista.

    È vero che siamo contrari all’unilateralismo politico ed all’egemonia militare ed economica degli Stati Uniti d’America, ma neppure il capitalismo multipolare “civilizzato” che sostengono i grandi stati europei è, secondo noi, valido.

    “NO” A QUESTA COSTITUZIONE EUROPEA

    Siamo milioni di lavoratori e lavoratrici europei, migliaia di collettivi cittadini o sociali di ogni tipo, decine di popoli ad essere danneggiati direttamente dal modello costituzionale europeo che ci presenta Giscard d’Estaing nell’ambito della Convenzione; questa Costituzione Europea non è contraria al neoliberismo né alla globalizzazione, ecco perché dobbiamo iniziare a dire “NO” a questa Costituzione europea.

    Riunirci in forum sociali di ogni genere va bene; creare forum sociali di ogni genere è ancora meglio; ma dobbiamo andare oltre, dobbiamo pensare alla creazione ed alla concretizzazione di strumenti politici, non solo nazionali o statali, ma anche internazionali. Strumenti politici che uniscano ed articolino nella pratica i lavoratori e le lavoratrici, le nazioni senza Stato, i settori progressisti, tutto questo spazio politico e sociale contrario a questo modello europeo.

    Se siamo convinti e convinte che nei prossimi anni la contraddizione interna fra coloro che sostengono un mondo unipolare o multipolare capitalista avrà come conseguenza l’oppressione della dissidenza antagonista, il degrado della democrazia, la distruzione dell’ecosistema, l’acuirsi della violazione dei diritti umani individuali e collettivi come anche la scomparsa di popoli e culture, anche in Europa, oggi, più che mai, è necessario rafforzare l’alternativa socialista e creare l’alleanza politica che, nell’ambito dell’Unione Europea, esigerà, per esempio e per cominciare, la celebrazione in tutta Europa del referendum sulla Costituzione Europea che ci viene presentata, per poterla subito respingere, considerandola contraria agli interessi della maggioranza sociale, sindacale e politica europea. Questo è la nostra principale sfida internazionale, a livello europeo, nei prossimi mesi.

    Donostia, giugno 2003

    Joseba ALVAREZ
    Parlamentare del gruppo Sozialista Abertzaleak

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Notizie sullo stesso argomento

    Ultime notizie del dossier «Il polo imperialista europeo»

    Ultime notizie dell'autore «Joseba Alvarez - parlamentare di Sozialista Abertzaleak nel Parlamento della Comunità Autonoma Basca»

    10988