il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

No TAV

No TAV

(29 Gennaio 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

La nuova legge anticomunista in Ungheria

(18 Giugno 2010)

Il KKE condanna la mostruosa delibera, ignara della storia e provocatoria, della maggioranza governativa del Parlamento Ungherese con la quale si equiparano i crimini dei fascisti tedeschi e l’olocausto degli ebrei con i presunti “crimini del comunismo” .

La delibera governativa arriva al punto di sanzionare penalmente la differente valutazione sugli avvenimenti storici, imponendo pene di reclusione da 1 fino a 3 anni per qualunque persona oserà negare pubblicamente i presunti “crimini” del comunismo.

Il governo del partito liberale Fidesz, rappresentando gli interessi della plutocrazia ungherese e incoraggiato dalle rispettive mosse anticomuniste dell’ Unione Europea, del Consiglio Europeo e delle altre organizzazioni imperialiste continua la sua discesa anticomunista. A fianco della legislazione sulla proibizione dei simboli comunisti ora si aggiunge anche la persecuzione penale per tutti quelli che non sono d’accordo con la lettura(anticomunista) ufficiale degli eventi storici.

Questi fatti costituiscono una vera provocazione per la stessa verità storica poiché identificano il socialismo con l’olocausto degli ebrei quando è risaputo che i comunisti sono stati l’avanguardia per la sconfitta del fascismo e grazie agli incalcolabili sacrifici dell’Armata Rossa e dell’URSS si son liberati e salvati dalla certa eliminazione fisica centinaia di migliaia di ebrei dai campi di concentramento nazisti.

Il popolo ungherese che viene bombardato dalla classe borghese del suo paese con gli stessi dilemmi terroristici circa il fallimento(economico) di quelli usati dalla plutocrazia qui in Grecia, riconosce bene il fatto che il governo si prepara a prendere nuovi provvedimenti antipopolari. Codesta politica è inseparabilmente collegata con l’intensificazione dell’anticomunismo.

I borghesi sforzandosi di “blindare” il loro futuro, attaccano il passato socialista e il contributo del socialismo e non esitano di abbandonare gli ultimi pretesti riguardanti la “libertà”, rivelando così la vera faccia della democrazia borghese che non è altro dalla dittatura dei monopoli. Però, malgrado l’attivazione delle persecuzioni e delle varie proibizioni da parte dei governi e dei loro partiti borghesi non potranno fermare lo sviluppo sociale. La nostra epoca è epoca di passaggio dal capitalismo al socialismo.

Le idee comuniste, la lotta per un altro potere, per il socialismo-comunismo è oggi più che mai attuale!

L’anticomunismo non passerà!

Esprimiamo la nostra completa solidarietà al Partito Comunista Operaio Ungherese ed esigiamo il ritiro immediato di tutte le persecuzioni anticomuniste, dei divieti, dei provvedimenti e delle delibere contro i comunisti e il movimento popolare, che sono stati adottati nei paesi membri dell’ U.E.

Rizospastis 11.5.2011

Partito Comunista di Grecia (KKE)

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Storie di ordinaria repressione»

Ultime notizie dell'autore «Partito Comunista di Grecia (KKE)»

5587