">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

25 Aprile

25 Aprile

(23 Aprile 2009) Enzo Apicella
Il libro di Domenico Losurdo "Stalin.. storia e critica di una leggenda nera" scatena la polemica all'interno del Prc

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Ora e sempre Resistenza)

Milano: Grave provocazione fascista

contro il Centro di Iniziativa Proletaria "G.Tagarelli" e il Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio

(27 Aprile 2003)

Ieri, 25 aprile 2003, un gruppo di fascisti ha nuovamente infangato, anche a Sesto S.Giovanni, la giornata di lotta che ricorda la resistenza contro il nazifascismo. Intorno alle 23.30 un gruppetto di fascisti è stato visto strappare lo striscione contro la guerra di aggressione all’Iraq fissato sulla cancellata del Centro e rubare la bandiera rossa, esposta in ricordo dei partigiani morti nella guerra di liberazione e di tutti i lavoratori morti a causa dello sfruttamento capitalista.

Il Centro di Iniziativa Proletaria e il nostro Comitato, da sempre attivi nella lotta per la difesa dei diritti degli operai e dei lavoratori, alcuni giorni prima del 25 aprile, per non dimenticare la lotta di liberazione contro il nazifascismo, avevano organizzato un’affollata assemblea con la partecipazione di testimoni diretti come Carlo Talamucci, partigiano ed ex lavoratore della Breda, Ettore Zilli, partigiano ed ex deportato a Dachau, Luigi Bossi, partigiano, Luigi Borgomaneri, storico della Resistenza, e altri protagonisti di quelle giornate di lotta a Sesto S.Giovanni, ricordando a 60 anni di distanza, attraverso le parole di chi organizzò e partecipò a quelle lotte, cosa fu la Resistenza nelle fabbriche di Sesto.

Questo episodio si collega alle provocazioni che in questi giorni i fascisti hanno attuato in tutta Italia contro i simboli della Resistenza e si spiega con il fallimento di chi cerca di mettere sullo stesso piano i partigiani morti nella lotta per la liberazione dal nazifascismo e i fascisti morti nel sostenere e difendere quella dittatura.

Sesto S.Giovanni, città medaglia d’oro della Resistenza, che tanti dei suoi lavoratori vide morire nella guerra di Liberazione, non può più tollerare gesti simili.

BASTA CON LE PROVOCAZIONI FASCISTE

Per rispondere a queste provocazioni, il 10 maggio 2003, alle ore 16.30 organizzeremo una manifestazione che partirà dal nostro Centro. Nel ricordare come ogni anno i lavoratori della Breda morti a causa dell’amianto, ricorderemo anche tutti i lavoratori caduti nella Resistenza.

VIA I FASCISTI DA SESTO S.GIOVANNI
ONORE AI PARTIGIANI E A TUTTI COLORO CHE SONO CADUTI NELLA LOTTA
PER LA LIBERTA’ DAL NAZIFASCISMO E CONTRO LO SFRUTTAMENTO
ORA E SEMPRE RESISTENZA


Sesto S.Giovanni, 26 aprile 2003

Comitato per la Difesa della Salute
Centro di Iniziativa Proletaria nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio "G. Tagarelli"
tel. 335.7850799

5159