il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

No TAV

No TAV

(29 Gennaio 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

Comunicato stampa di michele terra esecutivo nazionale pcl

(23 Luglio 2010)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.pclavoratori.it

La Cancellieri sulle orme di Cofferati: forte coi deboli, debole con i forti. Dagli sgomberi alle multe ai lavavetri alla riduzione di Sirio, la commissaria impone una politica di destra alla città. Speriamo torni presto a Genova a far compagnia all'ex sindaco.

Nelle ultime settimane le scelte politiche e amministrative della commissaria Cancellieri hanno avuto una decisa virata a destra, mentre un Pd ormai allo sbando plaude per riflesso condizionato.

L'ultimo sgombero dell'edificio occupato da senza casa, ai quali va la nostra solidarietà, ci riporta agli anni bui di Cofferati: un sindaco eletto dal centrosinistra ma che amministrò con scelte leghiste la città.

Gli interventi della commissaria a favore di una deroga del patto di stabilità per poter avviare i lavori della metropolitana rivelano una volta di più chi siano i suoi referenti sociali: industriali e costruttori che pur di fare cassa vogliono un'opera costosissima e inutile alla città.

Intanto vengono abbandonati a se stessi i precari del Comune mentre si rifinanziano – su richiesta diretta della curia - le scuole materne private cattoliche. Nulla dice l'amministrazione sulla chiusura di uno stabilimento storico come l'Officina Grandi Riparazioni Fs, che comporterà la perdita di alcune centinaia di posti di lavoro.

La sinistra radicale (Prc-Pdci-Sel) dimostra ancora una volta la propria subalternità al Pd, dichiarandosi disposta a rinnovare l'alleanza utile solo a guadagnare qualche poltrona. La parabola di questa sinistra è esemplificata a Bologna proprio dalla vicenda delle Ogr: oggi il Prc fa comunicati di solidarietà agli operai, nel 2006 approvava i piani che deindustrializzavano l'area senza chiedersi che fine avrebbero fatto i lavoratori.

Occorre costruire un'opposizione di sinistra politica e sociale senza aspettare la fine del commissariamento, occorre una sinistra alternativa e contrapposta al Pd padronale e che sia coerentemente dalla parte dei lavoratori. E' questo l'impegno del Partito Comunista dei Lavoratori di Bologna, mentre ci auguriamo che al più presto la commissaria Cancellieri raggiunga Cofferati a Genova.

Bologna, 23 luglio 2010

pcl.bologna@virgilio.it

pcl.bologna@virgilio.it

www.pclavoratori.it

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Storie di ordinaria repressione»

Ultime notizie dell'autore «Partito Comunista dei Lavoratori»

2054