il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Suora Pronobis

Suora Pronobis

(10 Settembre 2011) Enzo Apicella
Maurizio Sacconi spiega l'articolo 8 della Manovra (quello sui licenziamenti senza giusta causa) con l'esempio delle suore violentate: "basta dire di no"

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • E' uscito il n. 100 di Alternativa di Classe
    (16 Aprile 2021)
  • SOMMARIO DE IL PARTITO COMUNISTA N. 408 - Aprile 2021
    organo del partito comunista internazionale
    (15 Aprile 2021)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Diritti sindacali)

    Distruggere lo Statuto dei lavoratori per renderci schiavi questo è l'obiettivo del Piano Triennale per il lavoro del Ministro Sacconi

    (5 Agosto 2010)

    anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.cobas.it


    Cobas Pubblico Impiego

    04/08/2010 18:54

    Il Consiglio dei Ministri ha approvato il 30 luglio 2010 il disegno di legge su un Piano triennale per il lavoro, battezzato “Liberare il lavoro per liberare i lavori”. Lo ha elaborato il ministro Sacconi con l'assenso di Cisl-Uil-Ugl e sarà la base per stravolgere i diritti dei lavoratori e cancellare lo Statuto e i contratti.

    L'obiettivo di Sacconi è piegare i lavoratori ai piani delle imprese perché
    abbiano totale libertà di azione e generalizzare i contratti sfavorevoli e da fame per i neo assunti, chiudendoli in gabbie salariali e assenza di diritti.

    Dopo l’accordo-quadro separato del 22 gennaio 2009 e la sua formalizzazione nell’accordo interconfederale, sempre separato,
    del 15 aprile dello stesso anno, tra governo, Confindustria e Cisl-Uil-Ugl,
    sul modello contrattuale, il disegno di legge sarà la base per un nuovo giro di vite sulle relazioni sindacali, in perfetta continuità e complicità col modello Marchionne per Pomigliano, già in via di estensione a tutto il gruppo Fiat, oltre che ad altre aziende, non solo metalmeccaniche, ma anche tessili.

    C’è da aggiungere che il ministro cosiddetto del lavoro sta scrivendo un
    altro dei suoi capolavori legislativi, quello della pratica cancellazione del
    diritto di sciopero, non solo nei trasporti, ma anche nella generalità dei rapporti
    di lavoro, pubblici o privati che siano. Più che “liberare il lavoro per
    liberare i lavori”, sarebbe giusto intitolare il Piano di Sacconi “liberare i padroni
    da ogni vincolo di legge e di contratto, per rendere schiavi i lavoratori”. Ai
    quali non sfuggirà la necessità di liberarsi da Sacconi e da tutta la sua cricca di padroni e sindacalisti-fantocci.

    Cobas Pubblico Impiego - Confederazione Cobas Pisa
    www.confederazionecobaspisa.it

    www.cobas.it

    3316