il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

OGM

ogm

(21 Settembre 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Il saccheggio del territorio)

Modena: fermiamo il partito del cemento!

Distruzione mirata all'ex AMCM: i bulldozer della Giunta abbattono vergognosamente la storica rimessa dei tram!

(25 Agosto 2010)




Il Partito della Rifondazione Comunista si unisce alle sacrosante proteste di Italia Nostra e del WWF contro il “colpo di mano” agostano all’ex AMCM. E’ stata infatti demolita la rimessa dei tram, caratteristico edificio dello storico insediamento delle municipalizzate della nostra città, sfuggita al vincolo della distratta soprintendenza per un mero errore materiale di identificazione catastale. Le ferie si confermano un periodo pericoloso per i modenesi. Due anni fa, l’8 agosto, la Giunta mandò la polizia a sgomberare Libera per poter lanciare operativamente il progetto dell’autodromo di Marzaglia.

Non v’era alcuna ragione apparente di procedere con urgenza. Ma a pensare male viene in mente che il prossimo 15 settembre ci sarà un’udienza del TAR. Qualcuno deve aver trovato buona l’idea di mettere i giudici amministrativi davanti al fatto compiuto. Osserviamo inoltre che la vecchia rimessa dei tram occupava uno spazio centrale nell’area ex AMCM. Quali sarebbero state le “disastrose” conseguenze per la cosiddetta riqualificazione dell’area se la rimessa dei tram fosse stata dichiarata protetta in quanto edificio di archeologia industriale? Magari saltava lo scempio della torre da 11 o 12 piani? Attendiamo, per nulla fiduciosi, risposte.

Fino all’ultimo Sinistra Ecologia e Libertà (SEL), ben poco libera nell’opporsi a Pighi, ha coperto l’azione della Giunta alimentando illusioni su “aperture” e fumosi percorsi partecipativi. Le ruspe hanno spazzato via anche questo chiacchiericcio da ceto politico.

L’abbattimento della rimessa dei tram segna un passo in avanti, o per meglio dire all’indietro, nell’arroganza decisionista della Giunta di centro-sinistra. Preparati in questo modo, gli Stati Generali sulla città voluti da Pighi saranno solo una grancassa mediatica per ottenere il consenso su scelte urbanistiche già prese e blindate. Ragione in più perché chi non ci sta a fare il giullare o la “coscienza critica” di corte organizzi tutta l’iniziativa, la contro-informazione e la mobilitazione possibili per fermare la devastazione del territorio in nome del dio Capitale.

Francesco Giliani - segretario circolo PRC Modena "Gramsci"

4145