il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Usciamo di casa

Usciamo di casa

(28 Settembre 2012) Enzo Apicella
Sciopero generale del Pubblico Impiego

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Lotte operaie nella crisi)

Indesit: la lotta continua

(25 Agosto 2010)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.operaicontro.it

INDESIT: la lotta continua Caro Operai Contro 25 agosto 2010. Oggi si torna in fabbrica, dopo la pausa ferie e una settimana di cassa integrazione passate al presidio, a vigilare che il padrone non svuotasse il magazzino con 22 mila lavatrici.

Si torna a lavorare ma la struttura del presidio rimane lì, perché il padrone a fine settembre, vorrebbe mettere in pratica la decisione comunicata a giugno: chiusura della fabbrica con 430 operai licenziati. Da quel momento è partita la lotta.
A fine luglio con l’intento di far smantellare il presidio, Merloni ha fatto rientrare tutti a lavorare, ma gli operai non hanno abboccato, sono rientrati a lavorare senza togliere la struttura del presidio.

Nelle 2 settimane di lavoro Merloni ne ha approfittato, facendo portar fuori dalla ditta che gestisce la logistica, un migliaio di lavatrici in più dell’accordo stabilito, intaccando la scorta di magazzino, mentre gli accordi consentivano un’uscita non superiore alla produzione giornaliera che è di 3.150 lavatrici. Questo per non dare spunto all’azienda di mettere in libertà gli operai col pretesto di ingorghi nel processo produttivo.
Anche stavolta con gli operai che rientrano a lavorare, la struttura del presidio rimane al suo posto, e rimane intatta la determinazione a lottare, se il padrone insisterà di chiudere la fabbrica.
Al Ministero l’incontro del 3 settembre sembrerebbe saltato. In quella data Merloni pensava di chiudere la partita con 430 licenziamenti. Si è fidato ciecamente di qualche maggiordomo del sindacalismo a lui compiacente.
Merloni non aveva messo in conto la resistenza dei 430 operai, che respingono in blocco i licenziamenti e chiedono la continuità produttiva della fabbrica.
Saluti dai sostenitori degli operai in lotta della Indesit di Brembate Sopra

www.operaicontro.it

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Lotte operaie nella crisi»

Ultime notizie dell'autore «Operai contro-aslo»

2306