il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Se ero tibetano...

Se ero tibetano...

(14 Agosto 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • E' uscito il n. 77 di "Alternativa di Classe"
    (23 Maggio 2019)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Lavoratori di troppo)

    Padova: Resistenza, Solidarietà ai lavoratori della Stanga

    volantino diffuso all'assemblea pubblica convocata da FIOM, FIM, UILM alle Officine Meccanchie Stanga

    (19 Settembre 2003)

    La Storia delle Officine Meccaniche Stanga è legata in maniera indissolubile alla Storia di Padova e della sua Provincia. Un valore non solo simbolico ma che parla direttamente del sapere operaio, non solo per la qualità delle produzioni, esportate in tutto il mondo che hanno dato lustro all’attività industriale della città, ma soprattutto per quanto riguarda le bat-taglie politico sindacali del secolo appena trascorso che hanno consentito un avanzamento del progresso sociale.
    In tutti questi anni i lavoratori dell’OMS, attraverso innumerevoli lotte, sono stati un avanguardia, una fucina sindacale, colturale e politica di enorme importanza, terreno di emancipazione generale della classe lavoratrice.
    Si sta esaurendo il mito dell’imprenditoria del nord est: nella provincia di Padova oltre 1000 posti di lavoro sono stati già persi nell’anno in corso nei set-tori tessile-abbigliamento-calzaturiero e metalmeccanico.

    Il costo della crisi economica ricade esclusivamente sugli operai!
    Gli strumenti che il governo Berlusconi ha concesso al padronato per affronate queste crisi sono:
    - la deregolamentazione selvaggia del mercato del lavoro attraverso la legge 30 e il libro bianco;
    - la speculazione sull’ulteriore taglio delle pensioni;
    - il taglio dello stato sociale;
    - l’imposizione di ticket sempre più onerosi sulla sanità a lavoratori e pensionati.

    A questi si affianca la legge bossi fini che (oltre ad essere razzista e xenofoba) è costruita per dividere i lavoratori allo scopo di abbassare ulteriormente il costo del lavoro e restringere ulteriormente i diritti, legando il permesso di soggiorno al rapporto di lavoro.
    Così come si affiancano le decine di decreti e condoni tesi a favorire ogni forma di speculazione sempre e comunque a danno dei lavoratori.

    Come Progetto Comunista di Padova – sinistra del PRC, sosteniamo la necessità di costruire un comitato provinciale di lavoratori e di cittadini finalizzato alla costituzione di una cassa di resistenza e di solidarietà interca-tegoriale per sostenere in maniera concreta tutte le forme di lotta dei lavoratori che affrontano le diverse e numerose crisi aziendali in corso.

    L’obiettivo esplicito delle lotte dei lavoratori deve essere quello dell’abbattimento del governo Berlusconi. Giorno per giorno questo governo offre alla classe lavoratrice e al proletariato sempre più ragioni di lottare per la sua immediata caduta.

    Progetto Comunista di Padova
    sinistra del PRC

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Notizie sullo stesso argomento

    Ultime notizie del dossier «Lavoratori di troppo»

    Ultime notizie dell'autore «Progetto Comunista - sinistra del PRC (Padova)»

    5880