il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Hiroshima

Hiroshima

(7 Agosto 2010) Enzo Apicella
65 ° anniversario dell'eccidio atomico di Hiroshima

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • Bonus 200 €
    (più malus che bonus)
    (2 Luglio 2022)
  • Il Comune di Milano taglia quindici sezioni nelle materne: "Calo delle nascite, sempre meno iscritti” dicono al Comune….ma sarà vero?
    Anche la situazione a ROMA CAPITALE, nel settore educativo-scolastico, ha delle criticità…
    (1 Luglio 2022)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Il nuovo ordine mondiale è guerra)

    Bin laden, vivo o morto ?

    (11 Settembre 2010)

    anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.operaicontro.it

    NEW YORK - "Catturare o uccidere Osama Bin Laden e Ayman Al Zawahiri resta una delle priorità assolute per gli Stati Uniti", ha detto Obama sottolineando che l'eliminazione del capo di Al Qaida segnerebbe "un importante passo avanti per la sicurezza americana".
    Il pastore della Florida Terry Jones, intanto, ha fatto sapere che in occasione dell'anniversario dell'11 settembre il falo' del Corano non avra' luogo. Jones aveva detto di sperare di poter incontrare l'Imam di New York che vuole costruire una moschea a breve distanza da Ground Zero, lanciandogli un ultimatum dato perche' si mettesse in contatto con lui entro due ore: ultimatum che era scaduto senza alcun confronto fra le parti.

    Nonostante padre Jones avesse annunciato di aver cambiato idea, il presidente aveva lanciato comunque il suo monito. Barack Obama aveva fatto capire di aver ormai giocato tutte le sue carte per convincere il pastore a rinunciare al suo folle disegno di commemorare l'11 settembre insultando l'Islam. E il Pentagono ha reso noto che il ministro della Difesa Robert Gates aveva telefonato al pastore sollecitandolo a non bruciare copie del Corano.
    NESSUNO CI DIVIDERA' PER RELIGIONE - "Siamo una nazione unita, composta da persone che danno a Dio nomi diversi. Ma nessuno riuscirà a farci del male con divisioni basate su differenze religiose o etniche". Obama, nella sua conferenza stampa alla Casa Bianca alla vigilia dell'11 settembre, sottolinea come gli Usa "non sono mai stati in guerra con l'Islam, ma con i terroristi di Al Qaida". I quali, ricorda il presidente americano "hanno fatto molte più vittime tra i musulmani". Domani - ha detto Obama - sarà un'ottima occasione per ricordare il rispetto fra tutte le religioni che caratterizza la nostra nazione".
    "Bruciare il Corano è contrario ai principi che hanno fatto nascere questo Paese.
    Spero che chi lo ha proposto cambi idea", ha detto Obama. "La mia speranza è che quest'individuo ci preghi sopra e torni sui suoi passi", ha auspicato Obama, senza mai citare il nome del pastore della Florida.
    "VICENDA SERIA PERCHE SIAMO IN ERA WEB" - "Le nostre truppe oggi sono in pericolo.
    Non si può giocare con queste cose". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ribadendo i rischi che un atto come quello proposto da Terry Jones possa avere gravissime conseguenze nel mondo musulmano. "Non penso che siamo gli unici ad avere parlato molto di questa vicenda. Ormai viviamo nell'era di Internet e queste sono questioni che possono provocare danni profondi in giro nel mondo. Per questo dovevamo affrontarla in modo molto serio". Obama ha quindi ribadito che bruciare il Corano rappresenta "il migliore regalo che si potesse fare ad Al Qaida, il migliore mezzo che ha per ingrossare le sue fila".
    DANIMARCA: TENTA DI FARSI ESPLODERE IN HOTEL, ARRESTATO - Un uomo ha cercato di farsi esplodere in un hotel di Copenaghen causando solo una piccola deflagrazione e rimanendo ferito. Lo hanno segnalato media e fonti ufficiali in Danimarca precisando che l'uomo e' stato arrestato. L'esplosione, ha precisato la polizia, e' avvenuta in un bagno dell'albergo del centro della capitale danese, Copenaghen. ''Tutto cio' che possiamo dire e che c'e' stata una piccola esplosione in questo hotel'', il ''Joergensen'', ha detto un portavoce della polizia di Copenaghen. Secondo testimonianze citate da media danesi, il sospetto kamikaze e' rimasto ferito e arrestato in un parco vicino all'hotel, La polizia ha isolato alcune strade attorno all'edificio ed il parco.
    TENSIONE NEL MONDO ISLAMICO - Un manifestante e' rimasto ucciso, da colpi di arma da fuoco, durante una protesta contro le minacce di bruciare il Corano, nei pressi di una base Nato nel nord dell'Afghanistan. Lo riferisce un portavoce locale.
    Una folla, di circa 10.000 persone secondo un portavoce del governatore della provincia di Badakhshan, si era riversata in strada a Faizabad, nel nord-est del Paese, dopo la preghiera di fine ramadan. Alcuni tra questi si erano diretti verso una base della Nato gestita dai tedeschi, contro la quale avevano cominciato a lanciare sassi e uno dei manifestati è rimasto ucciso quando dall'interno della base militari hanno aperto il fuoco. Lo ha riferito lo stesso portavoce, Amin Sohail.

    Si estende in almeno cinque province dell'Afghanistan la protesta di migliaia di manifestanti contro la minaccia del pastore protestante della Florida Terry Jones di bruciare copie del Corano. Lo riferiscono responsabili locali. Diverse centinaia di dimostranti si sono radunati nella parte nord di Kabul, mentre circa 2.000 persone hanno marciato verso un edificio governativo a Farah. E proteste sono in corso anche a Badghis, nel nord-ovest, e a Ghor e a Herat. La protesta monta anche in Pakistan dove circa 600 manifestanti si sono radunati nella città di Multan, nel centro del Paese, e bandiere americane sono state date alle fiamme.
    KARZAI, PASTORE NON PENSI NEMMENO BRUCIARLO - Il pastore della Florida Terry Jones "non dovrebbe nemmeno pensare" di poter bruciare copie del Corano, ha detto oggi il presidente afghano, Hamid Karzai.

    www.operaicontro.it

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

    Ultime notizie dell'autore «Operai contro-aslo»

    3329