il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Addio compagne

Addio compagne

(23 Febbraio 2010) Enzo Apicella
Il logo della campagna di tesseramento del prc 2010 è una scarpa col tacco a spillo

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Memoria e progetto)

A sinistra della sinistra

di Salvatore Cannavò *

(14 Settembre 2010)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.contropiano.org

Il segretario del Prc dà dei "pirla" a coloro che non appoggiano il suo "fronte democratico".

Ma a sinistra dell'alleanza promossa da Bersani c'è più del 5% dei voti


Con un discorso convinto e apprezzato in chiusura della festa del Pd Bersani ha delineato il futuro del centrosinistra nella corsa per battere Berlusconi.

Ci sarà dunque il "Nuovo Ulivo" sostanzialmente composto da Pd, Idv e Vendola (più, probabilmente Verdi e Socialisti) che dovrà tentare di allearsi con l'Udc di Casini e la Federazione della sinistra di Ferrero e Diliberto. Un'alleanza molto ampia - del resto i sondaggi parlano chiaro: Berlusconi, Bossi e Fini raggiungono ancora il 47% dei consensi - che potrebbe avere delle chances solo se il nuovo partito di Fini correrà da solo. In questo schema quel che resta della sinistra radicale sarà tutto interno al nuovo centrosinistra anche se questo si presenta con cerchi concentrici.

Addirittura, nei giorni scorsi è circolata l'ipotesi di candidature di Prc e Pdci all'interno della lista del Pd - o del "nuovo Ulivo" - in cambio di un sostegno alla candidatura di Bersani alle primarie che si svolgeranno prima o poi. Ferrero ha seccamente smentito questa ipotesi prendendola con il Corriere della Sera (anche se la giornalista ha confermato tutto). Il punto però resta un altro: che succederà alla sinistra e che cosa si muove alla sinistra della sinistra?

Nel suo profilo Facebook, il segretario di Rifondazione ha così definito la situazione: «Il punto vero è che la proposta del fronte democratico è l'unica che può sconfiggere Berlusconi e i poteri forti e alcuni pirla anche a sinistra la contrastano».

Ferrero, dunque, e con lui Diliberto, Salvi, Patta e tutti quelli che stanno dentro la Federazione pensano che esista una prospettiva certa non solo per liberarsi di Berlusconi ma addirittura sconfiggere i "poteri forti".

Una certezza che, a giudicare dai dibattiti che circolano in rete, non sembra convincere molti degli elettori potenziali della Federazione della sinistra.
Alla sinistra del Fds le prese di posizione non sono ancora definitive e, a parte la già annunciata «presentazione elettorale indipendente e alternativa alle due coalizioni dominanti» del Pcl, le due proposte più compiute sono quella di Sinistra Critica e quella della Rete dei comunisti.
L'organizzazione che ha come portavoce Flavia D'Angeli, Piero Maestri e Franco Turigliatto, rilancia la proposta «di una sinistra di classe in grado di rappresentare un'altra opzione rispetto al Pd e al centrosinistra».

E propone quattro coordinate per costruire una simile prospettiva: «l'esternità dalla coalizione "democratica" a egemonia Pd; un programma radicale di uscita dalla crisi; una soluzione politica innovativa e priva di residualismo; la capacità di attrazione di movimenti sociali».

Sinistra Critica, pur avendo fatto la prova delle politiche del 2008, come il Pcl, afferma di non voler «piantare» la propria bandiera ma di «costruire un "processo" che possa sfociare in un una proposta attraente, innovativa, utile al conflitto, animata dal conflitto e dalle giovani generazioni».
Su un registro simile si muove la Rete dei comunisti che «lancia un appello a tutte le forze della sinistra anticapitalista e alle organizzazioni comuniste affinché questa indipendenza politica e di classe diventi il centro della propria azione e funzione dentro la società italiana». La Rete dei comunisti fa sapere alla Federazione della Sinistra «che la strada da loro scelta di tentare una nuova mediazione con il Pd/Ulivo, in un contesto politico-istituzionale molto peggiore di quello determinatosi nelle scadenze elettorali del 2008 e 2009, rischia di portare ad una nuova e definitiva sconfitta». La proposta è che «la sinistra anticapitalista e i comunisti» possano «agire in modo coerente e indipendente a tutti i livelli, inclusa la dimensione elettorale, a cominciare dalle aree metropolitane dove la prossima primavera sono previste le elezioni amministrative e - qualora si concretizzi tale scenario - anche in caso di elezioni politiche generali».

Questi sono i posizionamenti finora resi espliciti e potrebbero non essere gli ultimi anche se le forze a sinistra del Pd - che recentemente il Corriere della Sera collocava in un «recinto» dal sapore residuale e ghettizzante - sono diverse, spesso piccole, litigiose e poco rappresentative.

Chi comunque si sta muovendo per costruire una proposta alternativa è l'ex dirigente del Pdci, Marco Rizzo, che dopo aver lasciato il partito di Diliberto ha costruito Sinistra popolare che terrà il suo primo congresso nazionale il 6 e 7 novembre prossimi.
Ma a sinistra della sinistra non si sono solo organizzazioni comuniste. C'è, ad esempio, il progetto del Movimento 5 stelle di Beppe Grillo che oggi, un sondaggio di Repubblica, da al 3,6% ben oltre il risultato ottenibile dalla Federazione della Sinistra. E non c'è dubbio che Grillo abbia saputo rappresentare un elettorato in libera uscita dalle organizzazioni della sinistra cavalcando il rifiuto della politica, la voglia di nuovo e anche un atteggiamento "vaffanculista" in sintonia con la crisi della politica, la crisi delle ideologie, gli arretramenti significativi avuti dal movimento operaio. All'interno di questa corrente più generale ci sono però ambiti, personaggi e realtà cui la lista Grillo potrebbe andare stretta. Già alle scorse elezioni, ad esempio, si è presentata la lita "Per il bene comune" e anche settori del movimento per la Decrescita stanno pensando di organizzarsi. Sommando tutto quanto, e con il ruolo centrale del M5stelle, si può però ipotizzare un'area di circa il 5% a sinistra della nuova Alleanza democratica che Bersani, Di Pietro, Vendola, Casini e Ferrero stanno mettendo in piedi. Tutti dei "pirla", secondo Ferrero.

* Da il Megafonoquotidiano.it

www.contropiano.org

4917