il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Movimento    (Visualizza la Mappa del sito )

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI

SITI WEB

Archivio notizie:: Altre notizie

Parma: contestata la festa macabra della polizia

(30 Settembre 2003)

Ieri pomeriggio a Parma la polizia ha celebrato la sua festa, cui solo pochi intimi hanno accettato di prendere parte (politici nazionali, amministratori comunali, clero, industriali). Il resto della cittadinanza ha osservato severamente la militarizzazione del centro, in cui pare consista tutta la gioia e la festosità dei poliziotti. Una festosità paragonabile a quella delle squadracce di Italo Balbo.

Compagne e compagni erano in piazza, contro i tutori dell'ordine borghese e contro lo stato di polizia. Assediati dai festosi celerini, hanno fatto volare uno striscione con la scritta "assassini", mentre gridavano il nome di Carlo Giuliani. Lo striscione è stato poi afferrato dai festeggiati e conquistato dopo un festoso tiro alla corda con i compagni, che, sia chiaro, hanno lasciato vincere i questurini solo per lo scoramento che di solito ci spingere a soddisfare un bambino petulante o alienato. I fumogeni coloravano la piazza, e offuscavano ancor più del normale la mente dei servitori dello stato. Nessuna contestazione poteva aver luogo. Invece c'è stata, visibile a tutti, fuorchè ai miserabili scribacchini della Gazzetta di Parma, che oggi, sia detto metaforicamente, praticano una fellatio a 18 colonne ai potenti convenuti ieri in città.

Gli slogan risuonavano nel clima plumbeo della festa poliziesca mentre i compagni percorrevano le vie del centro, infestate di omuncoli d'apparato e divise da parata.
Gocce di sole nella città degli spettri...

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie dell'autore «LavoroInformazione - Parma»

6753