il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Il capitalismo spiegato ai bambini

Il capitalismo spiegato ai bambini

(17 Novembre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Dove và la CGIL?)

16.09.2010 - Caro Epifani, così non va proprio

(16 Settembre 2010)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.rete28aprile.it

Giovedì 16 Settembre 2010 11:57
di Giorgio Cremaschi
All’inizio poteva sembrare la classica notizia forzata e gonfiata dalla stampa. E invece no. E’ proprio la verità. Nel giorno in cui la Federmeccanica, Fim, Uilm e Ugl si sono incontrate per cominciare a distruggere il contratto nazionale, il segretario generale della Cgil, Guglielmo Epifani, attacca la Fiom.
L’intervento del segretario della Cgil all’attivo dei delegati emiliani, è un atto di autentico autolesionismo della più grande organizzazione sindacale italiana. Di fronte alla gravità di quello che sta avvenendo in questi mesi, Gugliemo Epifani parla di rischio di nuova sconfitta. E per questo chiede alla Fiom di non isolarsi. E’ la cancellazione della realtà. (...)

La realtà è quella di un attacco brutale ai diritti del mondo del lavoro che ha la complicità della Cisl e della Uil e sul quale sinora il gruppo dirigente nazionale della Cgil ha balbettato. La Cgil è in realtà persino più isolata della Fiom, perché pur facendo tutti i suoi distinguo dall’organizzazione dei metalmeccanici non è riuscita fino ad ora ad ottenere nulla. Al congresso della Cgil Guglielmo Epifani ha aperto il dialogo, come oggi si dice, con Cisl, Uil, Confindustria e anche il Governo. Il risultato è che tutti costoro si sono incontrati subito dopo per concordare i tagli alla spesa pubblica senza degnare la Cgil neppure di una telefonata. Si chieda Guglielmo Epifani perché i suoi messaggi sono irrisi o solo strumentalizzati e perché il mondo delle imprese chieda alla Cgil una sola cosa: mettere in ordine la Fiom. Naturalmente senza neppure provare a offrire qualcosa in cambio.
No, l’intervento di Epifani non va proprio, è il segno di una crisi profonda del gruppo dirigente dell’organizzazione ed è anche un elemento di rottura con tutto il popolo che si sta preparando a manifestare il 16 ottobre. E’ evidente che dentro la Cgil bisogna riaprire un confronto politico a tutto campo, perché così il gruppo dirigente della Cgil potrà anche riuscire a danneggiare la Fiom, ma sicuramente danneggerà anche tutta l’organizzazione.

www.rete28aprile.it

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Questa notizia è stata pubblicata anche in:

Ultime notizie del dossier «Dove và la CGIL?»

Ultime notizie dell'autore «Rete del 28 aprile per l'indipendenza e la democrazia sindacale»

3069