il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Spead

Spead

(10 Luglio 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Vicenza. contestati tomat, porto, pirani

(20 Settembre 2010)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in confederazione.usb.it

Vicenza – lunedì, 20 settembre 2010 Questa mattina la CGIL ha organizzato un convegno sulle relazioni sindacali e la crisi economica per quadri sindacali all'Hotel Alfa di Vicenza. Erano invitati LANDINI, segretario generale FIOM, TOMAT, presidente confindustria veneto, PORTO, segretario regionale CISL e PIRANI della segreteria nazionale UIL.

Una delegazione di lavoratori e delegati sindacali USB si è presentata davanti all'albergo con bandiere per distribuire un volantino (TOMAT, prima di parlare rispetta i lavoratori) contro confindustria e sindacati complici.

Si è chiesto di entrare al convegno, ma è stato concesso solo ad un delegato che, una volta entrato mentre stava parlando la Porto, ha lanciato dei volantini; quelli, per intenderci, del fac simile della banconota da 50€ raffigurante Bonanni, mentre all'esterno -ma ben udibili- gli altri delagati hanno gridato slogan contro padroni e sindacati complici.

Ci sono stati attimi di tensione con il servizio d'ordine della CGIL, ma poi tutto è tornato alla normalità.

Come USB pensiamo che non si deve dialogare, ma lottare contro chi disdice i contratti di lavoro, taglia posti di lavoro e salario, e altrettanto va contestato chi nei sindacati sostiene le posizioni di FIAT e soci.

Questo convegno dimostra ancora una volta che per la CGIL l'unità con CISL e UIl è più importante dei diritti dei lavoratori.

Come previsto la CISL ha emesso un comunicato preoccupato. Noi non siamo emuli di nessuno, siamo lavoratori che lottano per tutelare e migliarare le condizioni di lavoro.

La contestazione è in prima battuta contro Tomat, padrone che avalla la FILOSOFIAT di Marchionne; in un momento di crisi economica che vede, dati alla mano, nel veneto aumentare la disoccupazione le ore di CIG straordinaria e in deroga, i padroni ne stanno approffitando per tagliare diritti e salario ai lavoratori.

Non si può stare zitti, ribellarsi è giusto e doveroso.

Se poi Pirani della Uil e Porto della Cisl diventano complici di questa filosofiat, tanto che pure delegati fiom e cgil li hanno fischiati, non possono poi pretendere di non essere contestati civilmente, come del resto abbiamo fatto spargendo volantini, suonando sirene.

USB Vicenza

.

20 settembre 2010 - Asca

CISL: CONTESTATA A VICENZA SEGRETARIA REGIONALE DA SINDACATI BASE

(ASCA) - Vicenza, 20 set - ''L'aggressivita' e l'intolleranza nei confronti della Cisl, partita da Torino contro Bonanni, ha trovato emuli a Vicenza''. Lo fa sapere la Cisl del veneto, raccontando l'episodio accaduto questa mattina a Vicenza ai danni di Franca Porto, segretaria regionale dell'organizzazione, nell'ambito di un convegno Cgil. ''Stamattina nel corso della Tavola Rotonda promossa dalla Cgil vicentina all'Alfa Hotel sul tema della contrattazione un aderente ai sindacati di base e' entrato nella sala e, raggiunto il palco degli oratori, ha lanciato contro la Porto, che vi partecipava come ospite e che aveva appena iniziato il suo intervento, un pacchetto di volantini (stile Torino: la faccia di Bonanni su una banconota da 50 euro e frasi sul tipo servo dei padroni e sindacato giallo) urlandole ripetutamente contro ''sei complice, vai fuori''. L'aggressore - informa la Cisl, che risulta esponente del Rdb Cub Sanita', e' stato immediatamente bloccato dal alcuni militanti della Cgil e portato fuori dalla sala. La Porto ha sospeso per qualche attimo il suo discorso per invitare la sala a mantenere la serenita' e a non farsi intimorire''. La dirigente della Cisl ha commentato, immediatamente e seduta stante, l'episodio '' E' grave che fatti come quelli di Torino si ripetano in altri contesti. Chi mette in atto questa azioni rende piu' difficile il colloquio tra quelle persone la cui volonta' e' quella di dare un futuro al Paese'' per riprendere e concludere, senza titubanze il suo intervento che pure, come aveva anticipato, ha sollevato in alcuni passaggi qualche contestazione da un parte del pubblico presente. Al termine della riunione ha aggiunto un ulteriore breve commento sull'accaduto '' L'intolleranza, anche nelle sue forme della violenza verbale e della intimidazione contro i dirigenti della Cisl, continua a trovare tristi emuli. Qualche giorno fa ho inviato una lettera a tutti i nostri sindacalisti sottolineando il fatto che, essendo diventati in questa fase, nei fatti, il sindacato di riferimento non sarebbero mancate le aggressioni e le minacce nei nostri confronti di chi rifiuta la discussione democratica come strumento per sostenere le sue idee. Purtroppo questa analisi ha trovato immediato riscontro. In tutti i casi non ci fermeranno''.

20 settembre 2010 - Corriere del Veneto.it

Lavoro, contestazioni alla Cisl «Avete venduto i lavoratori»
Un esponente RdB Cub lancia i volantini già utilizzati per contestare Bonanni a Torino alla segretaria regionale Franca Porto. «Ci hanno individuato come bersaglio»
di Andrea Alba

VICENZA – Volantini in faccia alla segretaria veneta Cisl Franca Porto mentre partecipa a Vicenza a un convegno organizzato dalla Cgil. «Avete venduto i lavoratori»: con queste grida Federico Martelletto, esponente RdB Cub vicentino, ha fatto all’improvviso irruzione nella sala dell’Alfa Hotel di Vicenza che ospitava un incontro sulla contrattazione. L’uomo ha gettato i volantini sul palco, verso Franca Porto. I foglietti erano gli stessi della contestazione a Raffaele Bonanni a Torino, con la faccia del segretario Cisl su una banconota da 50 euro. Poi l’uomo è stato bloccato dal servizio d’ordine della Fiom e portato fuori. «L’incidente non mi ha fatto paura, ma fastidio – ha commentato Porto – c’è una rete nel Paese che ha individuato la Cisl come bersaglio e usa gli incontri del Pd o della Cgil come tramite. Le forze dell’ordine devono stare all’erta».
Sia Porto che Paolo Pirani (Uil) durante l’incontro hanno ricevuto una buona dose di fischi dal pubblico (composto da per lo più da sindacalisti Cgil): nessun gesto di disapprovazione, invece, per il presidente degli industriali veneti Andrea Tomat, presente all’incontro assieme al leader nazionale Fiom Maurizio Landini. Tomat ha sottolineato come «persino Landini sia d’accordo sul fatto che è necessario cambiare strada e riprendere la concertazione. Ad essere cambiato è l’assetto globale e adesso al vertice del mercato non ci sono le democrazie europee ma la Cina, Paese non democratico: è chiaro che i diritti fondamentali non vanno toccati, ma abbiamo bisogno di interrogarci su tutto il resto e di parlare di problemi concreti, di ripresa e di competitività».

20 settembre 2010 - Giornale di Vicenza.it

Lancia i volantini contro Franca Porto. Tensione tra sindacati di base e Cisl


Vicenza - Ha lanciato una manciata di volantini in segno di disprezzo al grido di «Sindacati siete complici» contro la segretaria regionale Cisl Franca Porto, seduta al tavolo dei lavori con il segretario generale della Fiom Landini, Pirani della segreteria nazionale Uil e il presidente di Confindustria del Veneto Tomat. La protesta stamani di un delegato dei sindacati di base Usb durante il convegno "Contrattazione fra globalizzazione, Europa e territorio" organizzato dalla Cgil all'Hotel Alfa di Vicenza. Era cominciato tutto con la protesta dell'Usb con bandiere e slogan davanti all'hotel, poi a uno dei manifestanti era stato permesso di entrare nella sala. E qui il lancio dei volantini davanti alla segretaria regionale della Cisl: sui volantini il facsimili di una banconota da 50 euro con il volto di Bonanni, segretario nazionale, e scritte come «Cisl, il tuo sindacato giallo, con noi mai un padrone scontento». Qualche momento di tensione con il servizio d'ordine della Cgil ma poi tutto è tornato alla normalità. L'Usb fa sapere in una nota che «non si deve dialogare ma lottare contro chi disdice i contratti di lavoro, taglia posti di lavoro e salario, altrettanto va contestato chi nei sindacati sostiene le posizioni di Fiat e soci. Questo convegno dimostra pure ancora una volta che per la Cgil l'unità con Cisl e Uil è più importante dei diritti dei lavoratori».

confederazione.usb.it

4006