il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Egitto. Per quanto ancora?

Egitto. Per quanto ancora?

(29 Luglio 2013) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • L’iniquità dell’Irpef
    (18 Gennaio 2022)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    Fuori Cisl e Uil dalle fabbriche. E' tempo di schierarsi!!!

    (5 Ottobre 2010)

    Tutto sempre più chiaro

    Operai, dopo le ultime firme di FIM e UILM, non si può più fare finta di niente continuando il solito tran-tran.

    Dopo Marchionne anche Montezemolo alla Ferrari convoca una assemblea generale nel tentativo di coinvolgere gli operai ai programmi dell'azienda.
    Ovviamente solo per sacrifici e disponibilità, gli utili rimangono a loro tanto che non rinnovano nemmeno il contratto aziendale.

    Ma ancora più grave è l'incitamento ad isolare quanti si oppongono ai loro piani. In modo esplicito Sono la FIOM e i COBAS da isolare.
    Ormai è chiaro il tentativo di usare tutti gli strumenti per dividere gli operai, uno di questi sono i sindacati padronali. Poi ci sono le false promesse, la leva del ricatto, il rapporto diretto padrone-operaio, il ruffianismo da incentivare, le leggi speciali per impedirci di muoverci, tutto l'armamentario per non avere problemi nella lotta tra capitalisti dove ognuno tenta di coinvolgere i suoi operai.

    Dobbiamo riprenderci in mano la nostra vita, smettiamo di delegarla in bianco.
    Cominciamo a chiamare FIM e UILM con il loro nome, VENDUTI e smettiamo di portare consenso a questi svenditori dei nostri interessi, queste organizzazioni vanno buttate fuori dalle fabbriche, non rappresentano gli interessi della classe operaia.

    Dobbiamo cominciare ad organizzarci, ma non basta delegare qualche delegato e poi dopo si arrangi, bisogna scendere in campo in prima persona; altrimenti si rimane sempre quattro gatti e non si conclude niente.

    Portando alla stanchezza e alla sfiducia quei pochi che tentano di rispondere agli attacchi dei padroni, in maniera più o meno organizzata.
    L’improvvisazione o la protesta occasionale, non portano a niente, se non capiamo che solo strutturandoci con una nostra organizzazione si possono portare a casa dei risultati, saremo sempre perdenti!

    Il gioire del fumogeno a Bonanni e delle uova tirate alle sedi CISL è inconcludente se non si lavora per organizzarci, contrastando i padroni quotidianamente sul posto di lavoro.

    Aderiamo allo sciopero indetto dalla FIOM il 7 di ottobre, potrebbe essere l’inizio della resistenza organizzata, ma chiediamo anche alla FIOM di smettere di avere contatti con questi sindacati, cosa mai c’è da discutere ancora, i giochi sono chiari, sono passati con armi e bagagli dalla parte dei padroni, vanno semplicemente isolati.

    Invitiamo gli operai ad aderire allo sciopero con manifestazione-corteo che si terra davanti alla Maserati giovedì 7 ottobre alle ore 14, 30.

    05/10/2010

    RSU SI-COBAS NEW HOLLAND MODENA
    SI-COBAS MODENA

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «Servi dei padroni»

    Ultime notizie dell'autore «S.I. Cobas - Sindacato Intercategoriale Lavoratori Autorganizzati»

    5493