">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Sciopero

Sciopero

(28 Gennaio 2011) Enzo Apicella
Oggi sciopero

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • Sull'emergenza microclima nella sede di Risorse per Roma in Via degli Archivi
    Richiesta provvedimenti a tutela salute e sicurezza dei lavoratori e delle lavoratrici
    (18 Luglio 2024)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Lotte operaie nella crisi)

    II incontro nazionale lavoratrici e lavoratori autoconvocate/i contro la crisi - Comunicato finale

    (12 Ottobre 2010)

    anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.assemblealavoratori.it

    Lunedì 11 Ottobre 2010 18:37

    II° Incontro Nazionale dei coordinamenti e dei comitati, delle delegate e delegati, delle lavoratrici e lavoratori in lotta contro la crisi. Per la costruzione unitaria e dal basso di tutte le prossime mobilitazioni contro le scelte di governo padroni e sindacati corrotti

    Nel II incontro nazionale della Rete dei lavoratori/trici delegati RSU/Rls coordinamenti e comitati di lotta riuniti contro la crisi, si è confermata la necessità di proseguire su un percorso che vada oltre gli steccati di appartenenza per connettere ogni energia che possa opporsi alle formule antipopolari proposte da Governo e Confindustria per uscire da una crisi provocata da loro stessi.

    Del resto la fase che si pone davanti a partire dal Collegato al lavoro appena approvato alla Camera, l'attacco al CCNL come per le deroghe al Contratto dei metalmeccanici, il piano Marchionne per Pomigliano, l'attacco ai lavoratori pubblici con il blocco degli aumenti salariali, i tagli alla scuola, all'università e alla ricerca come risorse e posti di lavoro, sono l'antipasto di un nuovo Patto (anti) Sociale che non possiamo accettare.

    Il tentativo di cooptazione dell'intera Cgil in questo nuovo patto, a fronte di una insufficiente capacità di mobilitazione unitaria del sindacalismo di base, significherebbe l'ultimo tassello per una normalizzazione del conflitto.

    Per questi motivi tutti gli interventi hanno raccolto la proposta di partecipazione alla manifestazione dei metalmeccanici per portare all'interno di essa la proposta di un Coordinamento autoconvocato per uscire dalle strettoie delle proprie identità e rilanciare dal basso uno sciopero generale unitario che faccia sentire forte il grido di opposizione a queste politiche di sfruttamento.

    Tutti gli intervenuti hanno solidarizzato con le forme di lotta espresse nelle lotte operaie di queste settimane, e si sono espressi contro la criminalizzazione delle legittime proteste a seguito degli accordi separati in assenta totale di democrazia.

    Sosteniamo lo sciopero nazionale dei migranti indetto per il 29 ottobre.

    Si rilancia da questo appuntamento la piattaforma di mobilitazione sui seguenti punti:

    - Blocco dei licenziamenti, delle chiusure delle fabbriche, delle esternalizzazioni, dei tagli all'struzione, alla ricerca e alla spesa sociale;
    - Contro le speculazioni edilizie e finanziarie, principali cause di chiusure e delocalizzazioni;

    - Per la distribuzione del lavoro che c'è – lavorare meno e lavorare tutti – a parità di salario e per la continuità del reddito;

    - Per la stabilizzazioni di tutti i precari/e e gli atipici;

    - Per direNo all'eliminazione del CCNL e alla ristrutturazione di tutto il mondo del lavoro.

    - Contro la Bossi-Fini, per l'estensione dei diritti ai lavoratori migranti.

    Proponiamo la costruzione di uno spezzone autoconvocato unitario per la manifestazione del 16 ottobre con tutte le realtà in lotta contro la crisi che condividano questi punti di piattaforma, come passaggio di un percorso di mobilitazione nelle singole aziende, territoriale e nazionale verso lo sciopero generale unitario.

    Milano, 09/10/2010

    www.assemblealavoratori.it

    8341