il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Senato: ok to F35

Senato: ok to F35

(17 Luglio 2013) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(No basi, no guerre)

Pisa. Via libera alla costruzione dell'HUB dal Parlamento. Ma le gare sono partite ancora prima

(17 Ottobre 2010)

E' calato il silenzio sulla costruzione dell'Hub a Pisa ma i progetti vanno avanti e a passi spediti. Ne abbiamo conferma dal dibattito parlamentare e da alcune e dichiarazioni del Ministro La Russa ,lo stesso che a domande bendefinite rispondeva , un mese fa, in termini evasivi (MAI FIDARSI DEGLI EX(?) FASCISTI)

Dopo la morte degli alpini in Afganistan, invece di aprire una discussione sulla inutile presenza dei militari all'estero si preparano nuovi scenari militari e in prospettivagettano le basi di nuove infrastrutture e supporti logistici. La realizzazione di un Hub aereo nazionale dedicato alla gestione dei flussi, via aerea, di personale e di materiale dal territorio nazionale per i teatri operativi, e viceversa, con tempestività e efficacia» ha ricevuto nei giorni scorsi il parere favorevole della commissione difesa di palazzo Madama.

In un paese in crisi economica e sociale, si trovano i soldi per " un investimento quadriennale (dal 2010 al 2013) pari a 63 milioni di euro (di cui 37 milioni per le infrastrutture ed i restanti 26 per i mezzi ed i materiali) per la realizzazione di «una struttura di grandi dimensioni connessa con le principali vie di comunicazione stradale, ferroviaria e navale e servirà a gestire la ricezione, lo stoccaggio e lo smistamento dei materiali, a preparare e curare l'allestimento del carico, ricevere e gestire vettori di trasporto aereo (militari e civili) di diverse capacità e caratteristiche (sia di grandi che di medie dimensioni), ed essere in grado di gestire contemporaneamente più operazioni di imbarco e sbarco di personale e materiali"
Relatore in Parlamento l'onorevole Ramponi già generale , del resto gli alti comandi dell'esercito italiano una volta congedati li ritroviamo o nel ruolo di consulenti e promoters delle industrie militari o come parlamentari in difesa delle lobby militari

Dal Parlamento si capisce bene come il progetto sia in fase avanzata, nonostante i silenzi e le mancate risposte di Rossi, Pieroni e Filippeschi (REGIONE, PROVINCIA E COMUNE DI PISA)
Del resto, il comando logistico dell'aeronautica militare ad agosto " ha bandito una gara per la fornitura di mezzi, equipaggiamenti e sistemi «per il costituendo hub aereo nazionale presso l'aeroporto militare di Pisa", ovvero quell'hub di cui soltanto pochi giorni fa è arrivato il sì della commissione Difesa del senato, quindi Il Governo prima ha deciso e avviato i lavori poi ha ricevuto l'assenso in Parlamento. Alla grazia della democrazia parlamentare!!!!

Per capire il giro di affari , basta vedere l'importo della gara ( 6.408.552 euro per acquisire 2 barre di traino velivoli, 4 K-Loader aviotrasportabili, 3 attrezzature carico e scarico di container, 6 nastri trasporto bagagli, 10 gruppi illuminanti, 6 scale telescopiche passeggeri semoventi, 200 carrelli trasporto bagagli a mano, 2 veicoli per il rifornimento di acqua potabile, 2 attrezzature semoventi per il rifornimento di acque chiare e lo scarico acque nere e 2 Air Starter Unit.)

La militarizzazione del territorio pisano va avanti a passi celeri con il silenzio assenso delle istituzioni locali e dei partiti che governano , anche di quelli che non condividono salvo poi rimanere ben ancorati alle poltrone degli assessorati

CONFEDERAZIONE COBAS PISA

4669