il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Ecce Italia

Ecce Italia

(15 Novembre 2010) Enzo Apicella
Continua la protesta degli immigrati bresciani sulla gru contro la sanatoria truffa

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(L'unico straniero è il capitalismo)

BRESCIA, 8 Novembre 2010, il giorno più lungo

(9 Novembre 2010)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.cobas.it


Una pesantissima e lunghissima operazione di polizia, con cariche, manganellate, inseguimenti, feriti, svariate decine dii fermi (al momento, ore 15,30, ancora reclusi in questura 6 cittadini bresciani e 8/9 immigrati), di cui attualmente non si conosce ancora la sorte, è in corso a Brescia da questa mattina all'alba.
E' la risposta proditoria del potere all'enorme manifestazione di solidarietà con i sei immigrati arrampicati sulla gru svoltasi l'altro ieri in città.
E' la risposta, alcuni dicono, suggerita direttamente da Maroni, che esprime il cinismo e l'irresponsabilità di una classe politica di governo locale e nazionale, ormai immersa nella melma del malaffare, delle speculazioni e della corruzione, che esercita con spietatezza il suo dominio sulle fasce più povere e deboli (ormai maggioritarie) della popolazione, che alimenta il veleno del razzismo e del menefreghismo più bieco per restare a galla ed impinguare i propri portafogli..
L'operazione non è ancora terminata, chissà cosa può ancora succedere; finora la polizia ha guadagnato trenta metri di spazio, ma ha moltiplicato i partecipanti al presidio, da alcune decine a diverse centinaia.
Cariche e fermi sono serviti a far accorrere politici di centrosinistra, finora del tutto assenti in questa lotta.
Ovviamante a sindaco, vicesindaco e prefetto va addebitata grandissima parte di responsabilità delle operazioni cilene della polizia.
Continua invece ad esserci, persino a crescere, quella Brescia che resiste, la Brescia solidale, la Brescia antifascista e antirazzista che non si fa piegare da minacce, cariche e arresti.
I sei migranti sulla gru rappresentano la punta di iceberg della lotta, che ormai non è soltanto più per i sacrosanti permessi di soggiorno, ma per la dignità, la democrazia, i diritti di tuttti e per tutti.
Andiamo avanti.
Solidarietà con i compagni e le compagne arrestati e feriti.
Libertà per tutti.

cariche.doc 12,50 k

Confederazione Cobas

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «L'unico straniero è il capitalismo»

Ultime notizie dell'autore «Confederazione Cobas»

11047