il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Iraq

Iraq

(12 Agosto 2010) Enzo Apicella
Dopo numerosi rinvii, sembra che gli Stati Uniti rispetteranno i tempi previsti per il ritiro delle truppe dall’Iraq

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • E' uscito il n. 94 di Alternativa di Classe
    (20 Ottobre 2020)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Iraq occupato)

    Mai piu’ guerra. Via le truppe di occupazione dall’Iraq

    Un futuro per il popolo iracheno

    (22 Novembre 2003)

    Le vittime, italiane ed irachene, dell’attacco al comando dei Carabinieri a Nassiria ci ricordano che la guerra in Iraq non è mai finita e che anche l’Italia è in guerra.
    A tutte le vittime di una guerra che non si doveva fare, va il nostro pensiero e vogliamo essere vicini alle loro famiglie e ai loro cari.

    PER NOI I MORTI DELLE GUERRE SONO TUTTI EVITABILI
    ANCHE QUESTI SI POTEVANO EVITARE


    Ci avevano detto che la guerra era finita.
    Che gli iracheni avevano accolto l’esercito USA come liberatore.
    Ci avevano detto che una nuova era di pace e democrazia si era aperta per l’Iraq.

    NON ERA VERO

    Ci avevano detto che si doveva disarmare l’Iraq dalle armi di distruzione di massa.
    Cia avevano detto che la guerra avrebbe contribuito alla lotta al terrorismo.

    NON ERA VERO

    Con l’invio dei militari italiani in Iraq in appoggio ad una guerra condannata dalla maggioranza del popolo italiano ed in VIOLAZIONE DELL’ARTICOLO 11 DELLA COSTITUZIONE, il Governo si è assunto la responsabilità di partecipare, sotto il comando americano, all’occupazione di un paese esponendo migliaia di giovani militari e civili al rischio della guerra, SOLO PER POTERSI SEDERE AL TAVOLO DEI VINCITORI.

    Oggi lo stesso Governo ribadisce con forza la volontà di proseguire la missione.

    NOI NON SIAMO D’ACCORDO

    Non è vero che ritirando i militrai si rinuncia a sostenere la popolazione irachena.
    È vero il contrario. Molto di più si potrebbe fare se i 40 MILIONI di EURO che si spendono ogni mese per mantenere il contingente militare in Iraq fossero usati per ricostruire scuole, ospedali, centrali idriche ed elettriche.
    Non è vero che è necessaria una presenza militare per fare questo: lo dimostrano le molte Ong italiane che con decine di operatori lavorano da mesi con interventi umanitari in tutto il paese.
    Sono questi gli interventi umanitari che bisogna sviluppare.

    SOLO LA FINE DELL’OCCUPAZIONE MILITARE PUÒ METTERE
    FINE ALLA GUERRA


    Per questo chiediamo il ritiro immediato di tutte le truppe militari straniere dall’Iraq a cominciare da quelle italiane e l’avvio di un processo costituente che veda la partecipazione di tutte le componenti politiche, culturali, religiose ed etniche irachene e garantito dall’ONU.

    SOLO QUESTO PUÒ PORTARE AD UN FUTURO DI DEMOCRAZIA

    Coordinamento veronese contro la guerra

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «Iraq occupato»

    Ultime notizie dell'autore «Coordinamento veronese contro la guerra»

    7576