il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Falluja

Falluja

(5 Aprile 2010) Enzo Apicella
L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha riconosciuto l'aumento delle malformazioni congenite a Falluja, bombardata con il fosforo nel 2004

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Iraq occupato)

Il nuovo documento sull’omicidio Calipari e la ‘delusione’ di Wikileaks

(11 Novembre 2010)

Venerdí 22 ottobe scorso, alle 17 (ora di New York) Wikileaks 1) ha pubblicato 391.832 documenti militari, relativi alla guerra in Iraq (Iraq War Logs). Si è trattato della piú grande fuga di notizie nella storia dell’esercito americano, tale da ridimensionare la precedente doffusione, in data 25 luglio, dei circa 92.000 rapporti della guerra in Afghanistan (Afghanistan War Logs). Questi nuovi documenti hanno confermato la ferocia e la barbarie degli attuali conflitti, caratterizzati da un altissimo numero di vittime civili (piú del 60%) e da operazioni terroristiche condotte da vari reparti speciali (Task Force). Emerge con grande evidenza l’orrore di una guerra ben diversa dall’immagine edulcorata dei media ufficiali.

Le rivelazioni di Wikileaks hanno però lasciato in alcuni un senso di delusione: i documenti non dicono abbastanza, è stato osservato. Esemplare in questo senso è il rapporto, subito diffuso dalla stampa, relativo all’uccisione di Nicola Calipari. Datato 1 novembre 2005 (cIrca otto mesi dopo l’uccisione), il documento dichiara che l’ex-capo della cellula di al-Qaeda a Baghdad, Sheikh Hussein, dopo l’arresto da parte delle autorita giordane, confessò la propria responsabilità in numerosi sequestri di persona e dichiarò anche di aver informato il Ministero degli Interni dell’ Iraq che l’auto, su cui viaggiava Giuliana Sgrena verso l’aeroporto, era in realtà un’auto-bomba: per tale motivo contro il veicolo aprirono il fuoco i soldati americani. Il rapporto quindi non devia dalla ben nota versione statunitense dei fatti. Nelle parole della Sgrena (“Caso Calipari. La tesi USA e la verità lontana”. Il Manifesto, 23 ottobre 2010).

“La ricostruzione venuta fuori dai documenti pubblicati dal sito internet sembra più funzionale alla tesi sempre sostenuta dagli americani che a fare luce su quell'episodio. La verità probabilmente non la scopriremo mai.”
La giornalista osserva anche che nel rapporto esiste una grave imprecisione: l’auto, su cui lei e i due agenti del SISMI viaggiavano verso l’aeroporto di Baghdad, non era la Chevrolet azzurra (blue Chevy Celebrity), di cui parla il documento, bensí una Toyota grigio chiaro.

Nella mia personale ricerca sugli Iraq War Logs, sono riuscito dopo una paziente indagine a identificare il documento (non citato in alcuna fonte giornalistica a mia conoscenza), che descrive i tragici eventi del 4 marzo 2005, e che fu redatto due ore dopo l’accaduto.(il testo è riprodotto in calce).

Come si vede, il rapporto conferma solo in parte la versione degli Stati Uniti. Per esempio, non si fa alcun cenno al fatto che l’auto avesse i fari spenti (elemento questo che viene accuratamente registrato in altri incidenti a posti di blocco). Inoltre il linguaggio è intenzionalmente vago: si afferma che “in seguito alla escalation di forza” (as a result of the escalation of force) si ebbero l’uccisione e i due ferimenti. Ora per la prima volta abbiamo quindi il documento originario (non la glossa di otto mesi dopo), che con i suoi sospetti silenzi e le sue ambiguità può portare nuova luce alle indagini.

Si deve inoltre osservare che gli Iraq War Logs non possono in ogni caso fornirci notizie “dietro le quinte”. Mi riferisco al fatto che i documenti divulgati da Wikileaks sono” rapporti dal campo dell’esercito americano” ( US Army field reports): telegrammi che descrivono in codice tutto ciò che accadeva, giorno per giorno, ora per ora, in ogni luogo dell’Iraq. Tali rapporti non sono ovviamente le carte segrete della CIA o altri simili documenti, e non possiamo quindi attenderci rivelazioni sulle strategie dei servizi segreti americani durante la guerra (non si tratta cioè di documenti quali l’Iraq Option Paper del 2002, recentemente desecretato, che prospetta le alternative d’ intervento nel paese) 2)

La vera ‘delusione’ di Wikileaks sarebbe se, nel corso dei prossimi mesi, lo sgomento e la rabbia, suscitati dalle rivelazioni degli Iraq War Logs, si attenuassero al punto da non incidere su decisioni politiche o iniziative di attivisti ed organizzazioni umanitarie, e tutto finisse poi nel vasto dimenticatoio, a cui il costante bombardamento dei media e un cupo senso di rassegnazione davanti agli eventi sempre piú facilemnte ci inducono.

Testo
. BLUE ON BLUE IVO BAGHDAD: ___ CF KIA, ___ CF WIA, ___ CIV INJ/DAMAGE
2005-03-04 14:55:00
AT 2055C, -___ HAD AN ESCALATION OF FORCE ON A UNMARKED CIVILIAN VEHICLE IVO TCP___ AT THE INTERSECTION OF ___ AND ___. THE CIVILIAN VEHICLE WITH THE RECENTLY FREED (___) AND 2X MALES APPROACHED TCP AT APPROX. - ___. THE TCP FLASHED WHITE LIGHTS AND ATTEMPTED HAND AND ARM SIGNAL, BUT THE VEHICLE CONTINUED TO APPROACH. THE TCP FIRED WARNING SHOTS INTO THE GROUND, BUT THE VEHICLE CONTINUED TO APPROACH. THE TCP THEN ENGAGED THE VEHICLE'___ ENGINE BLOCK AND THE VEHICLE STOPPED. AS A RESULT OF THE ESCALATION OF FORCE, THERE WERE 1X CF KIA, 1X CF WIA (GRAZING WOUND) AND 1X CIV FEMALE WIA (GSW TO SHOULDER). ALL CASUALTIES WERE FROM THE CIVILIAN VEHICLE. ALL CASUALTIES WERE GROUND ___ TO ___. AN INVESTIGATION (-___) IS ON-GOING.

Traduzione
[Gli spazi bianchi riflettono le “censure” di dati personali apportate da Wikileaks.

Si noterà inoltre la prosa piatta e ripetitiva del comunicato].

Fuoco amico nei pressi di Baghdad: ____militare della coalizione ucciso in azione, ____militare della coalizione ferito in azione, ____ civile ferito / Danni
03-04-2995 14:55:00
Alle 20:55 _____ si ebbe un’escalation di forza nei confronti di un veicolo civile non contrassegnato in vicinanza del posto di blocco ____all’incrocio di ____ e ____ Il veicolo civile con ____liberata di recente e due uomini si è avvicinato al posto di blocco verso le____ Il posto di blocco ha lampeggiato luci bianche e ha cercato di segnalare con le mani e le braccia, ma il veicolo ha continuato ad avvicinarsi. Il posto di blocco ha sparato in terra dei colpi d’avvertimento, ma il veicolo ha continuato ad avvicinarsi. Il posto di blocco ha allora ingaggiato [colpito] il motore del veicolo, e il veicolo si è fermato. In seguito all’escalation di forza, si sono avuti 1 militare della coalizione ucciso in azione, 1 militare della coalizione ferito in azione (ferita di striscio), un civile ferito in azione (colpo d’arma da fuoco) alla spalla. Tutte le vittime erano sul veicolo civile. Tutte le vittime furono ____ a ____. Un’indagine (____) è in corso.

Legenda
L’ora subito dopo la data è l’ora del Pentagono (cioè di Washington).

La C dopo l’ora nel corpo del rapporto indica l’ora di Baghdad. (C è una sigla militare per quel fuso orario).

CF: Coalition Force;
Blue on Blue: friendly fire:
KIA: killed in action;
WIA: wounded in action;
IVO: in the vicinity of;
TCP: traffic control point

10 novembre 2010

Note

1) Wikileaks è un’organizzazione, fondata nel 2006, che pubblica in internet dati provenienti da fughe di notizie. Il nome è un neologismo: Wiki- è derivato da Wikipedia (in hawaiano “wiki” significa “rapido, veloce”, quindi Wikipedia vale “enciclopedia di agevole, rapida consultazione”) e –leaks, dall’inglese “leak” (perdita). Quindi Wikileaks equivale a “enciclopedia, banca dati, delle fughe di notizie”.

2) ‘*Covert support to opposition groups to mount an uprising/coup
*air support to opposition groups to mount an uprising/coup; and
* a full scale ground campaign.”
(* Sostegno coperto a gruppi di opposizione per scatenare un’insurrezione/colpo di stato;
* o sostegno a gruppi d’opposizione per scatenare un’insurrezione/colpo di stato;
*o una complete campagna di terra)

Massimo Mandolini-Pesaresi

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Iraq occupato»

3495