il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

FinanziAria

FinanziAria

(30 Giugno 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Flessibili, precari, esternalizzati)

Telecom Friuli Venezia Giulia: no alle esternalizzazioni

Comunicato stampa R.S.U. Telecom Friuli Venezia Giulia

(7 Dicembre 2003)

Nella giornata di mercoledì 10 dicembre, si terrà alle ore 11 presso la Prefettura di Trieste, un incontro fra Telecom Italia e le RSU, quale tentativo di conciliazione, come previsto dalla legislazione in tema di regolamentazione dello sciopero.

La vertenza sindacale si sviluppa su due fronti: il primo sul comparto tecnico, dove si registrano sofferenze che l'azienda non vuole risolvere, quali il pendolarismo, l'inasprimento del clima interno e la carente informativa su appalti e subappalti.

Il secondo invece coinvolge tutto il personale Telecom della Regione e riguarda il problema delle esternalizzazioni, ovvero delle cessioni di ramo d'azienda. Diverse sono state, fino ad oggi, le esternalizzazioni realizzate da Telecom e l'azienda sembra proprio intenzionata ad avvalersi sempre di più di questo strumento, reso ancora più utilizzabile per le imprese dalla recente legislazione. Infatti, nel marzo prossimo verrà esternalizzata l'attività di segreteria e postalizzazione. Su questo aspetto le RSU richiedono di limitare la cessione alla sola attività, reintegrando i lavoratori in altri reparti. Le RSU chiedono, inoltre, assicurazioni sul mantenimento in ambito aziendale delle restanti attività, già sensibilmente depauperate nel corso degli ultimi anni, sia con le continue ristrutturazioni, che hanno accentrato non poche funzioni in Veneto, sia con le precedenti esternalizzazioni, che hanno visto la fuoriuscita della logistica, della gestione autoparco, della information tecnology e dell'amministrazione del personale.

Emblematico è il dato occupazionale: solo nel 1994 in questa azienda erano occupati 2400 lavoratori, a fine anno con i prossimi licenziamenti per mobilità i dipendenti scenderanno sotto il migliaio (meno 60%!!). Delle 800 assunzioni in formazione lavoro promesse dall'attuale piano industriale, nemmeno una è stata prevista in questa regione.

Per queste ragioni le RSU di Telecom Italia Friuli Venezia Giulia si appellano anche alla Regione Autonoma per un decisivo intervento nei confronti dall'azienda telefonica, finalizzato ad interrompere questo trend occupazionale negativo, ciò sia in qualità di Istituzione che in qualità di cliente pregiato della stessa Telecom Italia.

Si auspica che grazie all’autorevole mediazione del Prefetto ed ad una fattiva disponibilità da parte dell’Azienda si possa giungere ad una positiva risoluzione delle problematiche sollevate.

Trieste, 5 dicembre 2003

R.S.U. TELECOM ITALIA S.p.A.
FRIULI VENEZIA GIULIA

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Flessibili, precari, esternalizzati»

5131