il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Poteri fortissimi

Poteri fortissimi

(19 Luglio 2010) Enzo Apicella
L'inchiesta sulla "Loggia P3" mette a luce i tentativi di influenzare il CSM

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • E' USCITO IL NUMERO 100 DELLA RIVISTA PROSPETTIVA MARXISTA
    (21 Giugno 2021)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Stato e istituzioni)

    Governo Berlusconi. Cronaca di un morte annunciata (e di una precaria resurrezione)

    (20 Gennaio 2011)

    La massa degli antiberluscones aveva già data per scontata la caduta in parlamento (unico luogo... deputato per operazioni del genere) del governo Berlusconi, tutti gongolando in anticipo per il lieto evento, i neociellenisti in fremente attesa di prendere le redini del cambio, l’ ”area rivoluzionaria” con i debiti scongiuri nei confronti del neo-governo a venire, decisamente sottoprodiano, ma comunque paghi dell’incasso della fine del “tiranno”.

    Troppo imprudentemente, anche da parte di elementi a noi contigui, si è recitato l’Ei fu siccome immobile dato il mortal respiro.

    Sarà anche vero che si è trattato di una vittoria di Pirro (contro i Pirla) e che lo stato in cui si trova il nemico pubblico numero uno è alquanto comatoso, comunque il morto ancora cammina e le condizioni di salute dei suoi avversari sono tutt’altro che rassicuranti, diciamo pure da olio santo. Non che stia bene in salute, e ne diremo alla fine, ma, di certo, a tenerlo in vita sono le amorevoli trasfusioni di sangue che gli vengono dagli “avversari”.

    Si è fatto gran parlare, con toni scandalizzati, di indebita “compravendita” di voti in spregio etc. etc.. La cosa ci muove al ridere. Siamo, piuttosto, al pieno rispetto delle leggi di mercato, che valgono sin dal momento della designazione dei candidati al parlamento, per arrivare, alla fin fine, alla contrattazione ed alla compravendita degli eletti da parte di chi ne ha la forza (come bene chiarisce un vecchio, attualissimo, articolo del nostro Bordiga che riportiamo in calce). E’ strano poi che il neo-CLN non ricordi l’acquisto, a suo tempo, di Dini, sottratto a chi l’aveva fatto eleggere e premiato con l’assegnazione della presidenza del Consiglio post/anti Berlusconi (il vecchio CLN si era comprato a suo tempo Badoglio, l’“eroe” dell’AOI, attingendo alle casse degli Alleati “antifascisti”).

    E ci sarebbe da chiedersi cosa c’è veramente dietro l’improvvisa conversione sulla via di Damasco (o, meglio, Tel Aviv e Washington) della schiera FLI, con tanto di folgoranti conversioni su tutte le tematiche utili per buttare a mare Berlusconi, fatte salve tutte le legittime ragioni che anche a dei “sani” e più che mai convinti elementi di “destra moderna” abbiano potuto far girar le palle nei confronti di una conduzione del PDL come minimo impraticabile. Potremmo, quindi, anche comprendere che un singolo elemento possa vivere una simile esperienza; ma un intero gruppo è un po’ troppo. Ed anche trattandosi di un singolo elemento, Fini nella fattispecie, ci riesce alquanto difficile comprendere come l’esaltatore di Mussolini come “il più grande statista del secolo”, il mittente di messaggi in bottiglia all’Istria con la promessa “Ritorneremo”, e il cofirmatario della legge Bossi-Fini sull’immigrazione possa essersi improvvisamente scoperto partigiano (speriamo non esiga la pensione di perseguitato antifascista!), amico dei fratelli slavi (la bestia nera, a suo tempo, dello “squadrista” – definizione della sinistra d’allora!– Menia), benevolo fautore dei diritti degli immigrati che riescono a raggiungere l’Italia e, per bocca di Bocchino nelle dichiarazioni di voto, persino filogay (“cattociellenista ed anche gay”, secondo una ben nota vignetta di Vauro).

    Pare, comunque, che qualcosa del vecchio arsenale abbia conservato: l’allineamento a Marchionne, ad esempio, contro l’insolente marmaglia proletaria; la condivisione assoluta delle “missioni umanitarie” contro il “terrorismo” degli aggrediti; il ribrezzo per Russia, Cina e paesi emergenti non allineati a Washington e... dintorni e il ripudio di una politica estera italiana solo un tantino “matteiana” (senza scomodare Benito) etc. etc. Ma già: su queste consolidate convinzioni da reazionari e svenduti al più grosso offerente sono gli altri, “a sinistra”, ad essersi accomodati, vedi le raccomandazioni PD agli operai perché sia premiato l’ ”innovatore” Marchionne, l’universale consenso a una, ormai, decina di spedizioni di “missionariato italiano all’estero”, la scesa in piazza di Fassino a favore dell’intangibilità dello stato di Israele (più che intangibilità, diritto all’espansione), la recente cagnara antibrasiliana con la scusa del “caso Battisti” e contro le liaisons dangereuses di Berlusconi con i “criptocomunisti” russi e cinesi, per non parlare ancora della ex-terrorista “marxista” brasiliana (sicché proprio Silvio, che ci ha arcistufato con l’evocazione del “comunismo strisciante” della “sinistra”, viene fatto passare per l’”ultimo comunista” occidentale!)

    Ma lo scandalo vero non è questo cambio di campo e quel che ci sta dietro, ma l’incontenibile voluttà con cui la “sinistra” e dintorni si sono buttati all’abbraccio con gente simile, sino a farne la necessaria e “progressista” condizione del “nuovo”, già conteggiato per certo, che poi, a conti fatti, si rivela incertissimo e supervecchio all’estrema fetenza.




    HAI DETTO UN PROSPERO, HAI PARLATO A VANVERA
    Per dare un’idea eloquente di come e quanto certa “sinistra”, nel caso che qui vedremo addirittura “comunista”, stia facendo dell’antiberlusconismo a tutti i costi (TTB –tutto tranne Berlusconi– ha ben sintetizzato Ferrara) il viatico di un’operazione volta a legittimare futuri governi “alternativi” ferreamente sottomessi alle leggi del Capitale, utilizzando il (sacrosanto) odio verso Berlusconi da parte dei reparti più avanzati della nostra classe quale mezzo per deprimerne ed assoggettarne la carica antagonista, ci basterà la lettura di un editoriale del Manifesto del 16 dicembre a firma di certo Michele Prospero, con relative avvertenze sull’uso del medicinale proposto, ad evitarne a suo dire gli effetti collaterali che potrebbero essere anche gravi, da parte di V. Parlato.

    Copiamo letteralmente dal testo di Prospero senza bisogno di troppi commenti, confidando ancora (forse ingenuamente) nella capacità di comprendonio e di qualche sussulto, non diciamo rivoluzionario (temporibus illis, quando il Manifesto sull’onda maoista era convinto che il potere stesse sulla canna del fucile e non a Montecitorio con Casini e Fini “compagni di strada”!), ma di semplice buon senso persino vetero-riformista.

    Si legga, dunque, con attenzione quel che si scrive sul “quotidiano comunista”: vittoria parlamentare provvisoria ed “incerottata” quella di Berlusconi, grazie ai “metodi brutali di acquisizione del consenso”, dopo di che, però, nessuna prospettiva di continuazione. “Incassata la agognata sopravvivenza il cavaliere busserà inutilmente, se davvero poi lo farà, alle porte sbarrate del centro... perché la rottura di Casini era stata consumata per ragioni sistemiche oggettive e non per calcoli di corto respiro” (ammesso che Casini respiri)... “Il leader dell’UDC viene da una scuola troppo importante per ignorare che esiste oggi una convenienza sistemica (cui persino il PD non potrà dirsi estraneo) a contribuire alla sopravvivenza del gruppo FLI. Una convergenza al centro pare inevitabile”.

    Fini, oggi “vicino alla Merkel”, “è destinato a compiere un tratto di strada insieme con la sinistra”. E la “sinistra”, lungo questo percorso tra “compagni”, “dovrebbe ripensare al ventennio funesto che ha alle spalle e schivare ogni tentazione di competere con la destra” berlusconiana sul suo prediletto terreno populista e leaderista; quindi: collaborare col FLI. “Al PD non resta altro compito realistico che quello di operare come una forza cerniera in grado di costruire una grande coalizione tra quanto si muove alla sua sinistra (Vendola fa da confine, n.) e le forze che si raccoglieranno attorno al centro moderato”. “Se la crisi del sistema berlusconiano ha potuto evolvere fino ai limiti del collasso definitivo ciò è dovuto in gran parte alla proposta forte avanzata in estate di un governo di transizione. Con essa è stato possibile accompagnare lo sfilamento di Fini dal PDL”.

    Cosa propone, dunque, hai-detto-un-Prospero di fronte alla “cupa prospettiva di un cavaliere trionfatore” nella nuova conta di voti che si avvicina? “Con questa legge elettorale” Berlusconi “con il 40 per cento dei voti potrebbe ancora spuntarla e prendersi così il 55 per cento dei seggi per poi virare vero il Colle. Il suo calcolo è che le opposizioni tra loro ideologicamente molto distanti marceranno in ordine sparso e quindi, con il 60 per cento dei consensi, si accontenteranno di spartirsi il 45 per cento dei deputati.” Di qui l’esigenza di “inventare qualcosa di nuovo come risposta ad una triste emergenza. Al voto con una grande alleanza costituzionale che si doti di un programma minimo e trovi su alcuni punti qualificanti dei compromessi di alto profilo”.

    Calcolo sbagliato, ma non è questo il punto. Lo schifo sta già tutto e solo nell’ipotesi “di alto profilo” avanzata. Se andiamo a vedere cosa ci sta sotto la “cerniera” ipotizzata, che ci troveremo? Non vogliamo cadere nella volgarità.

    Valentino Parlato, sul Manifesto del 17 dicembre, apprezza innanzitutto la “linea avanzata da Prospero” di un unico cartello elettorale di tutti i TTB d’Italia che possa aggiudicarsi “il 55 per cento dei parlamentari” sottraendo il piatto ricco al cavaliere. Commenta Parlato: “La proposta del fronte unico (triste destino di certe formule!, n.) appare ragionevole”, ma, all’interno di esso, “ciascuna forza dovrebbe fare uno sforzo di fortissima caratterizzazione. Alla fine della seconda guerra mondiale e con la resistenza ci fu l’unità di tutte le forze antifasciste (magari attorno alla camicia nera Badoglio, n.), ma ciascuno non rinunziò anzi esaltò la sua caratterizzazione”; “d’accordo con Prospero, ma alla condizione che ciascuna parte accentui, senza assurdi settarismi, la propria fisionomia”. Il PCI togliattiano, quindi, contribuì sì alla ricostruzione borghese post-fascista in modo non settario, fungendo da cerniera tra imperativi borghesi e attese della classe proletaria rimastavi impigliata, ma da... comunista. Il resto lo sappiamo: da Badoglio a Fini, tutte “altre scuole”! Parlato, se ti stavi zitto era meglio!




    “RIMBOCCHIAMOCI LE MANICHE”
    Lasciamo stare le “estreme” e veniamo a chi, a “sinistra”, conduce la danza, ed a cui le vecchie zitelle ex –“rivoluzionarie” ardentemente addocchiano, come si conviene alle Cenerentole sottratte dalla buona fata al loro triste destino di fille de ménage.

    Così recita il testo di un recente volantino di Bersani che, accogliendo l’invito di Ferrara (“Se proprio volete battere Berlusconi provate a proporre un’alternativa”), ci snocciola i suoi punti programmatici di un ipotetico governo innovatore, con tutti quelli che ci staranno. Vediamolo brevemente invitando i lettori ad un facile conto di ragioneria, entrate e uscite (non c’è bisogno di alcun speciale diploma per farlo). Diciamo subito che su determinati punti noi non avremmo nulla da dire in astratto (lavoratori, scuola, ricerca...), ma sarà subito chiaro che a contabilità generale non ci siamo proprio per nulla; siamo al mondo dei sogni in cui il capitalismo così come realmente è e dev’essere persiste intoccabile come alfa ed omega, ma può contemporaneamente fare a meno di farsi i conti in tasca e da profittatore impietoso si trasforma in una fabbrica di universale beneficenza. Attraverso quali tesoretti cui attingere è tutto da spiegare.

    Ecco l’elenco delle misure “concrete” da opporre alle “false promesse” berlusconiane:

    1. “Più occupazione con investimenti e nuove politiche industriali (quali non si dice, n.); “taglio dell’IRAP per assunzioni a tempo indeterminato di giovani e donne”,
    2. “Un’ora di lavoro precario non può costare meno di un’ora di lavoro stabile, indennità di disoccupazione per giovani precari, lavoratori autonomi e professionisti” (non autonomi e non professionalizzati, n.),
    3. “Riduzione dell’IRPEF sui redditi da lavoro e pensione. Zero tasse per i redditi reinvestiti in azienda (cioè maggiori profitti per i capitalisti che investono a spese dello Stato “di tutti”, n.). Tasse sulle rendite a livello medio europeo ad esclusione dei titoli di stato” (prima ed unica maggior entrata prevista, salvo che..., n.),
    4. “Investiamo in una scuola pubblica di qualità... Rinnoviamo l’edilizia, supportiamo la formazione degli insegnanti” (e, magari, moltiplichiamone il numero, n.),
    5. “Bonus di 3000 euro l’anno per ogni figlio. Nuove politiche per la non autosufficienza e la disabilità e un’efficiente rete di servizi sociali per combattere disuguaglianze e povertà”,
    6. “Università di qualità, moderna ed efficiente” e “puntare sulla ricerca” (ma senza dire, contro la legge Gelmini, come andrebbe rinnovata l’attuale Università, antiquata ed inefficiente tanto quanto comodo appannaggio delle baronie del “sapere” borghese, di cui, in realtà, ci si erge a difesa conservatrice, n.),
    7. “Meno tasse per spese in ricerca e investimenti al Sud” (sempre a favore degli industriali buoni... ad investire a spese dello Stato di cui sopra, n.),
    8. “Utilizzare ogni euro che sarà recuperato (dalla lotta all’evasione) per finanziare il taglio delle tasse ai contribuenti onesti, mai più condoni” (salva tutta la serie di condoni permanenti agli investitori di cui sopra, n.),
    9. “Allentamento del patto di stabilità per far ripartire l’economia locale (paga il solito Pantalone, n.) e un federalismo che sia vicino (?, n.) ai cittadini”,
    10. “Un piano di piccole e medie opere subito realizzabili e rilancio del trasporto pubblico”,
    11. “Sostegno all’occupazione femminile e meno tasse e più servizi per le lavoratrici in nuclei familiari con figli a carico, indennità di maternità a tutte le donne”,
    12. “Costi della politica: abbassiamo i costi e riduciamo il numero dei parlamentari” (e, intanto, ogni volta che c’è da votare a favore di maggiori costi della politica siamo al bipartisan assoluto; quanto alla sforbiciata al numero dei parlamentari vedremo chi, anche nel PD, ci starà a mettere in causa il proprio posto, n.).

    Tirate le somme dare-avere e arrivate a delle conclusioni contabili congrue. Mancano ancora alcuni elementi, tipo la promozione della cultura con leggi ad hoc per gonfiare di soldi ed aumentare di numero certi carrozzoni “culturali” attuali, l’aiuto alla “libera stampa” per continuare a veder stampati giornali senza lettori del tipo Voce repubblicana, La Discussione, Europa, Liberazione, Il Secolo d’Italia e, magari, resuscitare Il Campanile Nuovo, accanto a giornali veri (tipo Il Manifesto, che un suo pubblico autentico ce l’ha, ancorché imbolsito). O ancora le pensioni di finta invalidità a compenso del “disagio sociale”, specie al Sud. E che dire dell’ ”emersione dal nero”, che, sempre in determinate regioni, fa da contrappeso a detto “disagio sociale, e che non sarebbe possibile costringere a “regolarmente competere” con l’emerso dei “privilegiati”?

    E per fortuna che, poi, Berlusconi è il “populista”! Qui il populismo (delle chiacchiere e delle false promesse) raggiunge il suo culmine! Bersani che si atteggia allo zio d’America e viene a distribuirci... i pacchi!

    (Annotiamo di sfuggita che in questo bel programmino di specchi per le allodole manca la questione degli immigrati, ma si tratta di un’omissione incolposa, perché noi sappiamo benissimo come il PD si batterà come un leone per perequare le condizioni di tanti lavoratori immigrati al bianco e al nero (da cancellare senz’altro!), e già lo aspettiamo all’opera, ad esempio, a Rosarno!)

    Un “importante uomo politico”, certamente non filoberlusconiano, che scrive su Il Mondo sotto falso nome ha la bontà di avvertirci (3 dicembre 2010) che coi vincoli di bilancio impostici dall’Europa “sotto la spinta soprattutto dei rigoristi tedeschi” sono prevedibili per l’Italia salassi di ogni natura “e più ancora per i nostri programmi di socialità”: “Chiunque governerà nei prossimi anni dovrà cimentarsi con questo scenario” e “politiche di riduzione della spesa piuttosto drastiche. Come del resto hanno già cominciato a fare Sarkozy in Francia, con la sua controversa riforma delle pensioni, e Cameron in Gran Bretagna con i suoi tagli draconiani al pubblico impiego. (..) Nessuno potrà proporre programmi spensierati (se non sulla carta per i fessi chiamati alle urne, come nel caso-Bersani di cui sopra, n.). Non ci saranno risorse per finanziare generosi progetti assistenziali, né per ridurre magicamente le tasse a tutti, né per dispensare posti di lavoro a iosa”. Questo si chiama parlar chiaro, cosa che noi apprezziamo nei nostri nemici di classe. Non è che alla FIAT ci possa stare un “anomalo” cattivo Marchionne e al governo Babbo Natale. Di là e di qua la strada obbligata è una per il capitale, salvo improvvide bancarotte generali di cui, dato il personale politico in campo, non è a priori esclusa la possibilità.




    USQUE TANDEM BERLUSCONI?
    Ritorniamo alla domanda iniziale: come sta (politicamente parlando; fisicamente sappiamo che ne avrà ancora per un quarantennio spensierato di quattrini ed avventure)?

    Certamente è uscito vincitore dallo scontro – si fa per dire... – attuale. Ma, indubitabilmente, è venuto il momento del passaggio della staffetta ad un altro personale. Disgraziatamente: post-berlusconiano, nel senso che del precedente corridore si prenderà tutto il “meglio” borghese per arrivare in solitaria in dirittura d’arrivo a sancire un’ulteriore vittoria del nostro nemico di classe.

    Contrariamente alle bubbole che passano i conventini di “sinistra”, l’entrata in campo di Berlusconi non può ridursi ad un’avventura individuale, e per fini esclusivamente individual-proprietari (per quanto questi ultimi, ovviamente, non siano mai venuti meno). Berlusconi è stato l’artefice della costruzione di un blocco sociale borghese dinamico per tirar fuori il capitalismo dal pantano susseguente alla fine della x-ultima repubblica. L’ha fatto contando sulle proprie capacità finanziarie e politiche, ma, a sua volta, impantanandosi nella formazione di un assemblage confuso e precario, senza la capacità di arrivare da Duce ad un vero e proprio Regime (democratico, beninteso!).

    Nelle varie compagini che l’hanno sorretto, ed allo stesso interno di Forza Italia prima e, di più poi, del Popolo delle Libertà, si sono venute a scontrare diverse ed opposte opzioni scombinate, tutte singolarmente rivolte alla difesa di propri spazi elettoralistici-clientelari, senza la forza di imprimere ai varii governi di cui egli è stato a capo una profonda capacità “riformatrice” in senso borghese-radicale.

    Così prima ha dovuto scontare la rottura con la Lega “popolare”, poi quella con i centristi tipicamente dorotei, infine coi “futuristi” ai quali il damascato Fini è riuscito ad attrarre tanti elementi non programmaticamente venduti come singoli, ma giustamente insofferenti di un insopportabile clima da partito del padrone (a parte l’aleatorietà delle alternative proposte, queste sì ben vendute e comprate!).

    Il ritorno della Lega alla grande in suo appoggio ha anche segnato un punto di svolta che non poteva essere affrontato come semplice “ricambio”: la Lega ha posto al centro di tutte le questioni quella di una ridefinizione “popolare” degli assetti complessivi dello Stato ed è ovvio che tanti ex-proberlusconiani ne abbiano preso le distanze, ma sta di fatto che su questo punto il PDL annaspi, sia già annaspato, mentre su ciò stiamo assistendo a singolari rimescolamenti di carte nel complessivo quadro politico attuale.

    In tutto questo marasma una cosa di certo si può dire: che il PDL in quanto partito ha semplicemente latitato, incapace di darsi il promesso “radicamento di massa”, la spinta dal basso di cui ogni serio regime, e rimandiamo per conoscenza al solito Benito, è stato capace. E’ significativo, ad esempio, che in presenza della riforma Gelmini il PDL non sia riuscito a mettere in campo delle proprie forze attive a sostegno di essa, rendendosi virtualmente assente dalle piazze (ove, in ultima istanza, le cose si decidono davvero). Altrettanto evidente è che la politica estera di Berlusconi, pur segnalabile per tentativi nazional-borghesi autonomi (di molto più avanzata di quella della “sinistra” antiputin antilibica antilula etc. etc.), si sia ridotta a giochi di prestigio managerial-individuali senza significative ricadute sugli indirizzi complessivi della sua stessa compagine di governo e di partito. Altrettanto dicasi del tentativo di attrarre nella propria sfera governativa forze quali l’autonomismo siciliano a suon di “reciproche concessioni” (anti –riformistiche) Sud-Lega.

    Insomma: un partito PDL non esiste al di fuori di un provvisorio e caduco plebiscitarismo intorno all’Uomo del Secolo. E’ vero che dentro il contenitore PDL sono emerse figure in grado di fare il passo in avanti – Tremonti per tutti, ma ce ne sono varii altri –, e questo, se vogliamo, è il frutto dell’azione portata avanti dallo stesso Berlusconi, per quanto, oggi, possa rivolgerglisi contro. E’ da stupidi pensare che “il berlusconismo” si configuri solo e soltanto come una sorta di autocrazia personale. Questa categoria di giudizio sugli eventi politici complessivi per un paese non ha nessun senso. Nella realtà delle cose capitalistiche qualsiasi “dittatore” è, a sua volta, dittato. E arriva il momento in cui la macchina messa in moto può e deve fare a meno di chi l’ha avviata.

    Lo ha ben capito un Feltri, bestia (in tutti i sensi, ma anche) politica, che, ben più e meglio del convertito Fini, ha deciso di staccare un tantino – quel che basta per il momento – la spina dall’appoggio incondizionato al “personaggio” Berlusconi per porre il problema della costruzione di una reale forza “innovatrice” borghese dall’alto e dal basso. Il post-berlusconismo s’impone, non come anti-berlusconismo, ma come compimento di quello che il nostro ha precedentemente seminato. Siamo, in poche parole, al “marchionnismo”, ad un nuovo modello di “relazioni sociali” (e tutto il resto a seguire) da portare avanti come “partito”, con tanto di mobilitazioni dal basso cui dare degli spunti in concreto ai quali appoggiarsi: operai “ripagati” per il loro attaccamento all’azienda, studenti competitivi cui promettere radiosi futuri individuali, etc. etc. Operazione non facile, ma potenzialmente aperta nel vuoto di una reale opposizione di classe organizzata nel paese. Lo si vede, purtroppo, attraverso le lenti della vicenda FIAT, dapprima circoscritta dalla “sinistra dimissionaria” al caso specifico Pomigliano, poi estesosi a Mirafiori (e tutti i Fassini e Chiamparini a dire sì all’accordo!), ed oggi chiaramente visibile come percorso generalizzato di ridefinizione dei rapporti sociali di petto alle inesorabili leggi del mercato globale.

    Noi accettiamo la sfida, cui chiamiamo le non assenti forze di classe che sentono sulla propria pelle il peso delle lacrime e sangue che ci appresta la borghesia. Ma sarebbe una battaglia persa in partenza se l’ ”opposizione” dovesse prendere di mira un cadavere incipiente, il vecchio berlusconismo giunto al termine del suo percorso, attraverso innaturali confluenze con forze politiche e sindacali che da un lato lo hanno permesso e favorito, dall’altro sono organicamente incapaci di proporre degli sbocchi positivi, e non diciamo filo-proletari (dio ce ne scampi!, nessuno di loro ci pensa), ma anche e “solo” di maggior efficienza borghese (dal cui esito ciucciare qualcosina anche, immediatisticamente, nel nostro campo).

    Dovessero, in questa situazione, prosperare i Prosperi saremmo davvero alla frutta... (marcia).

    Nucleo Comunista Internazionalista

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «Il quarto governo Berlusconi»

    Ultime notizie dell'autore «Nucleo Comunista Internazionalista»

    4154