il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Marchio Marchionne

Marchio Marchionne

(26 Ottobre 2010) Enzo Apicella
Esternazione di Marchionne contro la scarsa produttività degli operai italiani

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

I danni della concertazione

e le dichiarazioni di Berlusconi

(18 Maggio 2002)

CORNUTI E MAZZIATI

Fulcro della Concertazione è che esiste un interesse superiore - lo sviluppo economico - che annulla la naturale contrapposizione di classe tra forza lavoro e forza padronale.

La Concertazione, quindi, sovvertendo l’ordine naturale delle cose, in sostanza dice che ogni atto forte della classe lavoratrice contro la classe dominante è un atto contro lo sviluppo e che quindi un atto contro se stessa.

Come si vede, ci troviamo di fronte ad UNA FILOSOFIA SINDACALE PERDENTE che, alla lunga, si affida al BUON CUORE DEI PADRONI e sottopone LAVORATRICI E LAVORATORI ad UN RICATTO CONTINUO.

Questo ha fatto si che da dieci anni – con Governi (teoricamente) vicini – lavoratrici e lavoratori dipendenti hanno subito contratti a perdere, sono stati messi uno contro l’altro con i meccanismi premiali sul salario, hanno perso diritti su diritti, hanno visto l’inserimento di flessibilità in entrata inimmaginabili… e tutto questo senza colpo ferire perché altrimenti lo sviluppo ne avrebbe risentito…

Un annichilimento psicologico senza precedenti, tale che, oggi, chi ci governa può, pressoché impunemente, affermare che:

Il premier Berlusconi sostiene che 'ogni sciopero toglie forza allo sviluppo. E' un danno che ogni categoria, scioperando fa a se' stessa e a tutti gli italiani, senza raggiungere nessun risultato'. Ha poi aggiunto che 'la liberta' di sciopero e' un diritto fondamentale'. (ANSA 17-05-2002 ore 19.35) -

Roma, 18 maggio 2002
Pietro Falanga Coordinamento Nazionale RdB-PI

4626