il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

La Scala

La Scala

(8 Dicembre 2010) Enzo Apicella
Contestazione e cariche della Polizia alla "Prima" della Scala

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(La controriforma dell'istruzione pubblica)

31 Gennaio, sgomberi in tutta Italia: non resteremo a guardare!

(1 Febbraio 2011)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.caunapoli.org

31 Gennaio, sgomberi in tutta Italia: non resteremo a guardare!

foto: www.caunapoli.org

di red-net - rete delle realtà stuydentiesche autorganizzate

La mattinata del 31 gennaio ha aperto una giornata nera per il movimento studentesco. A Napoli sono stati sgomberati due edifici, lo Spazio Fanon, nei presso dell’Università Orientale e lo spazio ZERO(81), che occupava i locali dell’ex-mensa universitaria; a Firenze e a Milano stessa sorte è toccata alle aule autogestite occupate durante la mobilitazione studentesca di dicembre; il tutto nel giro di poche ore.

Chi ha sottratto questi spazi agli studenti ha colpito la necessità, sentita evidentemente in tutta Italia, di vivere le università (e non solo) in modo “diverso”, da protagonisti più che da utenti. Gli occupanti hanno restituito alla possibilità di un utilizzo aggregativo, culturale e, perché no, politico, dei luoghi precedentemente dismessi e abbandonati (come a Napoli), o utilizzati unicamente per lo svolgimento dell'attività didattica, come se il dare esami a raffica sia l'unico scopo di chi frequenta l'università. Bisogna poi ricordare come le mobilitazioni per il diritto allo studio di questi mesi abbiano trovato nelle aule occupate una naturale base di partenza e di organizzazione, dalle assemblee di facoltà, ai cortei di piazza, facendone in breve tempo dei luoghi simbolo dell'opposizione studentesca alla mercificazione del sistema formativo.

È dunque la possibilità di costruire una reale opposizione, di organizzarsi, di unire e di discutere che polizia e carabinieri hanno dovuto sopprimere nei nostri atenei, in difesa di quegli interessi che ci vorrebbero pacificati e indifferenti, a tal punto da subire in silenzio l'asservimento sistematico del sapere alle logiche e bisogni del capitale privato. Forse qualche “avveduto” giornalista parlerà di ripristino della legalità e di restituzione di un servizio alla collettività; lo invitiamo preventivamente e vivamente a farsi un giro nei nuovi campus universitari, brulicanti di telecamere, guardie giurate e tornelli, dove tutto, anche il più recondito elemento architettonico, concorre a far sentire lo studente costretto nell'eterna competizione per qualche esame, per qualche credito, per “un po'di curriculum” in più.

In tutto questo le autorità accademiche, invece di tutelare il dialogo e lo scambio culturale, si sono schierate apertamente e opportunisticamente con le forze dell'ordine, consentendo il loro ingresso negli edifici universitari, anche in assetto antisommossa. I rettori e i presidi, figure di vertice della classe baronale, dimostrano ancora una volta di servire fedelmente il moderno oscurantismo, che sacrifica la cultura critica, accessibile ed autentica sull'altare dell'interesse d'impresa.

Riteniamo che stato e baroni abbiano voluto inviarci un segnale intimidatorio, tramite questi sgomberi, per invitarci alla resa e ripristinare la “normalità” nelle facoltà, dopo la fiammata di dicembre. Da parte studentesca, già circolano comunicati di solidarietà sul web, si svolgono presìdi, si organizzano assemblee. Il messaggio è chiaro: non possiamo stare a guardare.

Red net

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «La controriforma dell'istruzione pubblica»

Ultime notizie dell'autore «RED-NET Rete delle Realtà Studentesche Autorganizzate»

6516