il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Suora Pronobis

Suora Pronobis

(10 Settembre 2011) Enzo Apicella
Maurizio Sacconi spiega l'articolo 8 della Manovra (quello sui licenziamenti senza giusta causa) con l'esempio delle suore violentate: "basta dire di no"

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Diritti sindacali)

Continuano gli scioperi degli straordinari alla New Holland Modena

Ribelli sempre. Al sabato straordinario continueremo a dire no !!!

(3 Febbraio 2011)

Ribelli sempre: al sabato straordinario continueremo a dire no !!!

Nulla è cambiato da ieri, nella nostra condizione se non in peggio.
I referendum dittatoriali passati con il ricatto sia a Pomigliano che a Mirafiori, voluti dai padroni e serviti su un vassoio dorato dai sindacati di regime CISL, UIL, FISMIC e UGL, sono lì che premono e travolgeranno le nostre condizioni di vita e lavorative.

E pensare che c’è stato chi, il dirigente di uno di questi sindacati che ha avuto il coraggio di dire “finalmente in FIAT si è riuscito a vincere un referendum, cosa che non accadeva da tanti anni”.

Cosa avrà poi tanto da esultare questo personaggio, se si eccita per la “vittoria” e chissà mai che bella vittoria quella ottenuta attraverso un ricatto, passato anche grazie al supporto degli impiegati.

Altro che un atto democratico, questo personaggio è il solito parassita che perde tempo a dare aria ai denti, perché tanto non ci lavora lui in catena, mentre lo debbono fare altri per permettergli di godere della bella vita, proferendo cazzate a destra e a manca.

E poi non dimentichiamo che a Modena c’è ancora la causa aperta con la FIAT.
Perciò, per quale motivo dovremmo accettare questi ulteriori sabati?

Forse perché è stato detto che in cambio dei sabati verranno assunti degli interinali?
Il solito trito e ritrito pretesto per far passare sulla pelle degli operai, dell’ulteriore sfruttamento perché è a questo che servono i nuovi operai a tempo determinato, al padrone.

È una prassi consolidata, servono a incrementare i ritmi lavorativi, con la giustificazione del fatto che in fabbrica c’è stato un aumento della forza lavoro e poi nel giro di poco tempo vengono lasciati a casa non servendo più, essendo lo scopo ormai stato raggiunto.

Per chi resta, c’è il doversi accollare l’eredità di un aumento dei ritmi lavorativi, che non vengono di certo ridotti o riportati a come erano prima, essendo tornata a calare la forza lavoro.

È questo, il marchingegno con il quale si ricavano i profitti in piena crisi.
Noi dobbiamo opporci a tutto ciò, perché ci porta a farci fare la guerra tra operai.

Dobbiamo lottare contro questa logica e pratica del padrone che mette i padri sfruttati in competizione contro i figli, nell’assurda lotta per cui chi vince potrà essere il fortunato da sfruttare.

Lo Spartaco che ha saputo far tremare il sistema schiavista dell’impero romano nel passato ha molto ancora e tanto da insegnare, a noi schiavi moderni di questo presente sistema padronale.

La prima liberazione deve avvenire nella mente, pensando che si può, che ci si deve ribellare alla schiavitù.

Per ribellarsi alla schiavitù basta saper dire no!

Sabato 12 e sabato 19 di nuovo sciopero degli straordinari
LO SCORRIMENTO SCIOPERA NEL GIORNO DI RIPOSO


04/02/2011

RSU SI COBAS NEW HOLLAND MODENA
SI COBAS MODENA

3788