il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

CEIman contro Caiman

CEIman contro Caiman

(25 Gennaio 2011) Enzo Apicella
I vescovi italiani esternano sui "comportamenti contrari al pubblico decoro"

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Quel treno per Reggio Calabria

(11 Febbraio 2011)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.radiocittaperta.it

Quel treno per Reggio Calabria

foto: www.radiocittaperta.it

11-02-2011/12:57 --- Un treno per Reggio Calabria, nella storia italiana del dopoguerra, può segnare passaggi importanti. Il 22 luglio 1970 il “treno del sole” fu fatto deragliare da una bomba a Gioia Tauro. Si era nel pieno della “rivolta di Reggio”, capitanata – per una parte molto consistente – dall’allora Movimento Sociale di Almirante, nella persona di Ciccio Franco.
Un paio di anni dopo, per cercare – inutilmente – di impedire l’arrivo di decine di migliaia di operai provenienti dal nord per una manifestazione, otto bombe furono fatte esplodere lungo i binari nella sola notte tra il 21 e il 22 ottobre.
Stavolta, almeno, non ci sono state esplosioni. Semplicemente, il ministro dell’economia ha platealmente abbandonato la conferenza stampa di palazzo Chigi in cui si doveva magnificare la “scossa all’economia” decisa dal governo. Ed è salito su un convoglio insieme a Luigi Angeletti e Raffaele Bonanni, i suoi sindacalisti “compici” preferiti (ricordiamo sempre che l’aggettivo va addebitato a Maurizio Sacconi, il pasdaran della distruzione dei sindacati).
Giulio Tremonti sa meglio di tutti che quella “scossa” – che non prevede finanziamenti - non serve a nulla. Salvo la minaccia di rovesciare di segno l’art. 41 della Costituzione, quello che limita la “libertà d’impresa” entro confini vaghi precisi: “Non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana”. Come ha spiegato a tutti il “modello Mirafiori”, quei limiti non sono più tollerati dall’impresa in cerca di competitività.
I maligni hanno subito notato che “la fuga” di Tremonti dalla conferenza stampa significava due cose: “non ci metto la faccia” su provvedimenti economici inefficaci anche dal punto di vista imprenditoriale e “non ci metto la faccia” sul più che prevedibile tourbillon di domande su Ruby, escort, cocaina e scontro istituzionale con magistrati, Corte Costituzionale e – dietro l’angolo – con il Quirinale.
Ok, ma perché mettersi in viaggio con Bonanni e Angeletti? Perché questo sopralluogo sulle infrastrutture di trasporto al Sud, lui “ministro del Nord” come e più di Bossi?
Lasciamo da parte il ridicolo della “straordinaria puntualità” dell’illustre convoglio (forse l’unico arrivato in orario, su quella tratta, negli ultimi anni) e proviamo a capire il “senso” di questa triade in viaggio.
C’è nell’aria odore di “piano B”. Il centrodestra sta seguendo militarmente Berlusconi nel suo scontro finale con la magistratura. Ma nessuno che sia dotato di cervello, lì dentro, può scartare l’ipotesi che stavolta il satiro di Arcore possa esser finito su un binario minato. Se cade, come potrebbe quel blocco sociale e di potere sopravvivere al big bang? Come evitare di dilaniarsi tra fughe in avanti leghiste e propositi revanchisti di “poteri meridionali” messi a dieta dal federalismo?
Ecco allora che i due sindacalisti di regime diventano quasi indispensabili. Loro sono ancora alla testa di organizzazioni di massa, per quanto sfibrate e ormai ridotte a fornitrici di servizi (dall’assistenza fiscale al clientelismo “di sopravvivenza” sui posti di lavoro). Loro, forse, possono ancora avere un ruolo di sutura a destra tra pulsioni territoriali divaricanti.
Ultima notazione simbolica: una carrozza di seconda classe sembra davvero una location profetica per far le prove di sopravvivenza di un blocco reazionario senza più Berlusconi.

Redazione di Contropiano

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il quarto governo Berlusconi»

Ultime notizie dell'autore «Contropiano / Rete dei comunisti»

3117