il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Falluja

Falluja

(5 Aprile 2010) Enzo Apicella
L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha riconosciuto l'aumento delle malformazioni congenite a Falluja, bombardata con il fosforo nel 2004

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Iraq occupato)

Dossier di denuncia sulle continue violazioni dei diritti umani in Iraq

Presentato il 10 gennaio a Baghdad da Occupation Watch

(11 Gennaio 2004)

Oggi, sabato 10 gennaio alle ore 13.00 (ora locale) si è svolta a Baghdad una conferenza stampa organizzata dall’Occupation Watch Center – osservatorio internazionale sull’occupazione in Iraq, promosso da Un Ponte per... e da altre organizzazioni pacifiste internazionali -.

Sparatorie indiscriminate, perquisizioni, incidenti tra veicoli militari e civili, morti e feriti causati dalle bombe a grappolo. Sono i casi seguiti da Occupation Watch e raccolti nel rapporto presentato durante la conferenza stampa; un dossier che mette in luce la palese violazione dei diritti umani da parte delle forze di occupazione in Iraq.

Alla conferenza stampa ha partecipato Paola Gasparoli per l’Occupation Watch, insieme a Ismail Daud della National Association of the Difense of Human Rights (NADHRI), un’associazione irachena nata dopo la caduta del regime di Saddam, i legali che hanno seguito i casi e i familiari delle vittime.

“Le forze di occupazione avrebbero il dovere di proteggere e garantire la sicurezza della popolazione civile tutta, mentre finiscono sistematicamente per umiliare e sottoporre a continue violenze gli iracheni” ha dichiarato Paola Gasparoli nel corso della conferenza stampa.

L’attenzione è stata posta in particolar modo sull’inutile istituzione degli uffici del 'Civilian Military Operation Center' (CMOC), gli appositi uffici legali previsti dal sistema statunitense, dove gli iracheni che hanno subito un danno da parte dei soldati americani possono presentare la documentazione relativa e chiedere un risarcimento.

L’Occupation Watch ha seguito numerose richieste accompagnando i familiari delle vittime nel tormentato e umiliante iter burocratico a cui sono state sottoposte, senza riuscire ad essere risarcite. 24 morti, 19 feriti, 18 detenuti: attraverso interviste con vittime e testimoni e l’assistenza diretta ai casi, il rapporto di Occupation Watch descrive, molti casi di violazione dei diritti umani da parte dei militari e la difficile realta’ di chi decide di richiedere un indenizzo per le perdite e i danni causati dalle forze di occupazione.

E' disponibile il dossier in inglese ed un estratto in italiano sul sito www.unponteper.it

'Un ponte per...' Associazione Non Governativa di Volontariato per la Solidarietà Internazionale

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Iraq occupato»

Ultime notizie dell'autore «Un ponte per...»

4411