il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Rottamazioni d'oro

Rottamazioni d'oro

(2 Novembre 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

28.02.2011 - Lo sciopero va proclamato ora. Basta con gli indugi

(28 Febbraio 2011)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.rete28aprile.it

Lunedì 28 Febbraio 2011 15:02
L’accordo separato per le lavoratrici e i lavoratori del commercio è un ennesimo colpo durissimo ai diritti, al contratto nazionale, alle libertà delle persone. Con questo accordo, dopo i metalmeccanici e tutti i lavoratori pubblici, anche i milioni dei lavoratori del commercio entrano in un regime di devastazione contrattuale che esclude la Cgil.
Oramai la maggioranza dei lavoratori italiani sono senza un contratto nazionale firmato da tutti. A questo punto i contatti unitari non sono la regola, ma l’eccezione minoritaria e la sostanza è quella, invece di un sistema delle imprese che, in pieno accordo con il Governo, punta alla rottura sindacale e alla distruzione del contratto nazionale. (...)

La Cgil deve prendere atto della realtà e non bisogna più perdere tempo. Occorre definire subito la data per lo sciopero generale e questa deve essere ravvicinata, anche unificando e accorpando tutte le decisioni di lotta già prese. La Segreteria nazionale deve dunque dare conseguenza al voto del Direttivo e fissare la data per uno sciopero generale che dovrà provare a fermare sul serio tutto il paese.
Il deterioramento del quadro democratico, per l’azione sconsiderata del Presidente del Consiglio, reclama anch’esso una risposta immediata. A questo punto ogni ulteriore rinvio sarebbe tanto incomprensibile quanto colpevole. Lo sciopero generale va proclamato ora.

Rete del 28 aprile per l'indipendenza e la democrazia sindacale

6834