il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Algeria

Algeria

(9 Gennaio 2011) Enzo Apicella
Rivolta contro il caro-vita in Algeria

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Libia: washington tentata da nuovo attacco

Per l’Amministrazione Obama è ancora una ipotesi remota ma un’operazione militare Usa-Europa-Nato è sul tavolo e potrebbe scattare con la copertura della «guerra umanitaria».

(1 Marzo 2011)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.nena-news.com

Libia: washington tentata da nuovo attacco

foto: www.nena-news.com

Roma, 01 marzo 2011, Nena News - Venticinque anni dopo il raid aereo americano contro Tripoli e Bengasi, nel quale rimase uccisa, tra gli altri, la figlia adottiva di Muammar Gheddafi, Washington pianifica un nuovo attacco militare contro la Libia. Anche se la Casa Bianca e il Dipartimento di Stato parlano di «ipotesi remota». Oltre a evocare la possibilità di un esilio per Gheddafi, che se non accettasse rischierebbe una incriminazione per crimini contro l'umanità alla Corte penale internazionale, gli Usa, per bocca del Segretari di stato Hillary Clinton, hanno annunciato il riposizionamento della flotta Usa nel Mediterraneo davanti alle coste libiche. Il Tesoro Usa ha anche congelato beni libici per 30 miliardi di dollari.

Sotto la minaccia di un possibile attacco militare americano ed occidentale, Muammar Gheddafi si difende, ripete che «la sua gente lo ama». Ieri ha concesso interviste a raffica per negare di aver ordinato di sparare contro la sua gente. Ha anche detto di sentirsi tradito dai governi occidentali. «Eravano alleati per combattere i terroristi – ha affermato - e ora che stiamo combattendo i terroristi l'Occidente ci ha abbandonato ». Il colonnello prova a placare la rivolta. Ha incaricato il capo dell'intelligence di intavolare una trattativa con le tribù ribelli che nel frattempo hanno avviato un negoziato con emissari americani per definire il dopo Gheddafi. In ogni caso una offensiva militare dei rivoltosi contro Tripoli non sembra imminente: entrambe le parti appaiono impegnate a scongiurate il pericolo di una guerra civile e le forze in campo non permettono ai ribelli una rapida conquista della capitale. A Tripoli intanto la situazione appare tornata alla normalità, con la riapertura di molti negozi. Le scuole funzionano regolarmente e in città si vedono lunghe code davanti ai panifici, ai distributori di benzina e alle banche. Nelle ultime ore gli unici a scendere in strada a protestare sono stati i movimenti islamici, dispersi con la forza dalle milizie del regime.

Lo storico Angelo Del Boca

Nena News vi propone l’intervista allo storico Angelo Del Boca pubblicata oggi dal quotidiano Il Manifesto

«L'intervento militare esterno? Un errore»

Tommaso Di Francesco

Ad Angelo Del Boca, esperto di Libia e storico del colonialismo italiano, abbiamo rivolto alcune domande sul precipitare della crisi in in Libia.

Il ministro degli esteri italiano Frattini dichiara che l'Italia è pronta a chiedere l'intervento in Libia dell'Oua, l'Organizzazione unitaria dei paesi africani, su mandato delle Nazioni unite. Che ne pensi?

È una proposta molto velleitaria e per molti motivi. Prima di tutto il ministro Frattini dimentica l'origine di questa Unione africana che è un'organizzazione fondata da Muammar Gheddafi. Ora sembra abbastanza strano che si mandi un'organizzazione inventata da Gheddafi a colpire Gheddari. È stata proprio un'idea di Gheddafi che nel 2000 ha radunato a Sirte 54 capi di governo e di stato ed ha fatto questa la proposta di organizzare una unione africana che coinvolgesse tutto il continente per avere uno strumento unitario con cui trattare con altri «blocchi» internazionali da una posizione di forza. In realtà ha avuto scarsi successi perchè è andata male in Darfur sta andando molto male in Somalia, dove le forze Oua non riescono neanche a salvare non dico Mogadiscio ma neanche un quartiere della capitale somala. Mi sembra che la proposta di Frattini ha scarso valore.

Si parla di intervento, arrivano notizie dai siti israeliani (Debka) della presenza di centinaia di consiglieri militari americani e britannici in Cirenaica. Mentre le forze speciali tedesche sono intervenute con un blitz segreto per salvare dipendenti dell'Arabia Gulf Oil. Insomma, secondo te serve un intervento militare dall'esterno, magari di Nato e Stati uniti insieme?

Io direi tutto meno che americano. Perché verrebbe giudicato molto male. Non dimentichiamo che gli Stati uniti hanno già fatto un intervento militare nell'86 quando hanno mandato i cacciabombardieri su Bengasi e su Tripoli massacrando un centinaio di persone, compresa una figlia adottiva di Gheddafi. Diciamo che, con questo ricordo, forse gli americani non dovrebbero riproporre una soluzione simile.

Come giudichi il fatto che gli insorti del Consiglio nazionale della Cirenaica dicano espressamente: «Non vogliamo un intervento militare straniero, vogliamo liberarci da soli»?

Trovo sia giusto, è un valore in sé molto importante. Perché in un certo senso forse riescono da soli ad accerchiare Tripoli. Ci vorranno dei giorni, ancora molti giorni, per dare poi il colpo finale. Perché Sirte è ancora in mano a Gheddafi e anche altre località a mezza strada. Se loro pensano di partire da Bengasi con una marcia o convoglio militare per andare ad attaccare Tripoli, rischiano di fallire. Sono 1200 km di distanza, ed è difficile poter fare uno sforzo di quel genere seza un esercito veramente organizzato e regolare.

È confermato che si sono schierati con gli insorti molti protagonisti della lotta di liberazione libica dal colonialismo fascista?

Sì, due giorni fa è scesa in campo la famiglia di Mohamed Fekini, eroe della resistenza contro gli italiani. Da Londra Anwar Fekini (avvocato internazionale) coordina alcune iniziative, convincendo alcuni ambasciatori a disocciarsi da Gheddafi. Ha fatto anche una trasmissione su una radio di Londra e i suoi cugini - altri nipoti del famoso Mohamed Fekini, hanno raggiunto gli insorti in montagna e stanno organizzando l'operazione per scendere su Tripoli. E adesso sono armati. Da principio non lo erano, poi hanno occupato un campo militare e si sono impossessati di carri armati e missili. Domenica Gheddafi, sperando di poter evitare la scesa in campo della tribù dei Rogeban alla quale appartengono i Fekini, ha inviato un suo generale che si chiama Mustafa Akkad (anche lui è un rogeban) per convincerli a desistere o a rimanere neutrali. E naturalmente Faden Fekini, altro cugino colonnello dell'aviazione, gli ha risposto di no e, anzi, lo hanno invitato a dissociarsi da Gheddafi altrimenti anche lui sarebbe finito mamale. Dunque, è scesa in campo la potente famiglia Fekini.

Nena News

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il Mondo Arabo in fiamme»

Ultime notizie dell'autore «Nena News»

4350