il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Cantiere Italia

Cantiere Italia

(17 Novembre 2010) Enzo Apicella
Presentato il report Inail: gli omicidi sul lavoro nel 2009 sono stati 1021

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Di lavoro si muore)

Morire da lavoro - morire per i profitti

(8 Marzo 2011)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.sicobas.org

La Marlane di Praia a Mare (CS), fabbrica tessile del gruppo Marzotto, dal 1973 al 2001 ha causato oltre 100 operai morti per tumore e altri 60 ammalati ancora oggi. Il territorio e il mare di Praia sono serviti da discarica per i rifiuti tossici delle lavorazioni.

Tutto questo è avvenuto con la complicità delle amministrazioni locali e dei partiti (di centro destra e centro sinistra), delle autorità sanitarie, di Cgil-Cisl-Uil, dei mezzi di “informazione”; che per anni hanno negato, minimizzato, insabbiato, ma anche criminalizzato chi lottava contro il lavoro portatore di morte, contro la fabbrica dei veleni.

La strage di Praia a Mare non è avvenuta “per caso”, per “mancata conoscenza” dei prodotti usati nel ciclo lavorativo. La strage di Praia è avvenuta per scelta, la scelta del profitto. Quella scelta che vede nelle misure di sicurezza, nella salvaguardia della salute e delle vite di chi lavora, solamente un elemento aggiuntivo del “costo del lavoro”, un onere da evitare con cura per non diminuire i profitti, per “garantire” l’occupazione.

La strage di Praia a Mare è un copione che abbiamo visto molte altre volte, in Italia e nel resto del mondo. Nella sola Italia, nei primi due mesi del 2011 i morti sul lavoro sono stati 76 e gli infortuni gravi più di 100.

La strage continua, ma noi vogliamo farla smettere!

domenica 13 marzo h.10 presentazione del libro
(c/o SI Cobas, via Marco Aurelio 31 Milano, MM1 Pasteur)
MARLANE: LA FABBRICA DEI VELENI

Interverranno gli autori: Francesco Cirillo (giornalista, ambientalista, curatore del blog http:/scirocco.blog.tiscali.it e del sito www.sciroccorosso.org) e Luigi Pacchiano (operaio della Marlane, coord. prov.le del SI obas di Cosenza ). Verrà proiettato il video delle interviste agli operai della Marlane e ai loro familiari realizzate da Giulia Zanfino.

A SEGUIRE:

BUFFET IN SOSTEGNO DEI LICENZIATI POLITICI

La diminuzione dei ritmi e dell’orario di lavoro riduce il rischio di malattie tumorali, cardiovascolari e polmonari mortali

Comitato per la difesa della salute nei luoghi di lavoro e nel Territorio
Sindacato Intercategoriale Cobas

3199