il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Che Guevara

Che Guevara

(10 Ottobre 2008) Enzo Apicella
41 anni fa veniva assassinato dagli sgherri dell'imperialismo Ernesto Che Guevara

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Memoria e progetto)

Sul "Partito della sinistra europea"

l'odg presentato da Progetto Comunista alla Direzione Nazionale del PRC del 28/1/2004

(2 Febbraio 2004)

La Direzione nazionale esprime un giudizio di dissenso profondo con l'iniziativa intrapresa a Berlino di costituzione del "partito della sinistra europea".

UN METODO BUROCRATICO

Il percorso seguito nella realizzazione di questo atto politico ha avuto un carattere fortemente burocratico e verticistico. I gruppi dirigenti e il corpo militante del Prc vengono "iscritti" di fatto in un nuovo partito europeo senza che sia stata loro fornita la possibilità di conoscere e discutere preventivamente la prospettiva indicata. Senza che si sia loro fornita un'informazione elementare sulla natura politica delle forze coinvolte, le loro scelte nei rispettivi Paesi, il dibattito e le divergenze che le attraversano.

Né vale l'argomento secondo cui la Dn e il futuro Cpn hanno potere decisionale: perché di fatto vengono convocati a fatto compiuto, ciò che limita profondamente la libertà decisionale costituendo un indebito fattore di pressione e condizionamento; e perché in ogni caso una scelta così rilevante di fondazione di un nuovo partito in Europa avrebbe richiesto un coinvolgimento ben più largo del Prc, un confronto serio e prolungato, un reale potere decisionale dei militanti.

UN PARTITO EUROPEO NEORIFORMISTA

Ma soprattutto il merito della decisione assunta suscita un giudizio radicalmente negativo.

La scelta compiuta configura la costruzione di un soggetto politico dichiaratamente non comunista, non solo e non tanto per ragioni "nominali", ma perché privo di un programma di alternativa anticapitalistica e socialista all'Europa del capitale.

Il Manifesto programmatico prodotto a Berlino si riduce ad un semplice richiamo di intenti e di valori "progressisti". Non mette in discussione le basi strutturali e materiali della UE come costruzione imperialistica, a partire dalla proprietà dei grandi monopoli e delle banche. Non rivendica un'alternativa di potere della classe operaia e delle masse oppresse alle classi dominanti del vecchio continente. Semplicemente rivendica un continente europeo "più democratico, sociale, ecologicamente sostenibile e di pace". E a tal fine chiede alla UE e ai suoi governi "un'altra politica economica e sociale", "un ruolo maggiore ai parlamenti nazionali e a quello europeo", "iniziative per il disarmo e il rafforzamento del diritto internazionale".

UN RIFORMISMO UTOPICO E SUBALTERNO

E' questa un'impostazione del tutto subalterna e utopica che ignora non solo la crisi del riformismo al punto di riproporlo, ma la radice di fondo delle politiche controriformatrici e militariste della UE, che in quel quadro non sono scelte "sbagliate" rimpiazzabili da altre politiche ma la conseguenza strutturale della costruzione stessa dell'Europa imperialista: in quella nuova competizione per i mercati, per le materie prime, per le zone di influenza che si è aperta nel mondo dopo il crollo dell'Urss e che investe l'intero scenario internazionale.

Peraltro è significativo che la rinuncia ad ogni alternativa di potere all'Europa del capitale finisca col sacrificare, nel manifesto proposto, caratteri e portata delle stesse rivendicazioni immediate e dei riferimenti di classe.

Nel Manifesto è assente ogni riferimento al Kosovo, all'Afghanistan, all'Irak e alla relativa richiesta di ritiro immediato e incondizionato delle truppe. E' assente ogni riferimento alle lotte della classe operaia europea dentro una rappresentazione della questione sociale come pura questione redistributiva tra "ricchi e poveri". E' assente, clamorosamente, ogni denuncia della socialdemocrazia europea e delle sue responsabilità antioperaie e filoimperialiste per tutto l'arco degli anni Novanta.

UNA COMUNE VOCAZIONE DI GOVERNO

Nei fatti il Manifesto di Berlino definisce il profilo del nuovo partito europeo come quello di una forza di sinistra "critica" neoriformista proiettata verso prospettive di governo; una forza misurata sullo stesso terreno delle rivendicazioni di riforma per preservare o rilanciare spazi di intesa governativa con la socialdemocrazia e/o con forze di centro liberale. Peraltro la vocazione di governo è ben sperimentata e inscritta nell'indirizzo politico-strategico delle principali forze politiche coinvolte nell'aggregazione: dal Pcf, già partecipe dei bombardamenti in Kosovo come forza del governo Jospin, alla Pds tedesca, già al governo con la socialdemocrazia liberale di Schroeder in intere regioni e nella città di Berlino, sulla base di una cogestione delle politiche di sacrifici e di tagli alla spesa sociale.

Qui sta la coerenza tra la costituzione del nuovo partito europeo e la svolta politica di governo che la segreteria nazionale del Prc persegue in Italia. L'apertura di una prospettiva di governo col centrosinistra sotto la guida di Prodi -la principale autorità politica dell'Europa dei banchieri- è incompatibile con ogni politica comunista e di classe non solo in Italia ma anche sul piano internazionale: essa ha oggi trovato sul terreno europeo il proprio naturale risvolto e traduzione. Così come le forze di altri Paesi coinvolte nell'aggregazione hanno trovato nella svolta di governo del Prc in Italia una ragione di consolidamento della propria vocazione governativa.

PER UNA PROPOSTA ALTERNATIVA COMPLESSIVA

Per queste ragioni è necessario opporre alla iniziativa assunta a Berlino una linea politica e strategica complessivamente alternativa, nazionale e internazionale.

Non si può sostenere la prospettiva di governo con l'Ulivo in Italia (o non contrapporsi coerentemente ad essa) e al tempo stesso criticare l'iniziativa di Berlino perché "insufficientemente anticapitalistica e comunista". Questa impostazione "critica" è profondamente subalterna e opportunista.

In un caso rivendica l'estensione dell'aggregazione di Berlino ad altri partiti comunisti di più spiccata tradizione staliniana, il cui orientamento strategico è anch'esso neoriformista e governista (si pensi al Pdci): e così concorre a ridurre il comunismo a riferimento simbolico, retorico, del tutto separato dalla azione politica reale.

In un altro caso si limita a richiedere al nuovo partito europeo un più coerente rapporto con i movimenti e i conflitti sociali: come se il rapporto con la lotta di classe non dipendesse dalla prospettiva politica che si persegue; come se la prospettiva politica che si persegue non fosse decisiva per lo sbocco dei movimenti e delle loro ragioni e rivendicazioni.

PER UN'EUROPA SOCIALISTA, PER IL POTERE DEI LAVORATORI, PER L'OPPOSIZIONE COMUNISTA AI GOVERNI BORGHESI

E' invece essenziale definire una svolta profonda, politica e programmatica, del nostro partito, arrestando la sua attuale deriva.

Non c'è alternativa all'Europa del capitale dentro un orizzonte riformistico, oltre tutto fittizio. Solo requisendo la proprietà privata dei monopoli e delle banche, solo concentrando nelle mani della classe operaia e della maggioranza della società le leve decisive dell'economia e della finanza europea è possibile creare le condizioni di una riorganizzazione su basi nuove della società del vecchio continente e dare uno sbocco reale alle domande dei movimenti di lotta che hanno ripreso, con forza, ad attraversarlo. Legare ogni lotta parziale, ogni speranza di cambiamento alla prospettiva di un'Europa socialista è il compito decisivo dei comunisti.

Ciò significa assumere apertamente la prospettiva di un'alternativa di potere alle classi dominanti, in ogni Paese europeo e su scala continentale. Solo i lavoratori, i giovani, le masse protagoniste dei movimenti di lotta di questi anni possono costruire un ordine sociale nuovo. E possono farlo solo rompendo con le forze della borghesia europea, colpendo le loro basi materiali, le loro radici economiche, i loro apparati statali, i loro legami internazionali: solo conquistando il potere politico e basandolo sulla propria forza e sulla propria autorganizzazione.

A sua volta la lotta per un'alternativa di potere in Europa richiama l'esigenza dell'autonomia più rigorosa dal potere borghese esistente, dalle forze di governo del capitalismo europeo.

Rosa Luxemburg, dirigente comunista rivoluzionaria -incredibilmente celebrata come icona del nuovo partito europeo- affermava che "i comunisti sono forza di opposizione sino alla conquista del potere politico". E' questo un fondamento elementare del marxismo rivoluzionario. La sua rimozione per opera dello stalinismo ha comportato conseguenze disastrose per il movimento operaio e per i partiti comunisti a partire proprio dall'Europa. Peraltro tutta la recente esperienza europea dimostra che ogni subordinazione di forze del movimento operaio a governi di coalizione con la borghesia determina la sconfitta del movimento operaio e la crisi delle forze politiche coinvolte. Non vi è, al riguardo, una sola eccezione.

PER UN'INTERNAZIONALE MARXISTA RIVOLUZIONARIA

Su queste basi programmatiche e di principio è necessario e possibile lavorare per la rifondazione di un'Internazionale marxista rivoluzionaria, capace di unificare l'avanguardia operaia e giovanile, di lottare per l'egemonia nei movimenti di massa, di costruire un'alternativa di direzione alla socialdemocrazia e ai gruppi dirigenti neoriformisti. Ed oggi in Europa la crisi di consenso della socialdemocrazia in settori centrali delle classi subalterne, la crisi profonda di vecchi apparati di tradizione staliniana, l'emergere sul terreno della lotta di una giovane generazione possono creare un terreno più favorevole che in passato per questa politica di raggruppamento rivoluzionario. Una politica aperta al coinvolgimento di forze d'avanguardia di diversa collocazione e provenienza ma sulla base dei principi e degli orientamenti programmatici del marxismo. Perché fuori e contro quei principi, al di là di ogni eventuale intenzione, si preparano solo vecchi disastri. Magari in nome del "nuovo".

NONVIOLENZA, RELIGIONE, BERLINO: UNA DERIVA TRASCINATA DALLA SVOLTA DI GOVERNO CON L'ULIVO

In conclusione, la stessa discussione sull'iniziativa internazionale del Prc, per il contesto in cui si svolge e per i caratteri che assume, conferma una volta di più l'esigenza di un congresso straordinario del nostro partito.

"Nonviolenza", esaltazione della religione, nuovo partito della sinistra europea, non configurano ambiti separati o scissi ma diverse angolazioni di un medesimo corso politico. Rappresentano il nuovo abito politico-culturale della prospettiva di governo del Prc. Un abito che incontra, non a caso, l'esplicito apprezzamento di settori crescenti della stampa borghese e del centrosinistra. Com'era prevedibile la svolta di governo del partito trascina con sé la sua deriva generale.

PER IL CONGRESSO STRAORDINARIO DEL PRC

La Dn ritiene che la deriva in corso vada arrestata, che l'opposizione comunista vada salvata e rilanciata, che la rifondazione comunista vada finalmente intrapresa sulle basi del marxismo rivoluzionario. Ma solo i militanti del partito possono mettere una barra alla deriva. E solo un congresso, sempre più urgente, può dare finalmente loro la parola.

MARCO FERRANDO
FRANCO GRISOLIA
MATTEO MALERBA

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «La “Sinistra Europea”»

Ultime notizie dell'autore «Associazione marxista rivoluzionaria PROGETTO COMUNISTA - sinistra del PRC»

9063