il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Ercole

Ercole

(17 Giugno 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • DALLA TORNATA ELETTORALE DEL 20/21 SETTEMBRE UTILI INDICAZIONI PER LA BORGHESIA
    Corsa contro il tempo per l'instaurazione di un "governo forte"
    (23 Settembre 2020)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Capitale e lavoro)

    Sul contratto Agenzie Fiscali

    lettera aperta dei lavoratori delle dogane di Reggio Emilia

    (3 Febbraio 2004)

    A tutte le Organizzazioni Sindacali
    E, per conoscenza, a tutti i lavoratori dell'Agenzia delle Dogane

    I lavoratori dell'ufficio delle dogane di Reggio Emilia manifestano il loro disappunto nei confronti di tutte le organizzazioni sindacali che nel condurre le trattative conclusesi con la preintesa del nostro contratto di lavoro hanno dimostrato di non saper o di non voler rappresentare i diritti dei lavoratori delle dogane: lavoratori utili agli stessi sindacati per i disagi che arrecano alla nazione, all'Unione europea e ai Paesi terzi ogni volta che scioperano o intraprendono forme alternative di rivendicazione dei propri diritti.

    L'aspetto dell'incresciosa vicenda che ci fa più arrabbiare è la preordinata volontà di voler tenere nascosta la verità sulle differenze retributive tra noi e i lavoratori delle altre agenzie fiscali: differenze probabilmente a nostro svantaggio !

    Si, avete letto bene, ci è sorto il dubbio (che dipaneremo non appena entreremo in possesso dei dati di confronto) che i doganali da anni percepiscono retribuzioni inferiori a quelle dei colleghi di altre Agenzie e, badate bene, non ci sarebbe nulla di male se ciò fosse dovuto ad una tipologia lavorativa che veda la nostra Agenzia in posizione di subordine in quanto ad efficacia ed efficienza del servizio o ad impegno richiesto ai propri dipendenti, ma il fatto assume toni tragicomici al cospetto di una realtà di lavoro che da sempre vede noi dipendenti delle dogane (intendendo ovviamente dogane, uffici tecnici di finanza, laboratori chimici e i nuovi uffici delle dogane) in prima posizione almeno per quanto riguarda le ore dedicate al lavoro e il disagio legato all'atipicità di buona parte dei nostri servizi rispetto a quelli resi dalle altre Agenzie.

    Ci avete raccontato che noi delle dogane siamo dei privilegiati perché non solo avevamo un'indennità di amministrazione di parecchio più ricca degli altri ma abbiamo sempre guadagnato molto perché facciamo parecchio lavoro straordinario e che sarebbe stata colta l'occasione del primo contratto di agenzia per fare finalmente un pò di giustizia; allineando l'indennità di amministrazione dei poveri a quella dei ricchi.

    Quello che non ci avete mai detto è che da anni le altre Agenzie erogano i premi incentivanti la produttività e le indennità varie (F.U.A. - fondo unico di amministrazione) di importo mediamente variabile dalle tre alle quattro volte superiore a quello percepito dai doganali (differenze procapite dell'ordine di 5000 - 6000 euro all'anno che rendono ridicola la vostra decantata vittoria sulla firma del nostro contratto)

    Inoltre non ci avete mai ricordato l'inganno della R.S.P. (retribuzione di servizio prolungato) che viene prelevata sempre dal F.U.A. ed usata non per tamponare eventi eccezionali ma per remunerare l'ordinario orario di lavoro dei dipendenti (per garantire un servizio giornaliero di almeno dieci ore dalle ore 8 alle ore 18 - che significa almeno fino alle ore 19) che vengono così pagati con i medesimi soldi del F.U.A. che i medesimi dipendendenti avrebbero percepito lo stesso, come incentivo, posizione o professione, se si fossero limitati alle 36 ore settimanali: in pratica i dipendenti delle dogane fanno lavoro straordinario a gratis !

    Noi stessi siamo sconcertati dalla semplicità e quindi dall'incredibilità di tale perverso meccanismo e pertanto rimaniamo in attesa delle gradite smentite che i sindacati ci vorranno gentilmente fornire magari con delle tabelle comparative di tutte le voci sia stipendiali che di salario accessorio tra i lavoratori dell'Agenzia delle dogane e i lavoratori delle altre Agenzie fiscali; anche perché abbiamo deciso di chiudere con i sindacati che non ci hanno correttamente difeso e siamo conseguentemente alla ricerca di un'organizzazione sindacale degna di tale qualificazione.

    Reggio Emilia 27 gennaio 2004

    I lavoratori dell'Ufficio delle Dogane di Reggio Emilia

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «Contratto Agenzie Fiscali»

    3043