il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

Taranto

Taranto

(26 Ottobre 2012) Enzo Apicella
Una ricerca del ministero della Salute indica che a Taranto le morti per tumori sono nettamente al di sopra della media

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Il saccheggio del territorio)

Italia, è record europeo per "saccheggio ambientale"

Più di 6mila cave e 888 cementifici. Altraeconomia lancia l'allarme

(2 Aprile 2011)



"I numeri che forniamo - spiega l'autore dell'inchiesta, Luca Martinelli, all'agenzia Dire-Redattore sociale - vogliono essere uno strumento per discutere delle problematiche sociali e ambientali legati a questi settori". Punto di partenza di questa colata grigia, sono le cave. "Un'attività molto redditizia - spiega Martinelli - e questo fa sì che per avere la possibilità di continuare a estrarre materiale si arrivi a violare norme che tutelano l'ambiente". Oppure che si trovi un modo per aggirarle. Nel libro è riportato ad esempio il caso dei 46 laghetti artificiali per la piscicoltura o la pesca sportiva realizzati in Lombardia negli ultimi 10 anni: "I comuni davano il via libera alla realizzazione del laghetto che però, di fatto, era una cava mascherata - spiega Martinelli -. Alcuni hanno una profondità di 26 metri".
Oltre alle cave ci sono poi i cementifici: spesso, di fatto, inceneritori mascherati. "Sono diventati spazi dove bruciare i rifiuti - spiega Luca Martinelli -. Invece del carbone o del metano, utilizzano i rifiuti e vengono anche pagati per questa attività di smaltimento". Ovviamente l'utilizzo di questi "combustibili alternativi" rappresenta solo una parte di quanto finisce nelle caldaie degli 88 cementifici attivi in Italia: meno del 10% del totale, pari a 1,46 milioni di tonnellate (2008, ultimo dato disponibile). "Ma potrebbero arrivare a bruciare dieci volte tanto: 19,6 milioni di tonnellate", conclude Martinelli. Protagonisti attivi dell'inchiesta sono anche centinaia di comitati che si battono contro la devastazione del territorio (molti dei quali hanno aderito alla campagna "Stop al consumo di suolo") e che hanno contribuito al lavoro d'inchiesta. "L'obiettivo è costruire una mappa concettuale che permetta di capire dove agire per frenare la cementificazione e le altre forme di attacco al territorio", conclude Martinelli. Nei "titoli di coda", infine, un dialogo sulla tutela del paesaggio con Salvatore Settis.

www.liberazione.it

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il saccheggio del territorio»

Ultime notizie dell'autore «Liberazione»

4005