il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

F35

F35

(14 Maggio 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Autoferrotranvieri: accordo a Milano

(15 Gennaio 2004)

Con l'intesa, alle 9 a Palazzo Marino, è finito così il braccio di ferro durato due giorni, durante i quali i conducenti dell'Atm hanno scioperato senza preavviso, senza rispettare le fasce di garanzia e l'altro ieri anche a dispetto della precettazione del prefetto, Bruno Ferrante. Una protesta che potrebbe ricominciare una volta terminata la precettazione, cioè lunedì prossimo, secondo gli Slai Cobas che definiscono quello di Milano un "accordo truffa che cerca di dividere i lavoratori milanesi dal resto della categoria".

Se entro fine mese i dipendenti dell'Atm avranno accettato la bozza firmata ieri da Cgil Cisl e UIl cittadine, riceveranno a gennaio un anticipo di 250 euro sul premio di redditività che sarà distribuito a giugno, e in più un una tantum di 300 euro a fine febbraio, che diventerà un aumento fisso di 25 euro al mese dal 2005. Venticinque euro che, uniti agli 81 previsti dal contratto nazionale, portano ai 106 euro che i tranvieri chiedevano dall'inizio come adeguamento al carovita previsto nel contatto nazionale. Ecco tutte le novità del contratto.

Sono otto gli articoli dell'ipotesi di accordo milanese. Nell'intesa, che prevede un rinnovamento degli accordi oggi vigenti nell'Atm, non è inclusa una contropartita diretta ai miglioramenti salariali con aumento della produttività e delle prestazioni di lavoro, elemento questo che ha fatto superare il difficile nodo nella trattativa.

Al punto tre Atm e sindacati "convengono di aprire il confronto entro il mese di gennaio al fine di valutare congiuntamente ricadute ed evoluzione" sulle modalità di partecipazione alle gare internazionali di "societarizzazione» della Spa comunale".

"Al fine di supportare il miglioramento continuo quali-quantitativo del servizio offerto - recita il punto quattro - per favorire gli investimenti incrementando qualità, sicurezza, affidabilità e comfort dell'azienda, le parti convengono di proseguire nelle politiche di ottimizzazione dell'organizzazione del lavoro, con il coinvolgimento e la partecipazione dei lavoratori".

L'art. 5 e l'art. 5 bis del testo riguardano sostanzialmente un impegno a "dare attuazione a progetti, anche settoriali", relativi, come specifica un allegato, alla "riduzione del 10% delle prestazioni straordinarie effettuate nel 2003, a una riduzione del tempo forfettario cosiddetto di "chiamata" nella misura del 50%, pur mantenendo intatta la retribuzione minima prevista".

Un ulteriore punto riguarda i cosiddetti "cambi in linea", fissati a un massimo di quattro "in funzione della lunghezza e tipologia della linea" da concordare, comunque, tra le parti.

Gli articoli 6.1 e 6.2 trattano la parte economica che rispecchia quanto già messo a disposizione dall'Atm nel corso dei precedenti incontri: un'anticipazione del premio di retribuzione relativa all'esercizio 2003 pari a 250 euro fin dal mese di gennaio 2004, con un conguaglio a giugno. L'accordo prevede inoltre che, con la busta paga di febbraio 2004, al personale assunto a tempo indeterminato sarà corrisposta una somma lorda di 300 euro una tantum, che sarà poi erogata nel corso dei 12 mesi dell'anno, scaglionata, a partire da gennaio 2005. Per il personale con contratto di formazione lavoro quest'ultimo provvedimento sarà applicato nella misura del 50%.

L'Amministrazione comunale ha inserito ancora un articolo che riguarda la cosiddetta "proceduralizzazione del conflitto", ovvero l'obbligo, da parte dei lavoratori, di annunciare in anticipo e rispettare le date degli scioperi. Le Rsu scioglieranno definitivamente la riserva sull'accettazione dell' accordo entro il 31 gennaio.

Centro di documentazione e lotta

6770