il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Università munnezza

Università munnezza

(25 Novembre 2010) Enzo Apicella
La riforma Gelmini In discussione alla Camera

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Sull'assemblea nazionale di “Lavoro e Società – cambiare rotta” della Cgil

Lettera aperta ai compagni del coordinamento nazionale

(21 Febbraio 2004)

Da molte parti e da tempo si chiedeva la convocazione di una assemblea nazionale dell’area programmatica. Convocazione che sembrava infine essere stata decisa in occasione del coordinamento nazionale dell’area tenutosi nell’ottobre 2003.

L’urgenza di una assemblea nazionale rispondeva alla necessità di coinvolgere tutto il quadro militante in una riflessione collettiva sul ruolo dell’area in Cgil, soprattutto alla luce di una non positiva e sicuramente contradditoria stagione contrattuale ed alla luce delle problematiche (politiche rivendicative, modello contrattuale, rappresentanza, ecc) che sono ormai all’ordine del giorno delle prossime scelte che la Cgil deve compiere, anche per le pressioni messe oggi in campo da Cisl e Uil e dalla decisione Fiom di andare anticipatamente al suo congresso.

Una assemblea nazionale che necessitava anche di un percorso preparatorio che coinvolgesse i territori e le categorie non fosse altro perché non piccole sono state le fratture che, sopratutto in alcune categorie, hanno interessato i compagni dell’area in merito alla valutazione sulle piattaforme e sugli accordi, e perché non si può nascondere che lo stato dell’area, soprattutto in alcuni territori e categorie è, sia dal punto di vista organizzativo che di proposta, estremamente deficitario.

Vi era cioè un bisogno palpabile di rivitalizzare e rilanciare l’area a partire da un maggiore coinvolgimento della sua base congressuale, superando i limiti di un procedere sempre più chiuso unicamente nei gruppi dirigenti e sempre meno capace di motivare e coinvolgere la gran parte della base militante.

La convocazione della riunione nazionale che l’area programmatica ha fissato per il prossimo 4 marzo non risponde in alcun modo alle necessità sopra elencate.

Anche se la si è chiamata “Assemblea nazionale” ci troviamo di fronte (invece ed ancora una volta) alla decisione del coordinamento nazionale dell’area di convocare se stesso, allargando l’invito ai soli gruppi dirigenti delle categorie nazionali, dei direttivi camerali e regionali confederali.

Oltre tutto la convocazione è decisamente tardiva e successiva alla riunione del direttivo nazionale della Cgil del 16 febbraio. Un direttivo importante nel quale la maggioranza dell’area si è semplicemente astenuta (senza un coinvolgimento preventivo e senza alcun mandato) sulle prime proposte in merito alla “nuova politica dei redditi”.

Lo stesso ordine del giorno della riunione del 4 marzo non viene neppure indicato nella lettera di convocazione, che parla solo di un rimando a future ulteriori informazioni logistiche, quasi a sottolineare che il gruppo dirigente, e solo lui, sa già di cosa si discuterà.

Vista la situazione estremamente delicata che dovremo affrontare nei prossimi mesi, dove la questione del modello contrattuale è già all’ordine del giorno della discussione sindacale, non possiamo ritenere la riunione del 4 marzo una scelta adeguata nè esaustiva della discussione che deve fare l’area.

Rimane tutta aperta la necessità di una vera assemblea nazionale delle delegate e dei delegati Rsu, dei militanti dell’area programmatica. Rimane tutta aperta la necessità di dotare l’area di una piattaforma e di un programma che produca pratiche coerenti e verificabili, superando così una gestione purtroppo sempre più verticistica.

Chiediamo quindi che sia preciso impegno di tutte le strutture dell’area (categoriali e territoriali) di trasformare la riunione del 4 marzo in via Frentani a Roma, in una “vera assemblea”, allargando e favorendo la partecipazione delle delegate e dei delegati Rsu, dei militanti dell’area, dando così a tutti la possibilità di portare il loro contributo a quella “assemblea” che altrimenti rischia di ridursi , come succede da troppo tempo, alla solita passerella di segretari e di apparati.

1.. Achille Zasso (Rsu Asl Città Di Milano)
2.. Airoldi Bernardo (Rsu Met - Milano)
3.. Alessandro Gulinati (Dir.Prov.Nidil Cgil Bologna)
4.. Alessandro Leonardi (Rsu Rieter Novara)
5.. Alessio Beri (Rsu Treemme Fiom Cuneo)
6.. Amoruso Antonio (Rsu Postal Market Milano)
7.. Andrea Furlan (Rsu Hotel Visconti Palace)
8.. Bagnaschi Antonio (Rsu Waste M.- P.Borromeo)
9.. Bellobono Giorgio (Rsu Meritor Novara)
10.. Bortolato Davide (Comitato Direttivo Fiom Cgil Padova)
11.. Bortolozzo Gino (Comitato Direttivo Filtea Cgil Veneto)
12.. Braglia Pietro (RSU Unicarni R.Emilia)
13.. Bricchi Giovanni (Rsu Fatebenefratelli - S.Colombano Al Lambro - Milano)
14.. Brunello Marmiroli (RSU Unicarni R.Emilia)
15.. Carelli Carlo (Rsu Unilever Lodi)
16.. Carmelo Zumbo (Rsu Rieter Novara)
17.. Caterina Marassi (Rsu Banca Intesa Imperia)
18.. Cesani Silvana(Rsu Comune Casalpusterlengo)
19.. Coccoli Gianfranco (Rsu Fip Industriale, Segreteria Fiom Cgil Padova)
20.. Corestini Francesco (Dir. Fp-Cgil Brianza)
21.. Cortellessa Giovanni (Rsu Asl Lodi)
22.. Davide Bacchelli (Rsu Ima Bologna)
23.. Di Massa Anna (Rsu Pompea Intimo - Mantova)
24.. Diego Cattaneo (Rsu Porto Genova - Compagnia Pietro Chiesa)
25.. Domenico Conte (Dir.Prov.Nidil Cgil Bologna)
26.. Donato Luigi (Rsu Atofina Rho)
27.. Doro Francesco (Rsu I.M. Parpas - Comitato Direttivo Fiom Cgil Veneto)
28.. Eliseo Cerzà (Rsu Ferrari Maranello)
29.. Fabrizio Bertoni (Rsu Ferrari Maranello)
30.. Ferrarini Ivan (Rsu Tai Guardamiglio)
31.. Ferretti Fabio (Rsa Cgil Ferport Genova)
32.. Ferruccio Benedetto ( Rsu Off.Ort.Rizzoli Bologna)
33.. FilippoOrlando Rsu (Rsu IPER Alessandria)
34.. Fiore Fabio (Rsu Atofina Rho)
35.. Fortino Rita (Rsu Ufficio Entrate Lodi)
36.. Giannelli Michele (Rsu LEGRAND Alessandria)
37.. Gianni Pistonesi (Rsu SIG Manzini Parma)
38.. Gigi Proietti ( Rsu STA Roma)
39.. Giuliano Veronesi (Rsu GVM Martini Novara)
40.. Grabriele Buffa (Rsu Spa Milano)
41.. Granata G.Franco (Rsu Itr Pavia)
42.. Grosso Mario (RSU Flai Saiwa Alessandria)
43.. Haertter Sveva (Rsu Sib Roma)
44.. Iacobellis Giovanni (Rsu Filcea Incoplast Alessandria)
45.. Imberti Fabrizio (Rsu Vitron Cuneo)
46.. Ivana Stefani (Rsu Fnle Amag Alessandria)
47.. Lilli Alampi (Rsu Ministero Entrate Imperia)
48.. Lorenzo Morcavallo (Rsu Sealed Aercorp - Rho)
49.. Luca Franza (Direttivo Filt Cgil Genova)
50.. Lucia Doretta (Rsu Fiom Vitron Cuneo)
51.. Luciano Gioia (Rsu Shimano Novara)
52.. Luciano Monari ( Rsu KPL Bologna)
53.. Maggio Domenico (Rsu Atofina Rho)
54.. Magliulo Paolo (Rsu LEGRAND Alessandria)
55.. Marco Malpassi (Rsu EUROPAMETALLI Alessandria)
56.. Marco Odorici ( Rsu KPL Bologna)
57.. Marco Schettini (Rsu FP Cgil Vigili Urbani Roma)
58.. Mario Pedrotti (Rsu Pioneer Parma)
59.. Mauro Giglioni (Rsu Zanini Novara)
60.. Monconi Stefano (Rsa Cgil Ferport Genova)
61.. Merlino Antonio (Rsu Aeroporto - Genova)
62.. Miceli ADA (Rsu Frimont Milano)
63.. Michele Corsi (Rsu Itsos A.Steiner Milano)
64.. Michelino Alberto (Rsu Comune Di Milano)
65.. Nodemi Alessandro (Rsu Unilever Lodi)
66.. Olivini Elvira (Direttivo Filcea Cgil Lombardia)
67.. Orlando Maviglia (Rsu Motori Minarelli Bologna)
68.. Palladin Angelo (Rsu SepadPadova)
69.. Paola Reina (RSU Azienda Sanitaria Locale -Città di Milano)
70.. Paolo Brini (Rsu Smalti Modena)
71.. Piero Ceccon (Rsu Zanini Novara)
72.. Ragni Enrico (RSU Coop Nordest R.Emilia)
73.. Re Garbagnati Laura (Direttivo Filcea Cgil Lombardia)
74.. Renzo Fanzini (Rsu SIG Manzini Parma)
75.. Rizzo Luigi (Rsu ODA Alessandria)
76.. Roberto Acerboni (Rsu Spa Milano)
77.. Roberto Crivellari (Rsu Finlane Novara)
78.. Roberto Valla (Rsu S.Pellegrino Calze - Mantova)
79.. Romano Andreoli (Rsu Ferrari Maranello)
80.. Rossano Di Nicola (RSU Frigor Box R.Emilia)
81.. Rossetti Luciano(Rsu Ponteggi Dalmine Lodi)
82.. Rossi Francesca (Direttivo Filcea Cgil Lombardia)
83.. Rossi Tino (Snur Università Pavia)
84.. Ruzzolino Francesco (Rsu Itr Pavia)
85.. Sabina Santoro (RSU INPS R.Emilia)
86.. Sandro Pesce (Rsu Autogrill Alessandria)
87.. Sauro Palazzi ( Rsu Ferrari Modena)
88.. Simona Penco (Direttivo Filt Cgil Liguria)
89.. Stoppini Giuseppe (Rsu Unilever Lodi)
90.. Tiziano Peracchi ( Rsu Mingazzini Parma)
91.. Toffanello Enrico (Rsu Sepad Spa - Padova)
92.. Tonon Franco (Rsu Unilever Lodi)
93.. Ugo Bertinelli (Rsu Sma Parma)
94.. Vallini Marco (Rsa Cgil Ferport Genova)
95.. Vassallo Roberto (Rsu Banksiel Milano)
96.. Vecchioni Massimo (Rsu Corpo Forestale Provincia Di Torino)
97.. Vettorello Maurizio (RSU MINO Alessandria)
98.. Vettore Marco (Rsa Elettroingross Padova)
99.. Zampieri Avellino (Rsu Mattino di Padova)
100.. Zanardi Marco (RSU Scatolificio La Veggia R.Emilia)

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Dove va la sinistra sindacale CGIL?»

14289