il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Lo stato dell'Unione

Lo stato dell'Unione

(27 Settembre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Più bella la vita !

dalla Francia

(22 Maggio 2011)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.webalice.it/mario.gangarossa

Come nella serie TV, molti capovolgimenti della situazione sono possibili. Autentico satiro dell’hotel Sofitel o brutto tiro contro un candidato alle presidenziali? Oggi, lunedì 16 maggio, è meglio tenere a freno la lingua. Per adesso, la cosa meno sorprendente nell’accusa è che Dominique Strauss-Kahn sarebbe uscito completamente nudo dalla doccia, come tutti! Detto ciò, è il solo particolare della vita quotidiana che il direttore del Fondo Monetario Internazionale sembra condividere con la gente comune, visto un dettaglio che è sfuggito all’indignazione o allo sconforto – a seconda dei casi – dei commentatori che si alternano sui media: quella suite a 3000 dollari la notte (più di 2000 euro), in quell’hotel Sofitel di New York. « Socialista », l’idolo dei sondaggi di questi ultimi mesi ? Prima di tutto, un uomo della grande borghesia !

I popoli greci, portoghesi, e molti altri, ai quali il FMI impone di fare sacrifici perché i loro stati rimborsino i debiti con i finanzieri, apprezzeranno. Dominique Strauss-Kahn lottava contro la crisi, diceva : ma le restrizioni non erano per lui !

E’ a immagine della grande borghesia che ha servito alla testa del FMI e che non si fa mancare niente : 83 miliardi di euro in profitti per gli azionisti del CAC 40. Un miliardo di euro di bonus distribuiti dalla sola banca BNP Paribas.

Dalle disavventure boccaccesche alla realtà del RSA

Dall’altro lato della società, la crisi cominciata nel 2008 continua a colpire. In Francia, la disoccupazione resta ai massimi livelli. Con la disoccupazione, si sviluppa anche la povertà e, per molti, c’e solo più il minimo sociale per sopravvivere. Contro quest’ultima frazione, la più indigente della popolazione, il ministro Laurent Wauquiez ha avuto la faccia tosta di puntare il dito, mentendo spudoratamente. Ha preteso che si potesse guadagnare quanto, se non più, col RSA (Reddito sociale d’inserzione) che con lo SMIC (salario minimo garantito)... Ora, il RSA è al massimo 466 € mensili per una persona sola (cinque volte meno che una sola notte nella suite di Sofitel !) Il pivello del governo ha tanto abusato della demagogia parlando di «cancro della società», che Fillon ha dovuto rimetterlo in riga, o almeno far finta.

I veri assistiti

Il ritornello sugli assistiti non è nuovo. Serve soprattutto a proteggere i veri assistiti, gli assistiti di lusso. Come quei ricchi che beneficiano dello scudo fiscale, che permette ad alcuni ricconi di ricevere milioni di euro di riduzione d’imposta. Certamente, lo scudo fiscale sarà presto soppresso, ma in cambio l’imposta sul patrimonio sarà abbassata, il che farà lo stesso!

In realtà, queste riduzioni fiscali sono una ciliegia sulla torta per i borghesi. I padroni ricevono miliardi di euro di esoneri sui contributi sociali. E molti altri miliardi di aiuti pubblici alla imprese, con vari pretesti. Tanti aiuti, che è difficile calcolarli: forse 65 miliardi all’anno secondo la Corte dei Conti... Ma sicuramente ancor di più. Dopo tutto, nel 2008, quando occorreva « salvare le banche », lo stato francese si era impegnato per la somma esorbitante di 260 miliardi!

I nostri veri nemici sono indubbiamente le classi possidenti che realizzano fortune sulle nostre spalle, e gli uomini al loro servizio, si dicano di destra o di sinistra. I lavoratori non hanno niente da aspettarsi da costoro. In mancanza di Porsche, di Rolex, di suites di lusso o di altre cene da Fouquet’s, i lavoratori non sono indifesi, a condizione di utilizzare i loro mezzi per difendersi. Queste ultime settimane, ci sono stati scioperi per esigere aumenti salariali, come sulle linee RER della RATP nella regione parigina, i bus dei Courriers de l’Ile de France, i tram di Marsiglia, nei supermercati Carrefour Market, ma anche in molte altre imprese. I lavoratori che si battono non fanno che chiedere il dovuto! Movimenti ancora limitati, ma che dovrebbero pur finire per convergere, per imporre un’attualità politica e sociale completamente diversa, rispetto alle cattive sceneggiate in margine alla corsa alla presidenza.

RSA : Revenu Social d'Insertion. (reddito sociale di inserimento)
SMIC : Salaire Minimum Interprofessionnel de Croissance. (Salario minimo garantito)
RER : Réseau Express Régional. (Rete regionale Express; metro che servono la periferia parigina)
RATP : Régie Autonome des Transports Parisiens . (Azienda Autonoma dei Transporti Parigini)
CAC 40: Compagnie Nationale des agents de change.(Compagnia nazionale degli agenti di cambio)

Editoriale del bollettino di fabbrica "l’Etincelle" pubblicato dalla frazione di minoranza di Lutte Ouvrière - 16 maggio 2011

http://www.convergencesrevolutionnaires.org

traduzione di Michele Basso

Convergences Révolutionnaires

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il capitalismo è crisi»

Ultime notizie dell'autore «Convergences Révolutionnaires»

5336