il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Suora Pronobis

Suora Pronobis

(10 Settembre 2011) Enzo Apicella
Maurizio Sacconi spiega l'articolo 8 della Manovra (quello sui licenziamenti senza giusta causa) con l'esempio delle suore violentate: "basta dire di no"

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • L’iniquità dell’Irpef
    (18 Gennaio 2022)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Diritti sindacali)

    Istat. Donne licenziate per maternità

    (23 Maggio 2011)

    anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.dirittidistorti.it

    Che molto c’è ancora da fare per una parità di genere sostanziale e reale e non solo formale, lo confermano questa volta i dati Istat su “La situazione del Paese nel 2010”, che analizzano la situazione donna-lavoro. Ben 800.000 donne, con l'arrivo di un figlio, sono state costrette, in un modo o nell’altro, a lasciare il lavoro, perché licenziate o messe nelle condizioni di doversi dimettere. Un fenomeno che colpisce più le giovani generazioni rispetto alle vecchie e che appare particolarmente critico nel mezzogiorno, dove pressoché la totalità delle interruzioni può ricondursi alle dimissioni forzate. L'allarme sulla difficile condizione delle donne e il mercato del lavoro è contenuta nel rapporto annuale. Nel 2008-2009 circa 800.000 madri hanno dichiarato che nel corso della loro vita lavorativa sono state messe in condizione di doversi dimettere in occasione o a seguito di una gravidanza. Si tratta dell'8,7% delle madri che lavorano o hanno lavorato in passato e che sono state costrette dalle aziende a lasciare il lavoro, magari firmando al momento dell'assunzione delle “dimissioni in bianco”. A subire più spesso questo trattamento, si legge nel rapporto Istat, non sono le donne delle generazioni più anziane ma le più giovani, 6,8% contro 13,1%, le residenti nel mezzogiorno (10,5%) e le donne con titoli di studio basso (10,4%). Una volta lasciato il lavoro solo il 40,7% ha poi ripreso l'attività, con delle forti differenze nel paese: su 100 donne licenziate o indotte a dimettersi riprendono al lavorare 15 nel nord e 23 nel sud. Il ruolo fondamentale all'interno della famiglia, svolto dalle donne, condiziona fortemente la possibilità di lavorare o di reinserisi nel mercato del lavoro.

    23-5-11

    DirittiDistorti

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «Diritti sindacali»

    Ultime notizie dell'autore «DirittiDistorti»

    4464